Business | Articoli

Pensioni anticipate: stop alle penalizzazioni

25 Luglio 2016
Pensioni anticipate: stop alle penalizzazioni

Dal primo agosto non saranno più penalizzate le pensioni anticipate: ecco di quanto aumenta l’importo della pensione.

Chi ha lasciato il lavoro tra il 2013 e il 2014 con la massima anzianità contributiva, in forza della Legge Fornero aveva subìto una riduzione dell’assegno pari all’1% o al 2% per ciascun anno di anticipo rispetto ai 62 anni di età.

Questa procedura è stata dichiarata illegittima, dunque la norma è stata cancellata e l’INPS procederà alla ricostruzione d’ufficio degli assegni.

Cancellate le penalizzazioni sulla pensione anticipata: chi è interessato?

Con la Legge di Stabilità 2016 le penalizzazioni sulle pensioni anticipate sono state cancellate.

Il provvedimento riguarda una platea di 28mila pensionati che hanno ottenuto la pensione anticipata tra il 2013 e il 31 dicembre 2014.

Quanto illegittimamente trattenuto verrà restituito attraverso una ricostruzione che l’INPS sta facendo d’ufficio, dunque senza necessità che si inoltri alcuna domanda. Ma il processo di restituzione riguarderà solo gli arretrati maturati nel 2016, non quelli del 2015 (la Legge di Stabilità ha difatti individuato la data del 31 dicembre 2015 come data limite per l’applicazione della normativa precedente).

Come aumentano le pensioni anticipate?

L’importo degli assegni dei pensionati interessati dall’operazione sarà aumentato 10/15% in media.

La cifra tuttavia varierà in proporzione a quanto è stato tolto. Chi è uscito molto anticipatamente rispetto all’età limite di 62 anni avrà ovviamente importi maggiori in termini di aumento, perchè la restituzione del prelievo sarà maggiore.

Facciamo un esempio pratico.

Come abbiamo accennato il taglio è stato applicato in ragione dell’età del prepensionamento, con un importo di un 1% per ogni anno tra i 60 e i 62 anni di età, e un taglio del 2% per ogni anno tra i 58 e i 59.

Chi è uscito con 57 anni di età, ad esempio, ha subìto una riduzione dell’8% (1% per tre anni più 2% per due anni). L’aumento della pensione in questo caso può arrivare anche superare i 100 euro, ma naturalmente dipende dall’importo di partenza dell’assegno.

Quali pensioni saranno depenalizzate?

Non tutte le pensioni anticipate saranno reintegrate da agosto: per i pensionati del sistema pubblico, difatti, la ricongiunzione di INPS e INPDAP ha generato ulteriori ritardi nella gestione del processo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube