Diritto e Fisco | Articoli

Riscaldamento: distacco dall’impianto centralizzato e spese

29 Dicembre 2015
Riscaldamento: distacco dall’impianto centralizzato e spese

Condominio: chi va per l’autonomo paga la manutenzione straordinaria e quella ordinaria dell’impianto condominiale.

 

Chi si distacca dal riscaldamento centralizzato resta comunque obbligato a pagare tutte le spese dell’impianto condominiale relative alla manutenzione straordinaria e ordinaria: è quanto affermato dalla Corte di Appello di Milano con una recente e interessante sentenza [1]. Secondo quest’interpretazione, resterebbero quindi escluse solo le spese per i consumi.

La sentenza è certamente originale e va a chiarire meglio la portata del codice civile [2] alla luce della riforma del diritto condominiale avvenuta nel 2012. La norma stabilisce che il condomino può rinunciare all’utilizzo dell’impianto centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se dal suo distacco non derivano “notevoli squilibri di funzionamento o aggravi di spesa” per gli altri condomini. In tal caso – prosegue la stessa disposizione – egli deve comunque pagare le sole spese per la “manutenzione straordinaria dell’impianto e per la sua conservazione e messa a norma”.

Nonostante, dunque, il codice civile faccia chiaramente riferimento alle sole spese di manutenzione straordinaria, per i giudici milanesi di secondo grado, nel concetto di “spese per la conservazione dell’impianto” rientrano anche quelle per la manutenzione ordinaria, poiché “se non viene mantenuto in via ordinaria, il bene è destinato a deteriorarsi”.

Inoltre, aggiunge la Corte, “il condomino non può certo conseguire il risultato di preservare, a spese degli altri comunisti – spese attinenti alla citata manutenzione ordinaria –, il valore della propria unità abitativa”.

Questo significa che il condòmino che opta per il distacco e preferisce dotarsi di impianto autonomo resta comunque tenuto al pagamento di tutte le spese che riguardano l’impianto centralizzato, in quanto classificabile come “bene comune”; del resto lo stesso condòmino potrebbe, in futuro, decidere di ritornare al centralizzato e “riallacciarsi”.

Sulla stessa questione si era pronunciata, l’anno scorso, la Cassazione [3] secondo cui il concorso del condomino alle spese di manutenzione ordinaria (oltre che a quella straordinaria) è giustificabile solo nel caso in cui, a distacco avvenuto, gli altri condòmini non ottengano un risparmio sui consumi: una condizione, questa, che sembra in linea con il codice civile [2] laddove dice che il distacco è possibile, ma solo a patto che l’operazione non comporti aggravi di spesa per gli altri condomini.


note

[1] C. App. Milano, sent. n. 3360 del 31.07.2015.

[2] Art. 1118 cod. civ.

[3] Cass. sent. n. 9526 del 30.04.2015.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube