L’esperto | Articoli

Legge Pinto: danno da eccessiva durata del processo

13 Febbraio 2016 | Autore:
Legge Pinto: danno da eccessiva durata del processo

Quando si può chiedere il risarcimento del danno da eccessiva durata del processo?

Chi ha subito un danno patrimoniale o non patrimoniale per l’eccessiva durata del processo ha diritto a un’equa riparazione (art. 2 L. 89/2001).

Nell’accertare la violazione il giudice valuta la complessità del caso, l’oggetto del procedimento, il comportamento delle parti e del giudice durante il procedimento, nonché quello di ogni altro soggetto chiamato a concorrervi o a contribuire alla sua definizione.

Si considera rispettato il termine ragionevole se il processo non eccede la durata di tre anni in primo grado, di due anni in secondo grado e di un anno nel giudizio di legittimità. Si considera comunque rispettato il termine ragionevole se il giudizio viene definito in modo irrevocabile in un tempo non superiore a sei anni.

L’art. 2bis L. 89/2001, inserito dal D.L. 83/2012, aggiunge che il giudice liquida a titolo di equa riparazione una somma di denaro, non inferiore a 500 euro e non superiore a 1.500 euro, per ciascun anno, o frazione di anno superiore a sei mesi, che eccede il termine ragionevole di durata del processo.

L’indennizzo è determinato a norma dell’art. 2056 c.c., tenendo conto:

−   dell’esito del processo nel quale si è verificata la violazione del termine ragionevole di durata del processo;

−   del comportamento del giudice e delle parti;

−   della natura degli interessi coinvolti;

−   del valore e della rilevanza della causa, valutati anche in relazione alle condizioni personali della parte.

La misura dell’indennizzo non può in ogni caso essere superiore al valore della causa o, se inferiore, a quello del diritto accertato dal giudice.

Manuale-di-Istituzioni-di-Diritto-Privato



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube