Diritto e Fisco | Articoli

Le Insidie delle consegne a domicilio negli acquisti online

29 dicembre 2015 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 dicembre 2015



Tutelarsi dal trasporto incauto di un pacco da parte del corriere espresso.

Con internet è ormai possibile effettuare ordini online con consegna in tutto il territorio italiano. Per ogni ordine effettuato viene emessa fattura di accompagnamento del materiale spedito [1]. Per l’emissione della fattura, fanno fede le informazioni fornite dall’acquirente all’atto dell’ordine. Nessuna variazione in fattura è consentita, dopo l’emissione della stessa.

Le spese di consegna spesso sono a carico dell’acquirente e vengono esplicitate chiaramente in sede di effettuazione dell’ordine. Il pagamento della merce avverrà utilizzando la modalità scelta all’atto dell’ordine e nulla è dovuto in più rispetto al totale dell’ordine evidenziato al termine della procedura d’acquisto.

I tempi di consegna delle merci ordinate variano a seconda della disponibilità delle stesse e alla modalità di consegna. Utilizzando il trasporto con corriere espresso, l’acquirente riceverà il prodotto ordinato in un tempo variabile dai 2 ai 5 giorni lavorativi dal momento della spedizione (esempio di acquisto di merce presente sul territorio italiano).

Alcuni corrieri rilasciano un codice univoco della consegna che viene inviato via email dal venditore al momento della spedizione della merce; con questo codice sarà possibile rintracciare la merce direttamente sul sito del corriere stesso.

Se invece non è disponibile il codice univoco, viene indicato nell’email del venditore, il numero fattura e gli estremi del corriere in modo da poter contattare il corriere stesso telefonicamente.

Nel caso in cui non siano indicati i dati identificativi del corriere, occorrerà contattare (via mail o telefonicamente) il venditore per avere gli estremi indentificativi del pacco.

Nessuna responsabilità può essere imputata al venditore in caso di ritardo nella consegna di quanto ordinato, a meno che nel contratto di acquisto venga specificato un numero di giorni massimo di consegna.

In caso di ritardo nella consegna imputabile al venditore, il cliente ha diritto unicamente all’annullamento dell’ordine ed alla restituzione delle somme versate.

Si può scegliere fra 2 modalità di consegna: consegna (intesa come piano “strada” o piano terra) oppure consegna al piano (intesa come merce che verrà portata fino all’ingresso dell’appartamento). Abitualmente non vengono effettuati montaggio ed installazione, ritiro dell’usato e rottamazione, a meno che nel contratto di acquisto non venga specificato.

Al momento della consegna della merce da parte del corriere, il Cliente è tenuto a controllare:

1) che il numero dei colli in consegna corrisponda a quanto indicato nel documento di trasporto;

2) che l’imballo risulti integro, non danneggiato, né bagnato o comunque alterato, anche nei materiali di chiusura (nastro adesivo o reggette metalliche); in caso contrario DEVE essere indicata nel documento di trasporto del corriere la clausula “ACCETTO CON RISERVA” specificando a penna la descrizione dell’anomalia riscontrata (per esempio: COLLO SCONDIZIONATO, il collo presenta un’ammaccatura sul cartone, oppure se l’imballaggio è bagnato o se il collo presenta un foro nel cartone, ecc.), altrimenti il venditore non accetterà né reclami e nemmeno sostituzioni della merce.

Consiglio sempre, qualora ci fossero dei rumori sospetti all’interno del pacco, di apporre sul DDT [2] del corriere la dicitura “ACCETTO CON RISERVA” e di indicare “Rumori sospetti” anche se l’imballo è integro.

Nel caso di mancato ritiro del materiale presente in giacenza presso i magazzini del corriere a causa di reiterata impossibilità di consegna al recapito indicato dal Cliente all’atto dell’ordine, quanto ordinato verrà fatto rientrare presso i magazzini del venditore, entro un tempo concordato tra corriere e venditore.

Eventuali problemi inerenti i prodotti ricevuti devono essere segnalati entro 7 giorni dalla avvenuta consegna (farà fede la data riportata nel DDT del corriere) o quanto diversamente specificato nel contratto di acquisto.

Quindi è opportuno essere sempre molto attenti quando si riceve un pacco dal corriere espresso e seguire le indicazioni fornite onde evitare spiacevoli situazioni.

Avete rispettato tutte le mie indicazioni, accettando il pacco con riserva ma il venditore prova a fare il furbetto? Tranquilli, fategli pervenire una lettera di richiamo da parte del vostro legale e vedrete che cambierà subito idea: infatti in tal caso potrete instaurare una causa civile per tutelare i vostri interessi.

note

[1] Art 14 D.P.R. 445/2000.

[2] Documenti di trasporto.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Visto che la legge è uguale per tutti allora il venditore dovrebbe mettere la clausola spedizione con riserva?

    Che tutele ha invece il venditore da eventuali truffaldini che una volta firmato con quella clausola rispediscono il pacco indietro chiedendo lo storno?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI