Business | Articoli

Imprese culturali e creative: oltre 100milioni, al via il bando

18 Luglio 2016 | Autore:
Imprese culturali e creative: oltre 100milioni, al via il bando

Parte il 19 luglio il bando per 107milioni di euro destinato alle imprese dell’industria culturale e creativa.

Partono gli incentivi per le imprese culturali e creative: il bando lanciato il 19 luglio a Matera – Città capitale europea della cultura 2019 –  alcune anticipazioni, tuttavia sono già state fornite da Invitalia, soggetto gestore del nuovo regime di aiuto.

Imprese culturali e creative: cosa viene finanziato

Sono stabilite tre linee di intervento:

  • Linea 1: budget di 41,7 milioni di euro, per la creazione di nuove imprese dell’industria culturale e creativa che promuovano l’innovazione e lo sviluppo tecnologico;
  • Linea 2: da 37,8 milioni di euro, per lo sviluppo delle imprese dell’industria culturale, turistica e manifatturiera già esistenti;
  • Linea 3: da 27,4 milioni di euro, per il sostegno alle imprese del terzo settore attive nell’industria culturale, turistica e manifatturiera.

La dotazione sarà dunque di 107 milioni di euro a cui si potranno aggiungere ulteriori 7milioni da suddividere proporzionalmente nelle misure.

Incentivi alla cultura: chi può richiederli

Gli incentivi sono inseriti all’interno del PON cultura e sono destinati ad aspiranti imprenditori e PMI, imprese no profit con sede in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Incentivi alla cultura Invitalia: scadenza e presentazione della domanda

Il nuovo sistema di incentivi sarà attivato con una “a sportello” – non ci sarà cioè scadenza ma verranno finanziati i progetti ammissibili fino al termine dei fondi, in ordine cronologico di presentazione.

L’Agenzia valuterà i business plan presentati, erogherà i finanziamenti ai soggetti ammessi e monitorerà l’avanzamento dei progetti d’impresa.

In una direttiva di prossima pubblicazione saranno stabilite le modalità e i termini di presentazione delle domande.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube