Business | Articoli

Furbetti del cartellino: da oggi in poi licenziati per direttissima

13 Luglio 2016 | Autore:
Furbetti del cartellino: da oggi in poi licenziati per direttissima

L’ultimo caso eclatante scoperto proprio un giorno prima dell’applicazione della nuova normativa: timbravano con una scatola in testa, ecco le foto

Da oggi in poi saranno licenziati per direttissima i cosiddetti “furbetti del cartellino”, il decreto assenteisti entra difatti in vigore oggi 13 luglio.

Sembra che la nuova e più severa normativa non riesca a fermare chi non ha voglia di lavorare o chi ritiene non sia giusto fare il proprio dovere. Scatta oggi difatti la nuova normativa relativa ai “furbetti del cartellino” definita nel decreto assenteisti del quale vi abbiamo dato tutti i dettagli nei giorni scorsi (leggi Decreto assenteisti al via: ecco come funziona). Vediamo i fatti e richiamiamo le norme a cui si è sottoposti se non si è ligi al dovere.

Furbetti del cartellino: timbrano con una scatola in testa

In basso all’articolo troverete la foto di quello che ad oggi può essere considerato forse il più eclatante dei casi di “timbro multiplo” del cartellino.

Lo hanno scoperto, grazie alle telecamere, i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata che stamattina hanno dato esecuzione a 23 misure cautelari contro altrettanti dipendenti del comune di Boscotrecase, per i quali grazie alla videosorveglianza sono stati rilevati oltre 200 episodi di assenteismo in pochi giorni.

Decreto assenteisti: cosa si rischia con la flagranza di reato?

Nel caso in cui l’attestazione venisse accertata in flagranza, come nel caso citato e del quale vi riportiamo la foto è obbligo dell’Amministrazione disporre entro le successive 48 ore dall’accertamento, la sospensione cautelare del dipendente, anche senza necessità di ascoltarlo preventivamente. Durante la sospensione al dipendente è dovuto solo un assegno alimentare ma non lo stipendio.

La sospensione avvia ufficialmente il procedimento disciplinare, si ascoltano le difese del lavoratore – la convocazione avviene entro 15 giorni – e si adottano le sanzioni qualora la difesa non risultasse adeguata a giustificare il comportamento.

Il termine dei 15 giorni può essere prolungato di ulteriori 5 giorni per impossibilità di adempimento motivata.

Il procedimento deve essere concluso entro i 30 giorni della ricezione da parte del dipendente della contestazione dell’addebito.

Cosa succede se oggi scoprono dei furbetti del cartellino?

Quindi se i primi addebiti partono oggi 13 luglio, primo giorno di entrata in vigore del provvedimento, il procedimento si dovrà concludere entro il 13 di agosto.

Il licenziamento previsto dal decreto assenteisti scatta a seguito della conclusione della procedura disciplinare, nei casi in cui le giustificazioni fornite non fossero ritenute adeguate a giustificare il comportamento scorretto.

Al licenziamento potrà poi essere affiancato, qualora la Corte dei conti lo ritenga adeguato, anche un provvedimento di risarcimento economico per danno di immagine per l’amministrazione.

Furbetti del cartellino: timbro con faccia coperta da una scatola, ecco la foto

Ecco la foto incriminata, che lascia interdetti.

(clicca per ingrandire)

Furbetti del cartellino: da oggi in poi licenziati per direttissima
Furbetti del cartellino: timbra con la scatola in testa


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube