Il nuovo Tribunale su internet a difesa dei consumatori

14 Febbraio 2016
Il nuovo Tribunale su internet a difesa dei consumatori

Nasce la piattaforma Odr: per risolvere le liti tra consumatori e professionisti.

Nasce domani il tribunale a tutela del consumatori per gli acquisti fatti su internet: si tratta di una piattaforma creata dalla Commissione Europea raggiungibile da chiunque, senza bisogno di credenziali d’accesso o di particolari strumenti elettronici di autenticazione. A questo link ciascun consumatore che avrà acquistato un bene o un servizio online, su un sito di e-commerce, potrà inoltrare una istanza attraverso un modulo scaricabile online.

Si chiama O.d.r. e sta per Online Dispute Resolution (Risoluzione online delle controversie): è un sistema di mediazione che racchiude in sé e coordina tutti gli organismi di mediazione dei Paesi degli stati membri europei. La soluzione della controversia avviene in 90 giorni, con una procedura interamente online gratis e senza la necessità di avvocati o giudici.

Ogni sito di e-commerce dovrà indicare il link per la piattaforma O.d.r., informando i clienti del fatto che gli eventuali reclami potranno essere inoltrati e gestiti per il tramite di tale nuovo sistema. Il tutto per favorire gli scambi e il commercio telematico.

La piattaforma O.d.r. potrà essere utilizzata solo nei rapporti tra consumatori e aziende (quindi, per esempio, non potrà accedervi il professionista che abbia acquistato un bene con partita IVA per il proprio studio).

Inoltre potrà essere utilizzata tanto per le liti con un rivenditore del proprio Paese che con quello di un altro Paese dell’Unione Europea.

Per conoscere il funzionamento del nuovo tribunale leggi “Reclami: liti tra acquirente e venditore risolti su internet gratis”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube