HOME Articoli

News Pensioni e previdenza, tutte le novità dalla Stabilità 2016

News Pubblicato il 16 dicembre 2015

Articolo di




> News Pubblicato il 16 dicembre 2015

Estensione Opzione Donna, No Tax Area pensionati, finanziamento contratti di solidarietà, proroga disoccupazione Co.co.co.: gli ultimi emendamenti alla legge di Stabilità.

 

Il settore previdenziale, nel rush finale degli emendamenti alla Legge di Stabilità, ha riservato delle sorprese positive: dall’estensione immediata della No Tax area ai pensionati, all’ampliamento della pensione anticipata con Opzione Donna, alla proroga della Dis-Coll, la disoccupazione dei Co.co.co. Vediamo insieme le principali novità in merito.

Estensione Opzione Donna

L’Opzione Donna, cioè il Regime Sperimentale introdotto dalla Legge Maroni [1], che permette di pensionarsi con requisiti più leggeri rispetto a quelli previsti dalla Legge Fornero [2] (ossia 57 anni e 3 mesi di età, per le dipendenti, e 58 e 3 mesi per le autonome, con 35 anni di contributi, previa attesa di una finestra, rispettivamente, di 12 e 18 mesi, e stante il ricalcolo contributivo dell’assegno), aveva già ricevuto una prima estensione al 31 dicembre 2015.

La proroga lasciava, però, tagliate fuori le nate nell’ultimo trimestre dell’anno, poiché al requisito di età, di 57 o 58 anni, sono stati aggiunti, nel 2013, 3 mesi, in base agli adeguamenti alla speranza di vita. Pertanto, restavano fuori dal beneficio le nate da ottobre in poi.

Grazie a un emendamento presentato ieri, però, sarà possibile l’estensione del Regime anche alle nate nell’ultimo trimestre, e , forse, anche a chi maturerà i requisiti posteriormente: è stato previsto, difatti, un monitoraggio annuale sugli stanziamenti per Opzione Donna, da eseguirsi al 30 settembre. Se, alla data, emergerà un risparmio di risorse, sarà possibile allargare la platea di beneficiarie della misura.

Non è difficile ipotizzare che i risparmi, nel lungo periodo, ci saranno, poiché, nonostante un numero maggiore di uscite dal lavoro, l’esiguità dell’assegno calcolato col contributivo farà risparmiare allo Stato cifre considerevoli.

 

No Tax Area pensionati

L’ampliamento della No Tax Area per i pensionati, cioè alla soglia al di sotto della quale non sono dovute tasse, in quanto le detrazioni superano l’imposta lorda, sarebbe dovuto avvenire solo nel 2017: grazie agli ultimi emendamenti messi in atto, invece, una prima estensione avverrà già nel 2016. In particolare:

– per gli under 75, la No Tax Area sarà estesa ad un reddito annuo di 7.750 Euro;

– per chi ha compiuto 75 anni, invece, sarà estesa ad un reddito annuo di 8.000 Euro.

Estensione Dis-Coll

Prorogata anche la Dis-Coll, cioè l’indennità di disoccupazione per i Co.co.co.: proprio perché dal 2016 tale forma contrattuale sarà utilizzata raramente, vista la facilità con cui la parasubordinazione può essere ricondotta al rapporto di lavoro dipendente, le risorse stanziate per la misura, con un piccolo ampliamento, sono sufficienti per far fronte alle richieste di disoccupazione per tutto l’arco del 2016.

Ricordiamo che i requisiti richiesti per la Dis-Coll sono:

– iscrizione esclusivamente alla Gestione Separata Inps;

3 mesi di contributi nell’anno solare precedente alla fine del rapporto;

– almeno un mese di contributi nell’anno in cui si termina il rapporto di collaborazione;

– in alternativa all’ultimo requisito, sussistenza di un rapporto di collaborazione della durata di un mese, con compenso almeno pari alla metà della contribuzione mensile.

La durata massima della Dis-Coll è di 6 mesi, e l’ammontare risulta circa il 75% dell’imponibile: per ulteriori specifiche sull’argomento, si veda: Disoccupazione Co.co.co. per tutto il 2016.

Proroga contratti di solidarietà

Con uno stanziamento di 60 milioni sono stati prorogati, per un anno, gli ammortizzatori legati ai contratti di solidarietà, per le aziende escluse dalle integrazioni salariali.

 

Cumulo maternità e anni di laurea

Un’altra novità positiva, nell’ambito previdenziale, è la possibilità, per la lavoratrice, di cumulare il riscatto degli anni di laurea col periodo della maternità facoltativa, al di fuori del rapporto di lavoro.

 

Maternità e premi di produttività

Sempre in tema di maternità, sarà possibile computare le presenze della lavoratrice in astensione obbligatoria, ai fini dei premi di produttività.

Le altre novità in tema di pensioni

In ambito pensionistico, poi, sono state confermate, ma senza modifiche, le due principali novità: la possibilità di flessibilità in uscita, con l’utilizzo del part time per gli over 63 ed il pagamento della contribuzione piena, e l’apertura della Settima Salvaguardia. Per un approfondimento sull’argomento, si veda: Settima Salvaguardia, requisiti e decorrenze.

note

[1] L.243/2004.

[2] D.L. 201/2011.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI