Diritto e Fisco | Articoli

Ricetta medica: da martedì 1 marzo non ci sarà più

28 Febbraio 2016
Ricetta medica: da martedì 1 marzo non ci sarà più

Arriva la ricetta elettronica: al paziente sarà consegnato solo un promemoria cartaceo, ma dopo la fase transitoria scomparirà anche quest’ultimo.

Da questo martedì 1° marzo va definitivamente in soffitta la vecchia ricetta del medico di famiglia: al suo posto entrerà in vigore un sistema elettronico (cosiddetta ricetta dematerializzata). Il nuovo meccanismo – in realtà già presente in alcune Regioni – diventerà definitivo su tutto il territorio nazionale e consterà di due fasi:

– nel momento in cui il dottore dovrà prescrivere un farmaco al proprio paziente non compilerà più il tradizionale blocchetto rosso e bianco, ma si connetterà dal computer a un sistema informatico centrale ove iscriverà i dati del malato e del farmaco prescritto. Poi stamperà un promemoria su un foglietto di carta di dimensioni ridotte (A5). In esso saranno inseriti i dati della prescrizione e un codice a barre;

– a questo punto il paziente si dovrà recare in farmacia e consegnare il bigliettino al banco: lì, grazie alla lettura elettronica dei dati contenuti nel promemoria, il farmacista si collegherà allo stesso sistema centrale ove il medico di base aveva compilato i relativi campi e verificherà gli estremi del medicinale, del paziente e l’eventuale diritto a esenzioni.

Il sistema così delineato varrà per un periodo transitorio, al termine del quale scomparirà anche il promemoria scritta e tutto avverrà telematicamente.

Per maggiori chiarimenti sul punto leggi: “Ricetta medica: addio da martedì”.

Tale procedimento verrà esteso gradualmente anche per la prescrizioni di esami e visite specialistiche, visto che la ricetta elettronica sarà accettata anche da cliniche, ambulatori e ospedali.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube