Diritto e Fisco | Articoli

Acconto Iva professionisti e imprese, appuntamento il 28 dicembre

25 Dicembre 2015 | Autore:
Acconto Iva professionisti e imprese, appuntamento il 28 dicembre

Scade il 28 dicembre, quest’anno, l’appuntamento per il pagamento dell’acconto Iva: vediamo chi è obbligato e come si determina il versamento.

Le scadenze di fine anno paiono non terminare mai: dopo acconti Irpef, Irap e Inps Gestione Separata, saldi Imu, Tasi, Tari e ravvedimenti, è ora il turno, per i professionisti e le aziende, dell’acconto Iva.

Quest’anno la scadenza per il pagamento dell’acconto è stata posticipata al 28 dicembre, poiché il 27 cade di domenica: vediamo insieme, in questa mini guida, come si determina l’acconto da versare, e chi è obbligato al pagamento.

Acconto Iva: chi deve pagare

Sono obbligati al pagamento sia i professionisti che le imprese soggetti al versamento periodico, mensile o trimestrale, dell’imposta.

Sono invece esclusi:

– i soggetti che fruiscono del regime speciale di esonero agricolo;

– i contribuenti minimi;

– gli aderenti al regime forfettario;

– gli ex-minimi che versano l’Iva annualmente;

– coloro che hanno cessato l’attività entro il 30 novembre 2015, se tenuti a versare l’Iva mensilmente;

– coloro che hanno cessato l’attività entro il 30 settembre 2015, se tenuti a versare l’Iva trimestralmente;

– coloro che hanno iniziato l’attività nel 2015;

– coloro che hanno chiuso i conteggi Iva dell’anno scorso con un credito d’imposta, o prevedono di chiudere quest’anno a credito;

– coloro che hanno applicato il regime agevolato in favore delle associazioni sportive dilettantistiche, delle associazioni senza fini di lucro e delle pro loco;

– coloro che hanno esercitato esclusivamente attività d’intrattenimento;

– coloro che hanno effettuato esclusivamente operazioni esenti o non imponibili.

Acconto Iva: come si calcola

L’acconto Iva può essere calcolato, dal contribuente, con il metodo storico, previsionale o analitico. In ciascuno dei tre casi, l’acconto versato dovrà essere sottratto dal mese di dicembre (per i contribuenti mensili), oppure dal quarto trimestre (per chi effettua versamenti trimestrali).

Acconto Iva: metodo storico

Il metodo storico per la determinazione dell’Iva fa riferimento ai seguenti dati:

– 88% dell’Iva di dicembre dell’anno precedente dovuta, per i contribuenti mensili;

– 88% dell’Iva dell’ultimo trimestre dell’anno precedente, per i trimestrali.

Acconto Iva: metodo previsionale

Con il metodo previsionale, l’Iva da versare in acconto sarà pari all’88% dell’Iva che il contribuente “prevede” di dover versare nel mese di dicembre (se mensile), o per l’ultimo trimestre (se trimestrale) dell’anno corrente.

Acconto Iva: metodo analitico

Con quest’ultimo metodo, deve essere considerata l’Iva da versare in base alle operazioni attive e passive eseguite dal primo dicembre al 20 dicembre (per i mensili), o dal primo ottobre al 20 dicembre, per i contribuenti trimestrali. In questo caso, va versato il 100% dell’imposta calcolata.

Chi affida la contabilità a terzi, può comunque calcolare l’acconto in misura pari al 66% dell’Iva dovuta per la liquidazione del mese di dicembre.

Acconto Iva: compilazione F24

L’acconto Iva non deve essere versato se l’importo calcolato è inferiore a 103,29 Euro.

In caso contrario, dovrà essere effettuato, telematicamente, tramite modello F24, utilizzando i seguenti codici tributo:

– 6013, valido per i contribuenti mensili;

– 6035, valido per i contribuenti trimestrali.

Quanto versato in acconto dovrà poi essere indicato nel rigo VH13 del modello Iva 2016.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube