Diritto e Fisco | Articoli

Lavoro: differenze tra mansioni, qualifiche e categorie

30 dicembre 2015


Lavoro: differenze tra mansioni, qualifiche e categorie

> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 dicembre 2015



L’inquadramento del dipendente con il contratto di lavoro: le categorie del personale, dirigenti, quadri, impiegati, operai.

All’atto dell’assunzione il dipendente viene inquadrato e gli vengono assegnate mansioni e qualifiche. Di norma è il contratto collettivo a classificare i lavoratori dei relativi settori produttivi, mediante l’individuazione e la descrizione di profili professionali e livelli.

Val la pena soffermarci sulle differenze tra tali categorie.

Le mansioni

Le mansioni sono le attività concrete affidate al lavoratore al momento dell’assunzione. Possono essere modificate successivamente dal datore di lavoro entro determinati limiti, a condizione cioè che non comportino una “declassamento” del lavoratore.

Le qualifiche

Sono costituite da gruppi uniformi di mansioni fra loro omogenee, determinate dalla contrattazione collettiva o dal datore di lavoro.

Le categorie di lavoratori

Le categorie dei lavoratori sono quelle definite dalla legge o dai contratti collettivi (Ccnl). Le categorie previste dalla legge sono quelle degli operai, impiegati, quadri e dirigenti. Invece un esempio di categoria prevista dalla contrattazione collettiva è quella degli intermedi.

Il concetto di categoria è stato in parte superato e integrato dal sistema di inquadramento unico, con il quale i contratti collettivi hanno introdotto una scala classificatoria articolata in livelli, all’interno dei quali possono essere ricompresi anche lavoratori appartenenti a categorie differenti.

La retribuzione

A ciascun livello di inquadramento corrisponde uno specifico trattamento economico, che non può essere derogato in senso peggiorativo dal contratto individuale. Tale trattamento comprende, a titolo di esempio:

– la retribuzione;

– l’orario di lavoro;

– le ferie;

– il periodo di preavviso.

Inquadramento unico

Il sistema di classificazione professionale previsto dalla contrattazione collettiva è fondato su una classificazione unica ripartita generalmente in sette o otto livelli di inquadramento professionale e di retribuzione (cosiddetto inquadramento unico). Per stabilire l’appartenenza a tali livelli vengono fissate delle definizioni generali (cosiddette declaratorie) delle caratteristiche dell’attività prestata, nonché un’elencazione (cosiddette esemplificazioni) dei diversi profili professionali specifici e, quindi, delle mansioni o delle professionalità comprese in ciascun livello.

Pertanto, gruppi di impiegati e operai possono essere collocati nel medesimo livello.

Le singole categorie

Il codice civile divide i lavoratori subordinati in quattro categorie: dirigenti, quadri, impiegati e operai. A tali categorie si possono aggiungere quelle previste dal Ccnl.

Dirigenti

I dirigenti rappresentano una categoria di lavoratori subordinati con ruoli caratterizzati da un elevato grado di professionalità, autonomia e potere decisionale e la cui attività è diretta a promuovere, coordinare e gestire la realizzazione degli obiettivi dell’impresa. Sono per esempio dirigenti:

– i direttori;

– i condirettori;

– i capi di importanti servizi e uffici;

– gli institori e procuratori con stabile mandato.

Quadri

I quadri sono lavoratori subordinati che, pur non appartenendo alla categoria dei dirigenti, svolgono con carattere continuativo funzioni di rilevante importanza ai fini dello sviluppo e dell’attuazione degli obiettivi dell’impresa. Il loro inquadramento, dunque, è collocato fra quello dei dirigenti e quello degli impiegati, ma ad essi si applica la disciplina prevista per questi ultimi, salvo che il CCNL disponga diversamente.

Impiegati

In via generale si tratta di lavoratori che svolgono attività professionale con funzioni di collaborazione con il datore di lavoro, eccettuata ogni prestazione di semplice manodopera.

Operai

La caratteristica distintiva dell’operaio è la collaborazione nell’impresa, mediante lo svolgimento di attività, generalmente di tipo manuale ed esecutivo, che attengono al solo processo produttivo.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI