Diritto e Fisco | Articoli

Atto di precetto: il modello

25 Dicembre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 25 Dicembre 2015



Fac-simile dell’atto di precetto: il modello usato dall’avvocato di controparte per notificare al debitore il pagamento.

ATTO DI PRECETTO

La Sig.ra, nata a … il ….. , ivi residente in Via ….. n. ….. C.F. …. rappresentata e difesa, dall’Avv. … C.F. ………… Fax ……… con studio in …, Via …. , n. …, ove l’istante ha eletto domicilio, giusta delega in calce al presente atto.

PREMESSO

−  che, il Tribunale di …, con Sentenza n. …. del …., ha condannato il Sig. …… al pagamento, in favore dell’istante …. , di Euro …, con gli interessi di legge, dalla domanda, a titolo di ripetizione di somme ex art. 2033 c.c., oltre alle spese del giudizio, liquidate in complessivi euro …. oltre IVA e CPA;

− che detta Sentenza, in forma esecutiva, è stata notificata al debitore in data …..;

−   che il debitore, ad oggi, non ha ottemperato a quanto disposto dal provvedimento in discorso.

Tutto ciò premesso, la sig.ra … , come sopra rapp.ta e dom.ta in forza del citato titolo esecutivo

INTIMA E FA PRECETTO

al Sig. …, residente in …, Via … n. …. di pagare, entro e non oltre dieci giorni dalla notifica del presente atto, con l’avvertenza che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata, le sottonotate somme:

somma di cui in condanna € ………..

compenso liquidato in sentenza € ……………

Interessi di legge dalla domanda ad oggi € …………

Compenso di precetto

………………………… €

CAP 4% su Euro €

IVA 22% su Euro €

così complessivamente la somma di Euro ………. oltre il costo di notifica del presente atto, spese successive occorrende tutte, interessi a scadere, onorario dell’eventuale procedura esecutiva.

Con espressa avvertenza all’intimato che è possibile, con l’ausilio di un organismo di composizione della crisi, o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di composizione della crisi o proponendo agli stessi un piano del consumatore.

Salvo ogni altro diritto.

…………

Avv . ………….

PROCURA

Io sottoscritta ….., nata a … il …., residente ivi in Via …. n. …. delego a rappresentarmi e difendermi, ai fini del presente atto e consequenziali, l’Avv. …., al quale conferisco ogni facoltà di legge, nessuna esclusa, ivi comprese quelle di sottoscrivere l’atto di precetto, transigere, conciliare, nominare sostituti per singoli incombenti.

Eleggo domicilio presso il suo studio in … Via …. n. ………….

Ai sensi e per gli effetti dell’art. 23 del D.Lgs. 196/2003, autorizzo il nominato Legale al trattamento dei miei dati personali per i fini de quibus.

……..

Per autentica

Avv. …..

N.B avvertiamo il cortese lettore che la formula in esame:

– riguarda il caso, alquanto semplice e statisticamente più frequente, di pagamento somma;

–  un particolare richiamo poi che riguarda lo specifico della formula: quest’ultima deve essere apposta sia sull’originale sia sulla copia (o copie); solo sull’originale, però, ci sarà l’indicazione come sopra prevista in sede di sottoscrizione alla delega.

Sulla copia (o copie), la stessa va opportunamente riportata in copia, autenticata dal Legale, sotto la sigla PCC (per copia conforme).

Vale a dire:

f.to … (firmato)

per autentica : f.to Avv. ….

PCC

Avv. …… (in questo punto, la vera ed autentica firma del legale che vale ad autenticare quanto riportato, quasi in riproduzione fotografica, con il “ f.to” che è abbreviazione di “firmato”) .

 


RELATA DI NOTIFICA

 

Richiesto come in atti, io sottoscritto assistente UNEP presso la Corte d’Appello di Roma, ho notificato e dato copia del soprascritto atto di precetto, al Sig. …., residente in ….., Via ……… n. ……, affinché ne abbia piena e legale scienza e non ne ignori il contenuto per ogni effetto e conseguenza di legge, ivi, mediante ………

N.B. ovviamente, al posto dei puntini, si aprono scenari diversi; a prescindere dalla “regina” delle notifiche (a mani proprie art. 138 c.p.c.), c’è tutta una casistica della quale si occupano gli artt. del c.p.c. da 139-146; senza contare le disposizioni della legge 20 Novembre 1982 n. 890 e succ. modif. (Notificazione di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari) e quelle della legge 21 Gennaio 1994 n. 53 e succ. modif. (Facoltà di notificazioni di atti civili, amministrativi e stragiudiziali per gli avvocati e procuratori legali), la cui rubrica è esattamente quella riportata, anche se, oggi, i procuratori legali non esistono più.



Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI