Diritto e Fisco | Articoli

Se il creditore pignora troppo: come ridurre l’esecuzione sproporzionata

22 dicembre 2015


Se il creditore pignora troppo: come ridurre l’esecuzione sproporzionata

> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 dicembre 2015



Esecuzione forzata: il giudice interviene quando il valore dei beni vincolati è eccessivo rispetto ai crediti.

Il creditore è sì libero di scegliere i beni del debitore da pignorare e non incontra limiti di importo per poter avviare l’esecuzione forzata, tuttavia tale diritto non deve risolversi in un’eccessiva compressione degli interessi del soggetto pignorato: tanto è vero che la legge, per tutelare i debitori, ha introdotto una serie di strumenti volti a limitare l’uso sproporzionato dell’espropriazione forzata. In questo modo il giudice ha il potere di valutare l’operato del creditore.

Gli strumenti previsti dal Codice di procedura civile sono:

– limitazione dei mezzi di espropriazione in presenza di cumulo [1],

– riduzione del pignoramento [2],

– cessazione della vendita forzata [3]

– sospensione della vendita [4].

Limiti ai mezzi di espropriazione

Se il creditore ha avviato più procedure esecutive nello stesso tempo, tutte volte a recuperare lo stesso credito, il debitore può richiedere la limitazione dei mezzi di espropriazione. In tale caso, egli può presentare anche oralmente un reclamo al giudice dell’esecuzione, il quale, esaminata l’istanza, predisporrà la comparizione delle parti.

Se il giudice riterrà l’istanza fondata, il creditore sarà tenuto a scegliere il mezzo esecutivo che ritiene più opportuno, oppure se il mezzo indicato dal debitore non permetta la realizzazione del credito, il giudicante individuerà lo strumento da utilizzare disponendo la limitazione del cumulo e l’improcedibilità degli altri procedimenti esecutivi pendenti. La decisione del giudice è assunta con ordinanza non impugnabile.

Riduzione del pignoramento

La riduzione del pignoramento può essere disposta nei casi in cui il creditore, nell’ambito della stessa esecuzione forzata, abbia vincolato beni di valore sproporzionato rispetto al credito per cui sta agendo.

Tale rimedio può essere disposto o su istanza di parte (tramite reclamo) o direttamente dal giudice dell’esecuzione. L’istanza può essere proposta fino alla vendita dei beni.

Il giudice decide sull’istanza di riduzione sentiti il creditore procedente e i creditori intervenuti. La valutazione relativa alla sproporzione tra credito e pignoramento va condotta con riferimento al valore dei beni attribuito dalla perizia di stima.

Se il giudicante riscontra non solo un eccesso nell’impiego del mezzo esecutivo, ma anche il dolo o la colpa grave del creditore procedente, su istanza di parte può condannare il creditore al risarcimento per responsabilità aggravata.

La riduzione avviene per legge o per volontà delle parti. Essa si attua secondo una delle seguenti modalità:
– riducendo la somma per la quale venne presa l’iscrizione (riduzione vera e propria della somma iscritta);

– restringendo l’iscrizione ad alcuni soltanto dei beni colpiti dalla formalità ipotecaria o ad alcune soltanto delle porzioni di cui sia composto l’unico bene;

– in entrambi i modi contestualmente.

La modificazione derivante dalla riduzione o dalla restrizione dell’ipoteca significa permanenza dell’antica iscrizione e dell’originaria ipoteca, che non viene cancellata, ma rettificata attraverso la modificazione dell’entità della somma garantita e/o della quantità dei beni posti a garanzia. Infatti la riduzione si esegue mediante annotazione a margine dell’iscrizione ipotecaria originaria.
La legge non determina le formalità per la riduzione. Si ritengono, perciò, applicabili le norme relative alla cancellazione dell’ipoteca.

L’interessato può chiedere al giudice la riduzione delle ipoteche giudiziali e legali (eccetto quelle dell’alienante e dei condividenti), quando ricorre una delle seguenti condizioni:

– i beni compresi nell’iscrizione hanno un valore che eccede la somma garantita. Il valore dei beni è reputato superiore se supera di almeno 1/3 l’importo dei crediti iscritti, accresciuto degli accessori sia al tempo dell’iscrizione sia a quello della domanda; tale condizione deve sussistere sia al momento dell’iscrizione sia successivamente;

– la somma determinata dal creditore nell’iscrizione superi di 1/5 quella che l’autorità giudiziaria dichiara dovuta.

Essa si effettua riducendo l’ipoteca alla somma per la quale è stata presa l’iscrizione oppure restringendo l’iscrizione soltanto ad una parte dei beni. In quest’ultimo caso, se l’ipoteca ha ad oggetto un solo bene può procedersi a restrizione solo se il bene abbia parti distinte o tali che si possano distinguere.

Vendita in più lotti

Alcune volte la vendita dei beni immobili del debitore, può essere disposta in più lotti. In tali casi la vendita deve cessare se il ricavato della vendita dei primi lotti è sufficiente al soddisfacimento dei creditori procedenti, dei creditori intervenuti e delle spese della procedura.

I primi due rimedi mirano quindi a tutelare il debitore prima della vendita, mentre la disciplina della vendita in più lotti tutela il debitore nella fase successiva.

Tale rimedio non può essere esperito dopo che sia intervenuta l’aggiudicazione del bene pignorato.

Creditori ipotecari

Infine, se un creditore ipotecario ha esteso il pignoramento a beni non ipotecati a suo favore, il giudice dell’esecuzione può o procedere alla riduzione del pignoramento o sospendere la vendita dei beni non ipotecati fino al compimento di quella dei beni immobili ipotecati. Il provvedimento è assunto previa audizione delle parti ed è opponibile.

note

[1] Art. 483 cod. proc. civ.

[2] Art. 496 cod. proc. civ.

[3] Art. 504 cod. proc. civ.

[4] Art. 558 cod. proc. civ.

[1] Art. 483 cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI