HOME Articoli

Lo sai che? Prostatite cronica? La pipì in luogo pubblico resta un reato

Lo sai che? Pubblicato il 29 marzo 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 29 marzo 2012

Commette reato chi fa la pipì in un luogo pubblico e non è giustificato per il fatto di soffrire di prostatite cronica.

Mille euro di ammenda per l’extracomunitario che fa la pipì in un giardino pubblico della Capitale: anche se affetto da prostatite cronica, il suo gesto è un atto contrario alla pubblica decenza e pertanto va comunque punito.

Lo ha deciso il Giudice di Pace di Roma [1] che, sulla scorta di tale principio, ha punito il bisogno fisiologico, sia pur impellente e incontrollabile, di un uomo adulto.

In realtà, ha rilevato il giudice, i servizi igienici distavano non più di trenta metri dal luogo del “fattaccio” e l’uomo non aveva neanche adottato le opportune cautele per nascondersi dai viandanti.

Si tratta dunque di una condotta “contraria al comune senso di costumatezza” che va punita.

 

 

note

[1] G.d.P. di Roma, sent. n. 105223/12.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI