HOME Articoli

Lo sai che? Attivazione voucher Inps per lavoro accessorio: come fare

Lo sai che? Pubblicato il 28 dicembre 2015

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 28 dicembre 2015

Inps attivazione voucher lavoro accessorio: come acquistare i buoni lavoro, registrare lavoratore e committente, convalidare la prestazione.

 

Ho acquistato dei buoni lavoro per una collaborazione: come si fa l’attivazione voucher Inps?

 

I voucher per lavoro occasionale accessorio, noti anche come ticket o buoni-lavoro, sono dei “biglietti”, sia cartacei che virtuali, che servono per retribuire le prestazioni occasionali o discontinue in modo regolare, offrendo al lavoratore sia paga che assicurazione Inps-Inail (previdenza e infortuni).

Purtroppo, però, anche se questo strumento è nato per semplificare la procedura di assunzione, la procedura di attivazione voucher non è affatto semplice, e richiede dei passaggi differenti, a seconda del tipo di buono acquistato: vediamo insieme come si attivano i voucher.

Voucher Inps: dove e come acquistarli

Innanzitutto, bisogna sapere dove e con quali modalità i buoni lavoro possono essere acquistati.

Le modalità di acquisto possono essere sia dirette che online.

L’acquisto diretto dei buoni lavoro può essere effettuato:

– recandosi presso una tabaccheria convenzionata;

– recandosi presso uno sportello delle poste;

– recandosi presso una sede territoriale dell’Inps (dal 31 agosto 2015 questa modalità di acquisto non è più possibile, ma lo è unicamente per il ritiro dei voucher per i servizi di babysitting);

– presso uno sportello di una banca convenzionata.

L’acquisto in modalità telematica dei voucher, invece, può essere effettuato direttamente tramite il portale web dell’Inps.

Attivazione voucher Inps telematici

Se i voucher sono stati acquistati online, direttamente tramite il sito dell’Inps, la procedura di attivazione dei buoni è la seguente:

In primo luogo, il lavoratore, se non ne è già in possesso, dovrà munirsi di codice Pin per l’accesso ai servizi online dell’Inps: è possibile richiedere il Pin direttamente online, oppure recarsi presso una sede Inps muniti di documento d’identità, per ricevere il codice identificativo;

– dovrà poi essere effettuata la registrazione del lavoratore: il lavoratore stesso, dopo avere effettuato l’accesso al sito dell’Inps, dovrà recarsi alla pagina “Elenco di tutti i Servizi”, poi andare alla pagina “Lavoro Accessorio”, ed infine alla sezione “Registrazione Prestatore/Lavoratore”. Dovrà essere compilato, a questo punto, il form presente nel portale web, con tutti i dati del lavoratore, e potrà essere richiesta la Inps card, emessa da Poste Italiane, per ricevere direttamente lì i pagamenti relativi ai voucher. La Registrazione dovrà poi essere convalidata dal Contact Center dell’Inps, che contatterà il lavoratore per verificare l’esattezza dei dati;

effettuata la registrazione, si dovrà procedere alla Compilazione Anagrafica del Committente: in pratica, chi paga i voucher, sia azienda che privato, dovrà accedere al portale dell’Inps (qualora munito di codice Pin, diversamente dovrà prima accreditarsi, come il lavoratore), alla pagina “Lavoro Accessorio”, e compilare i propri dati nella sezione “Gestione Anagrafica”;

terminate le registrazioni di committente e prestatore, si dovrà procedere alla Dichiarazione rapporto di lavoro: in questa fase, il committente dovrà comunicare l’inizio di un rapporto di lavoro con voucher utilizzando la sezione “Dichiarazione Rapporti”;

maschera Tipo d’impresa: il primo campo da compilare, nel form di dichiarazione del rapporto, è una maschera denominata “Tipo d’impresa”, nella quale chi paga i voucher dovrà specificare se è un committente privato, un datore di lavoro domestico, un ente pubblico, o un’impresa familiare;

maschera Inizio e termine del rapporto: il committente dovrà poi specificare la data iniziale e finale del rapporto, nonché il codice fiscale del lavoratore; si tratta, però, dei termini generali del rapporto, poiché, successivamente, ogni singola prestazione dovrà essere inserita entro l’arco di tempo compreso tra la data d’inizio e di fine del rapporto;

maschera luogo di lavoro: in questo campo, il committente dovrà indicare l’indirizzo completo del luogo in cui sarà svolta la prestazione lavorativa;

maschera attivazione della prestazione: terminata la compilazione del form di dichiarazione, per attivare la prestazione si dovrà infine accedere alla sezione “Consuntivazione”, e selezionare il codice fiscale del lavoratore prescelto, del quale preventivamente era stata inserita la dichiarazione d’inizio rapporto; sarà così possibile inserire le date d’inizio e termine della specifica prestazione, e si dovrà inserire il relativo compenso lordo; basterà cliccare, infine, su “conferma pagamento” per terminare la procedura.

 

Attivazione voucher cartacei acquistati all’Inps o alle Poste

Nell’ipotesi dei voucher cartacei, la procedura è la stessa, ma dovranno essere inseriti, nella sezione “attivazione voucher”, il codice fiscale del committente, il codice di controllo e l’identificativo del buono.

 

Attivazione voucher acquistati in tabaccheria o in banca

Per quanto riguarda l’attivazione dei voucher acquistati in tabaccheria o in banca, gli step della procedura sono i medesimi previsti per i voucher telematici e per quelli cartacei acquistati all’Inps o alle Poste, nelle fasi dell’accredito e della registrazione di committente e prestatore presso il portale dell’Istituto.

Le fasi successive prevedono, in alternativa:

– l’accesso, nel portale web dell’Inps, al servizio “Lavoro accessorio”, alla pagina “Dichiarazione Prestazioni”- “Crea Prestazioni”: si dovrà dichiarare la tipologia del committente (privato, ente pubblico, impresa familiare), il nominativo ed il codice fiscale del lavoratore, la data d’inizio e di fine del rapporto;

– l’attivazione del voucher chiamando Contact Center integrato INPS-INAIL, al numero 803-164, o recandosi direttamente presso una sede locale dell’Istituto.

Alla fine del rapporto, qualora siano stati acquistati i voucher cartacei, si dovrà consegnare la ricevuta figlia al lavoratore, che potrà recarsi in una tabaccheria per incassare il proprio compenso.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

6 Commenti

  1. scusa ma questa procedura vale anche se la ditta tiene in cassa integrazione gli operai che ha,ho ci vuole fare contratti di 5 ore?

  2. Se il lavoratore gode di una pensione “sociale” può essere pagato con voucher senza danni. Poichè il voucher non comprende anche la previdenza sarebbe giusto che “si,può cumulare voucher e altri guadagni, purché paghi le tasse”. Diversamente, accade che per l’equivalente di un voucher (poche ore di straordinario!) si perde il più- Trovare come pagare un lavoricchio diventa impossibile. Perché non creare e propagandare i modi dell’onestà?

  3. Mi devo registrare per poter essere autorizzato ad acquistare i vaucer. mi devo recare all’imps/ inail,o si si può fare online.
    enel caso online in quale finestra si deve accedere! grazie

  4. è possibile inserire un’ulteriore periodo di lavoro prima che lo stesso prestatore abbia incassato un voucher relativo ad un periodo precedente ?

  5. BUONGIORNO, HO INSERITO VOUCHER PER UN PERIODO TOT, MA NON MI SONO BASTATI PER CUI HO ACQUISTO ANCORA VOUCHER ,DEVO ATTIVARLI PER LO STESSO PERIODO MA LA PROCEDURA NON ME LO CONSENTE, DICE CHE IL PERIODO E’ GIA OCCUPATO DA ALTRA PRESTAZIONE COSA DEVO FARE??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI