Diritto e Fisco | Articoli

Audizione del minore: i genitori non possono partecipare

20 Gennaio 2016
Audizione del minore: i genitori non possono partecipare

Separazione e divorzio: l’ascolto da parte del CTU del bambino conteso dai genitori può avvenire alla presenza del padre e della madre solo se autorizzati dal giudice.

Se il giudice della separazione o del divorzio, prima di decidere sull’affidamento del minore, dispone la sua audizione mediante il consulente tecnico d’ufficio, i genitori non possono partecipare in modo diretto a tale attività, per ascoltare le dichiarazioni del figlio, salvo che siano stati espressamente autorizzati dal giudice. Inoltre, l’ascolto può avvenire solo dietro un “vetro-specchio“, per garantire la genuinità delle risposte e la serenità del bambino.

L’audizione del minore, difatti, non è certo assimilabile alle comuni indagini peritali del CTU come quella, per esempio, sulle infiltrazioni condominiali o sull’accertamento dei confini tra due fondi. Si tratta, invece, di un esame particolarmente delicato che richiede il massimo rispetto dei diritti dell’infanzia.

È questo l’innovativo orientamento espresso dal Tribunale di Milano con una recente sentenza [1].

È lo stesso codice civile, del resto, che suggerisce questa interpretazione restrittiva. La norma [2], infatti, per come modificata nel 2013 [3], stabilisce, in linea generale, che l’ascolto è condotto dal giudice, anche avvalendosi di esperti o di altri ausiliari; i genitori, tuttavia, sono ammessi a partecipare all’ascolto se autorizzati dal giudice, al quale possono proporre argomenti e temi di approfondimento prima dell’inizio dell’adempimento.

Insomma: sono le parti a dover chiedere che l’audizione del minore avvenga in sala d’ascolto in modo da potervi assistere.

L’ascolto del bambino demandato allo psicologo o allo psichiatra non è certo assimilabile alle comuni operazioni peritali. Per l’audizione del minore, infatti, esistono le linee guida del Consiglio d’Europa per una giustizia a misura di bambino. Non c’è dubbio, ammette il provvedimento, che il difensore abbia interesse a “vedere” come viene condotta l’attività di ascolto e audizione. Ma l’operazione deve svolgersi entro lo schema legale tratteggiato dal decreto delegato della riforma: i difensori delle parti devono seguire l’ascolto dietro a un vetro-specchio grazie all’impianto di amplificazione.

Nel caso di specie fin dall’udienza presidenziale il giudice ha messo genitori e avvocati nella condizione di indicare le modalità di audizione ma nessuno ha chiesto che fosse condotta nella sala d’ascolto disponibile nel tribunale. E le cautele necessarie per l’attività di ascolto sono chiaramente necessarie in generale per ogni attività di audizione del minore: il bambino non si “ascolta” solo tramite la voce e l’opinione espressa ma anche osservandolo.


note

[1] Trib. Milano, sent. del 6.05.2015.

[2] Art. 336-bis, co. 2, cod. civ.

[3] D.lgs. n. 154/13.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube