Diritto e Fisco | Articoli

Il dovere di prestare assistenza: il reato omissivo

20 Gennaio 2016 | Autore:
Il dovere di prestare assistenza: il reato omissivo

Trovare il corpo inanimato di un morto, un ferito o una persona in stato di pericolo pone il passante di fronte un dovere giuridico.

Prestare soccorso e assistenza a chi è in pericolo o in difficoltà non è solo un dovere morale e sociale, ma, in determinati casi, anche giuridico; in difetto potrebbe configurarsi quello che comunemente viene detto reato omissivo. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Per reato omissivo si intende un reato che si è compiuto in seguito non a un’azione (fare qualcosa) bensì a una omissione, ovvero non fare qualcosa.

Il codice penale, all’articolo art. 593 (omissione di soccorso) stabilisce:

Chiunque, trovando abbandonato o smarrito un fanciullo minore degli anni dieci, o un’altra persona incapace di provvedere a se stessa, per malattia di mente o di corpo, per vecchiaia o per altra causa, omette di darne immediato avviso all’autorità è punito con la reclusione fino a un anno o con la multa fino a 2.500 euro.

Alla stessa pena soggiace chi, trovando un corpo umano che sia o sembri inanimato, ovvero una persona ferita o altrimenti in pericolo, omette di prestare l’assistenza occorrente o di darne immediato avviso all’autorità.

Se da siffatta condotta del colpevole deriva una lesione personale, la pena è aumentata; se ne deriva la morte, la pena è raddoppiata.

Sul piano oggettivo, l’espressione “trovando” allude all’imbattersi nella persona in pericolo, con un contatto materiale diretto, mentre per un orientamento minoritario è rilevante anche il semplice venirne a conoscenza. Il minore di anni dieci è abbandonato quando è stato volontariamente lasciato da solo da chi ha su di lui un potere di custodia; il minore di anni dieci è smarrito quando per un fatto proprio, e per caso, o per fatto volontario di chi non abbia la custodia sul soggetto si trova nella impossibilità o nella grave difficoltà di dirigersi presso la propria dimora o in un altro luogo sicuro.

Nel caso in cui ci si imbatta in un corpo inanimato, in un ferito o in una persona in pericolo, è prioritario l’obbligo di prestare assistenza, e solo ove ciò non sia possibile subentra il dovere di avviso all’autorità.

Tali obblighi cessano nel caso in cui il soggetto per la sua età o per le sue condizioni, sia impossibilitato ad adempierli, mentre rilevano anche quando questi esporrebbe sé stesso a un pericolo, in quanto la disposizione in esame mira a rafforzare il sentimento di solidarietà umana.

Il-soccorritore-sulla-scena-del-crimine



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube