Diritto e Fisco | Articoli

Animali in pensione: il mancato pagamento della retta non è reato

12 Aprile 2012
Animali in pensione: il mancato pagamento della retta non è reato

Secondo la Cassazione lasciare il proprio cane in una pensione e sospendere il pagamento della retta non è reato di abbandono di animale.

Non incorre in responsabilità penale il proprietario che porta il proprio amico a quattro zampe in una pensione (con l’obbligo di custodirlo, accudirlo e preservarne l’incolumità), anche qualora egli sospenda il pagamento del corrispettivo per il servizio o lo dimentichi presso la struttura.

La Cassazione [1], infatti, ha sottolineato che presupposto del reato di “abbandono di animale” è la colpa o il dolo [2] ossia la volontà dell’abbandono stesso o l’attuazione di comportamenti inerti, incompatibili con la volontà di tenere con sé il proprio animale o di lasciarlo affidato a personale competente e professionale.

È sufficiente dunque, perché si abbia illecito penale, una semplice condotta di trascuratezza. Ma tale trascuratezza, ad avviso dei giudici, non ricorre nel semplice caso di mancato pagamento del corrispettivo previsto per l’attività di pensionato o nel rifiutare gli inviti a ritirare il proprio animale domestico.

Secondo la Suprema Corte, il proprietario che ha affidato il proprio cane a un canile privato, con idonei requisiti di professionalità per la  custodia e la salvaguardia dell’incolumità dell’animale, ha, in un certo senso, trasferito il proprio obbligo di custodia in capo alla struttura, che a sua volta se ne è fatta carico, “sostituendosi” al proprietario stesso.

Diversamente, qualora il proprietario fosse a conoscenza dell’incompetenza e inadeguatezza della struttura o della sua prevedibile inaffidabilità, solo allora si potrebbe configurare la volontarietà dell’abbandono.

Il mancato pagamento del corrispettivo previsto comporta dunque, in capo al propietario di “Fido”, solo una semplice responsabilità da inadempimento contrattuale (illecito di natura civilistica).

di SUSANNA CAROLINA ESPOSITO

note

[1] Cass. sent. n. 1338 del 10.04.2012.

[2] Tecnicamente, il dolo è la volontarietà libera e cosciente del fatto che costituisce il reato; esso si distingue dalla colpa che invece ricorre in tutti i casi di imperizia, negligenza, imprudenza e/o inosservanza di regole di condotta.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube