Diritto e Fisco | Articoli

La causale del bonifico per regalo di soldi o prestito tra parenti

30 dicembre 2015


La causale del bonifico per regalo di soldi o prestito tra parenti

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 dicembre 2015



Donazioni di denaro tra familiari, versamento sul conto corrente e causale: come evitare problemi con il fisco.

Tiene sempre banco il problema delle donazioni di somme di denaro tra parenti (in particolare tra genitori e figli) e, dopo aver chiarito i possibili problemi con il fisco cui si può andare incontro nel caso in cui tali operazioni non vengano eseguite correttamente, e aver fornito i consigli sulla forma da utilizzare per effettuare tali donazioni, ci soffermiamo ora sulla concreta modalità del bonifico bancario (quella che – a nostro avviso – è anche la più sicura dal punto di vista fiscale) e, in particolare, sulla causale da utilizzare all’atto del versamento delle somme dal conto del donante a quello del donatario.

Il bonifico bancario può essere utilizzato quando si tratta di cifre di modesto importo (da valutarsi in relazione alle condizioni economiche del donante). Se, al contrario, la donazione non è di modico valore (si pensi a un conto di un pensionato di soli 10mila euro, ma contenente tutti i risparmi dell’uomo), è necessario prima recarsi dal notaio e formalizzare il tutto con l’atto pubblico alla presenza di due testimoni; solo successivamente si potrà eseguire il bonifico indicando come causale atto di donazione del …. registrato in data …. n. … ”.

Se manca la forma dell’atto pubblico, il versamento del denaro da un conto a un altro – pur corretto e limpido da un punto di vista fiscale – sarà nullo per il diritto civile. Ciò implica che le parti non dovranno di certo temere un controllo da parte dell’Agenzia delle Entrate ma, comunque, l’operazione potrebbe essere impugnata da un controinteressato (si pensi un creditore o un parente).

Se, invece, la donazione ha oggetto un importo di modico valore è sufficiente il solo bonifico, non essendo necessario, almeno dal punto di vista civilistico, neanche la scrittura privata (sebbene la stessa sia sempre consigliabile per evitare problemi con il fisco, secondo quanto abbiamo chiarito in “Prestito tra familiari: contro l’accertamento dell’Agenzia delle Entrate la scrittura da firmare”).

In tal caso, fermo restando che per la causale del bonifico non esistono formule prestabilite dalla legge, si potrebbe indicare, a giustificazione del trasferimento della somma di denaro da un conto a un altro, la dicitura “Regalo papà”, “Regalo mamma”, “Regalo zia”, ecc.

Si suggerisce di usare termini generici e non troppo specifici dal punto di vista giuridico (donazione, liberalità, ecc.) e, inoltre, di specificare il grado di parentela del soggetto donante (appunto, “papà”, “mamma”, “zia”, ecc.).

Problemi potrebbero sorgere quando la parentela è particolarmente labile o, addirittura, inesistente. In tal caso, infatti, il fisco non poche volte è arrivato a sospettare la sussistenza di una prestazione lavorativa non fatturata. Per superare la questione, potrebbe essere opportuno indicare, nella causale del bonifico, anche il pretesto della donazione, ossia un evento come “matrimonio”, “compleanno”, ecc.

Sempre meglio non indicare che la donazione è un “gesto di riconoscenza” per una determinata attività o opera svolta (diversamente potrebbe essere inquadrato come corrispettivo); se così dovesse essere, sarebbe più opportuno cercare di far coincidere il momento della donazione con uno dei predetti eventi, onde dare maggiore credibilità all’operazione.

In alternativa alla donazione, quando la ragione del bonifico è un prestito, si può indicare come causale la dicitura “Prestito infruttifero del…”, facendo riferimento alla data della scrittura privata con cui le parti hanno convenuto la restituzione della somma. Si consiglia la registrazione di tale contratto. Per la formula della scrittura leggi “Prestito tra familiari: contro l’accertamento dell’Agenzia delle Entrate la scrittura da firmare”.

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

8 Commenti

  1. Ma nn rompete le persone normali…. andate a scovare i veri evasori che portano milioni di euro all’estero…. Basta VESSARE la povera gente, i piccoli commercianti e le piccolissime imprese…. BASTA BASTA BASTA…. AVETE ROTTO !!

  2. Suscita grande tristezza ! Ormai sempre piu’ sembra essere dei sudditi , impotenti di fronte ad uno Stato che ci considera tutti malfattori e che entra sempre piu’ nelle nostre vite ,non piu’ nostre ! Sa tanto di DITTATURA !

  3. Ma cambiate lavoro parafangari da du soldi, a Roma abbiamo più avvocati di tutta la Francia, ce sguazzate in questa melma de leggi ridicole e vessatorie.

  4. Ma senza scrivere tanti “mamma” e “papà” nelle causali… se non parliamo di conti off-shore ma di conti correnti italiani, intestati a soggetti con rapporti di parentela tra padre e figlio… ma di che stiamo parlando?? Ma andatevene tutti a farvi fottere, vi riempite la bocca con la tutela della famiglia e poi un genitore finisce sul banco degli imputati se dà un aiuto economico a suo figlio! Mi date la nausea!

  5. Buongiorno
    Sei stato rifiutato da molte banche? Avete bisogno di finanziamenti per consolidare i vostri debiti? Avete piani?
    Sono qui per aiutarti, per trovare una soluzione adatta ai vostri problemi. Avete bisogno di finanziamenti per aiutare la vostra azienda tornare in pista? Così, offro prestiti a persone interessate a (5.000 euro e € 5.000.000) basso tasso di interesse del 2% al 3% nel periodo che si desidera senza deposito .Per ulteriori informazioni prova complementari contattarmi via mail: patriziapiombi2@gmail.com

  6. Lo sapete che le forze armate italiane non aspettano altro che il popolo si ribelli??sono stufi pure loro!!…dobbiamo smetterla di andare avanti finchè la barca va!ci stanno derubando da tutte le parti e non facciamo nulla!!è assurdo che uno debba pagare le tasse su un regalo che fa ad un parente!!ma dove siamo??ma come si permettono questi?le banche derubano i risparmiatori e lo stato salva le banche??oooooohhH!!ma allora ci svegliamo o no!!??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI