| News

Legge di stabilità 2016 definitiva: tutte le news in pillole

23 dicembre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 23 dicembre 2015



La finanziaria 2016 è diventata legge: tutte le novità, dal canone Rai in bolletta all’addio alla Tasi sulla prima casa.

Con l’ok del Senato, la Legge di Stabilità 2016 è diventata finalmente definitiva. Vediamo tutte le news in pillole, nella loro ultima versione, per capire che cosa ci porterà (o ci toglierà) il 2016.

Canone Rai in bolletta: salasso da luglio

La news più discussa (e odiata) riguarda il pagamento del Canone Rai nella bolletta elettrica. Questo sarà dovuto, nella misura di 100 Euro annui, da tutti coloro che possiedono un apparecchio. Il possesso di apparecchi atti a ricevere il segnale tv è però presunto per il solo fatto di avere un’utenza elettrica.

Sarà possibile, ad ogni modo, inviare una dichiarazione all’Agenzia delle Entrate di mancato possesso di apparecchi televisivi o atti a ricevere il segnale, ma chi dichiara il falso rischia sanzioni penali.

Il pagamento avverrà in 10 rate da gennaio a ottobre ma, per il 2016, inizierà da luglio, mese in cui saranno inserite tutte le rate arretrate: un salasso che si sarebbe potuto evitare, con un po’ di organizzazione in più. Saranno esentati dal pagamento del canone i pensionati over 75 con un reddito inferiore a 8.000 Euro.

Abolizione Tasi

Abolita la Tasi sulla prima casa, secondo le previsioni. Resta più difficile il discorso per le case date in comodato a figli o genitori: in quest’ipotesi, niente Tasi se il comodante possiede la sola abitazione principale (oltre alla casa concessa in comodato) e abita nello stesso Comune di residenza.

Pagamenti in contanti

Innalzata, dal primo gennaio 2016, la soglia per poter pagare in contanti, pari a 2.999,99 Euro. Resta fermo il vecchio limite di 1.000 Euro (precisamente 999,99) per i money transfer, e per i pagamenti da parte della Pubblica Amministrazione.

Le sanzioni andranno dall’1% al 40% della somma trasferita oltre il limite, con una sanzione minima pari a 3.000 Euro. Obbligo , per commercianti e professionisti, di accettare i pagamenti tramite carta di credito, eccettuati i casi di oggettiva impossibilità tecnica.

Abolizione Imu agricola e sugli imbullonati

Abolita anche l’Imu sui terreni agricoli, ancorchè collinari o pianeggianti. Per quanto concerne gli imbullonati, cioè i macchinari fissi posseduti dalle aziende, questi dovranno essere decurtati dalla rendita catastale mediante apposita istanza, che avrà efficacia, per l’abbassamento della rendita, dal primo gennaio 2016.

 

Bonus assunzioni

Confermato, ma ridotto, lo sgravio contributivo per chi assume disoccupati da oltre 6 mesi. Il tetto massimo sarà ridotto da 8.060 Euro a 3.250 Euro, pari al 40% dei contributi a carico del datore.

Bonus cultura

Bonus di 500 Euro, per tutti i diciottenni, per l’acquisto di ingressi a musei, teatri, spettacoli, manifestazioni ed eventi culturali, nonché per l’acquisto di libri. Le specifiche spese e le modalità attuative saranno rese note con un prossimo dpcm.

Bonus mobili, ristrutturazioni, ecobonus

Prorogati i bonus per le ristrutturazioni, il restauro conservativo ed il recupero del patrimonio edilizio, pari ad una detrazione del 50% sui costi sostenuti, da ripartire in 10 rate, con un tetto massimo di 96.000 Euro. Prorogato anche l’ecobonus per l’efficientamento energetico degli edifici, pari al 65%, ed il bonus per l’acquisto di arredi, pari al 50%.

Per quanto concerne proprio il bonus mobili, sarà fruibile non solo da chi effettua ristrutturazioni, ma anche dalle coppie under 35 che acquistano l’abitazione principali: in quest’ultimo caso il tetto massimo è raddoppiato, ed è pari a 20.000 Euro. Per approfondire: Bonus Casa 2016, tutte le faq.

Fondo per acquisto libri

10 milioni di Euro sono poi stati stanziati per consentire a tutti l’acquisto di libri scolastici, anche digitali.

Maxiammortamenti

Per imprese ed autonomi che effettuano nuovi investimenti, cioè che acquistano (anche in leasing) beni strumentali nuovi, è prevista la deduzione, ai fini fiscali, del 140% delle spese affrontate dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016. Sono compresi gli automezzi (esclusi solo quelli dati in comodato ai dipendenti), mentre sono esclusi i beni immateriali e quelli con coefficiente d’ammortamento inferiore al 6,5%, oltre agli immobili. Per approfondimenti: super ammortamenti 2016, come funzionano.

Regime Forfettario

Rinnovato anche il regime fiscale di vantaggio denominato Forfettario, che prevede una modalità particolare di determinazione del reddito, ed una tassazione che sostituisce Irpef, Irap e addizionali pari al 15%,oltre all’esclusione dall’Iva e dagli studi di settore. La tassazione, infatti, è ridotta al 5% per i primi 5 anni di attività, e sono state ritoccate verso l’alto tutte le soglie di reddito per la permanenza nel regime (per i professionisti pari a 30.000 Euro). Sconto contributivo ridotto, del solo 35%, invece, per artigiani e commercianti, per i quali il minimale Inps sarà dovuto comunque. Per saperne di più: Regime Forfettario 2016, tutte le faq.

Gestione Separata

Congelata l’aliquota della Gestione Separata dei professionisti, pari al 27%. Sale di un punto percentuale, invece, quella relativa ai lavoratori parasubordinati (che da quest’anno potranno essere solo Co.co.co., in caso contrario saranno ricondotti al lavoro subordinato).

No Tax area

Sale anche la No Tax area per i pensionati, cioè la soglia al di sotto della quale non si pagano imposte, poiché le detrazioni superano l’Irpef lorda. In particolare:

– per i pensionati under 75, la No Tax Area sarà pari a 7.750 Euro;

– per i pensionati dai 75 anni in su, sarà pari a 8.000 Euro.

Uscita flessibile

Per gli over 63, sarà possibile un’uscita dal lavoro graduale, con un part time, per gli ultimi anni lavorativi, che darà diritto a ricevere il versamento della contribuzione piena. Il part time potrà essere dal 40 al 60%, ed avere una durata massima di 3 anni.

Niente aumenti Iva e accise

Scongiurato sia l’aumento dell’Iva che quello delle accise, che avrebbe avuto delle ripercussioni negative sui contribuenti e sui consumi.

Estensione Opzione Donna

Proroga “periodica” dell’Opzione Donna, cioè della possibilità, per le donne, di pensionarsi a 57 anni e 3 mesi di età (58 e 3 mesi se autonome), con 35 anni di contributi, utilizzando il calcolo contributivo dell’assegno. Ogni 30 settembre si valuteranno i risparmi conseguiti, per le casse erariali, grazie a tale regime, fortemente penalizzante per le pensionate, e si valuteranno, di volta in volta, concessioni di ulteriori proroghe (sinora il pensionamento è concesso a chi matura i requisiti entro il 31 dicembre 2015).

Per approfondimenti: Pensione Anticipata Opzione Donna, proroga graduale.

 

Fondi comunitari per i professionisti

I liberi professionisti saranno equiparati alla PMI, per l’accesso ai fondi comunitari, quali FSE (Fondo sociale europeo) e FESR (Fondo europeo di sviluppo regionale). Potranno così partecipare ai bandi pubblici per la concessione di finanziamenti agevolati, quali, ad esempio, il microcredito stanziato dalle singole Regioni.

Welfare aziendale

Detassati i premi di produttività ed i benefits di welfare aziendale, a beneficio dei lavoratori, sino a 2.000 Euro. Detassate anche le partecipazioni aziendali (come le azioni) ai dipendenti sino ad un limite massimo di 2.500 Euro.

Addio Patto di Stabilità per i Comuni

Niente più Patto di Stabilità, e sblocco degli investimenti, purchè il bilancio del Comune sia in pareggio. Per i Comuni più virtuosi, che chiuderanno in pareggio, saranno sbloccati anche gli avanzi relativi agli anni passati.

Nuove assunzioni

Ben 6.000 nuove assunzioni negli ospedali, tra medici ed infermieri, con la riserva della metà dei posti per gli attuali precari. I concorsi saranno banditi su base regionale. Maxiconcorso da 500 assunzioni anche nei Beni Culturali, per i profili tecnici. Il 2016 vedrà anche il concorsone insegnanti da 63.700 unità, il concorso per l’assunzione di 400 dirigenti nell’Agenzia delle Entrate, e l’ingresso di migliaia di unità, complessivamente, nelle Forze dell’Ordine, ma tali bandi non sono legati alla Legge di Stabilità 2016.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. l’IMU sui terreni agricoli non è stata eliminata. In realtà è stata eliminata solo per i terreni agricoli POSSEDUTI e COLTIVATI da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli, che già, sino all’anno scorso, godevano di una aliquota ridotta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI