Business | Articoli

Rimborso risparmiatori 4 banche: ecco come fare domanda

25 Luglio 2016
Rimborso risparmiatori 4 banche: ecco come fare domanda

I risparmiatori rimasti colpiti dal crack di Banca Etruria, Banca Marche, Carichieti e Cariferrara possono chiedere il rimborso. Ecco come fare. 

Partito il processo per il rimborso forfettario dei crediti dei risparmiatori obbligazionisti subordinati delle 4 Banche Carichieti, Cariferrara, Banca Etruria e Banca Marche.

Il rimborso come annunciato sarà fino ad un ammontare dell’80% del capitale investito.

Risparmiatori 4 banche: come fare domanda

I risparmiatori obbligazionisti interessati dal crack potranno fare domanda per ottenere un importo pari all’80% del capitale investito, attraverso il modulo messo a disposizione dal Fondo interbancario nella sezione speciale dedicata al fondo di solidarietà, raggiungibile dall’indirizzo https://www.fitd.it/Home/FDS.

A distanza di 60 giorni da quando la richiesta è stata avanzata, il fondo avrà 60 giorni per esaminarla e procedere alla liquidazione dell’indennizzo.

Il modulo può essere inviato entro 6 mesi a partire dallo scorso 3 luglio, dunque il tempo scade il prossimo gennaio.

Come inviare domanda di rimborso al fondo interbancario

Per inviare il modulo standard di rimborso si potrà utilizzare il sito del fondo, nella sezione specifica dedicata al fondo di solidarietà (https://www.fitd.it/Home/FDS), oppure la posta raccomandata – specificando che ci si rivolge alla gestione del Fondo di solidarietà.

É infine possibile inviare il modulo via Pec (all’indirizzo fondo.solidarieta@legalmail.it).

La valutazione delle istanze sarà a cura del fondo stesso, che ha assicurato la prossima pubblicazione di una dettagliata informativa sui criteri e le procedure che adotterà per la valutazione delle istanze.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube