HOME Articoli

Lo sai che? Inps, pubblicato il calendario 2016 di pagamento delle pensioni

Lo sai che? Pubblicato il 19 dicembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 19 dicembre 2015

Pagamento delle prestazioni previdenziali Inps 2016.

Il pagamento delle pensioni e delle prestazioni previdenziali dell’Inps è sempre stata una fonte di problemi, per via dello scaglionamento basato sull’iniziale del cognome dei beneficiari: così, mentre alcuni fortunati riuscivano a ricevere le spettanze il primo del mese, altri addirittura ricevevano l’assegno il 15.

La problematica è, fortunatamente, stata risolta da una recente normativa, risalente a maggio scorso, la cui operatività è stata chiarita da un noto messaggio dell’Inps [1].

Secondo la nuova disciplina, dal primo giugno 2015 ogni prestazione dell’Inps deve essere pagata nel primo giorno di ciascun mese, o il giorno successivo se si tratta di giornata festiva o non bancabile, con un unico mandato di pagamento: l’unica eccezione è costituita dal mese di gennaio, in cui il pagamento deve essere effettuato il secondo giorno bancabile.

Tuttavia, può ingenerarsi, nonostante l’armonizzazione delle date, una certa confusione, dato che le giornate bancabili possono essere differenti , a seconda che il pagamento avvenga tramite Poste Italiane o un diverso Istituto di credito.

 

Pagamento pensioni gennaio 2016

È il caso, ad esempio, del prossimo mese, gennaio 2016: in base al calendario dei giorni bancabili, difatti, il secondo giorno bancabile cade, per Poste Italiane, in una giornata differente rispetto agli altri Istituti di credito.

Pagamenti 2016

Per evitare confusione e fissare le date con certezza, l’Inps ha dunque pubblicato il nuovo calendario 2016, relativo ai pagamenti delle pensioni e delle altre prestazioni, con un recente messaggio [2].

Vediamo di seguito le giornate di pagamento relative all’intera annualità:

gennaio 2016 : lunedì 4 – secondo giorno bancabile per poste italiane;

gennaio 2016 : martedì 5 – secondo giorno bancabile per gli altri istituti di credito ;

febbraio 2016:lunedì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

marzo 2016: martedì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

aprile 2016: venerdì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

maggio 2016: lunedì 2- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

giugno 2016: mercoledì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

luglio 2016: venerdì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

agosto 2016: lunedì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

settembre 2016: giovedì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

ottobre 2016: sabato 1- primo giorno bancabile per poste italiane;

ottobre 2016: lunedì 3- primo giorno bancabile per gli altri istituti di credito;

novembre 2016: mercoledì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito;

dicembre 2016: giovedì 1- primo giorno bancabile per poste italiane e per gli altri istituti di credito.

Prestazioni Inps

Oltre alle pensioni, le prestazioni dell’Inps sulle quali incide l’armonizzazione delle date di pagamento sono:

prestazioni previdenziali;

assegni (ad esempio l’assegno sociale);

– pensioni ed indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili.

Pagamenti 2017

La normativa stabilisce anche che, a partire dal 2017, i pagamenti saranno effettuati nella seconda giornata bancabile, e non più nella prima. Per il 2018 e le annualità successive, nulla è dato sapere: ci si augura solo che gli spostamenti in avanti dei pagamenti non subiscano adeguamenti periodici, altrimenti, da qui a pochi anni, il beneficio dell’armonizzazione potrebbe trasformarsi in uno svantaggio, anche se andrebbe a colpire tutti i pensionati nella stessa misura.

note

[1] Inps Mess. 3519/2015.

[2]Inps Mess. 7508/2015.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI