Diritto e Fisco | Articoli

Per la sgommata scatta la multa per guida pericolosa e rumorosa

29 Dicembre 2015
Per la sgommata scatta la multa per guida pericolosa e rumorosa

I rumori di pneumatici sull’asfalto al semaforo o in curva, la violazione per guida pericolosa e per superamento della soglia di rumore, le sanzioni, la contestazione davanti al giudice di pace.

C’è ancora chi è convinto che la sgommata al semaforo o in curva sia manifestazione di buone capacità di pilota o di un mezzo potente: al di là degli stereotipi collegati a tale tipo sconsiderato di guida, c’è da considerare che il codice della strada vieta in ben due norme detto comportamento. Da un lato [1], infatti, vengono vietati, durante la circolazione, rumori molesti causati dal modo di guidare i veicoli, specialmente se a motore. Dall’altro lato viene sanzionata la guida pericolosa [2]: a riguardo, in particolare, si stabilisce che il conducente deve regolare la velocità del veicolo in modo da evitare – in base alle caratteristiche, allo stato ed al carico del veicolo, alle caratteristiche e alle condizioni della strada e del traffico e ad ogni altra circostanza – qualsiasi pericolo per la sicurezza delle persone, delle altre automobili o delle cose attorno.

Quindi, in teoria, due multe per la medesima condotta, entrambe punite con una sanzione amministrativa da 41 a 168 euro. Delle due, tuttavia, è molto più probabile che, in un’ottica di gravità, la polizia contesti solo la seconda e non perché assorbe anche la prima.

Attenzione: le contestazioni dei verbalizzanti non fanno piena prova, ma possono essere contestate, in un eventuale giudizio di opposizione, con mezzi di prova contrari (non c’è quindi bisogno di ricorrere al procedimento aggravato della querela di falso). Difatti, come insegna la Cassazione [3], tutte le volte in cui la rilevazione della violazione del codice della strada è frutto di una valutazione degli agenti di polizia, essa non è munita della fede pubblica e può essere valutata dal giudice secondo il proprio prudente apprezzamento.


note

[1] Art. 155 Cod. str. co. 1

[2] Art. 141 ter cod. str.

[3] Cass. sent. n. 15108 del 22.06.2010.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube