Interessi legali dal 2016 allo 0,2%

16 dicembre 2015


Interessi legali dal 2016 allo 0,2%

> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 dicembre 2015



Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Ministero dell’Economia che dispone l’aggiornamento dei tassi di interesse legali: 0,2% all’anno.

Scende ancora il tasso degli interessi legali che, dallo 0,5% previsto per l’anno scorso, passa allo 0,2% per il 2016. La diminuzione, appena ufficializzata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale [1] dell’apposito decreto, è il frutto dell’attuale stato in cui versa la nostra economia, con un tasso di inflazione ai minimi storici, causato soprattutto dalla crisi dei consumi. Inflazione quasi a zero, interessi quasi a zero. Una regola che stabilirà le sorti di tutti i rapporti contrattuali tra privati, aziende e pubbliche amministrazioni che non abbiamo appositamente concordato, per iscritto, un tasso di interesse differente.

Il saggio degli interessi legali è determinato ogni anno dal MEF con decreto pubblicato nella Gazzetta Ufficiale non oltre il 15 dicembre dell’anno precedente a quello cui il saggio si riferisce. La modifica viene effettuata sulla base del rendimento medio annuo lordo dei titoli di Stato di durata non superiore a dodici mesi e tenuto conto del tasso di inflazione registrato nell’anno.

Qualora entro il 15 dicembre non sia fissata una nuova misura del saggio, questo rimane invariato per l’anno successivo.

Gli interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto.

Gli interessi maturano ogni giorno, ma sono esigibili quando scadono, di regola annualmente.

Altra cosa sono gli interessi moratori che spettano, invece, nel caso di ritardo nel pagamento di una prestazione oltre il termine convenuto in contratto.

Gli interessi legali costituiscono, al contrario, il normale corrispettivo per una prestazione (si pensi alla restituzione di una somma erogata a titolo di mutuo) o per l’adeguamento di una prestazione di tipo economico da pagarsi nel tempo (si pensi a un canone che venga annualmente aggiornato sulla base del saggio di interessi annuali).

Il tasso di interesse legale, tra gli altri, si applica ai:

– rapporti tra cittadino e Stato;

– contratti in cui non è stato stabilito un interesse diverso tra le parti.

note

[1] MEF dm dell’11.12.2015, in Gazz. Uff. n. 291/2015.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI