Diritto e Fisco | Articoli

Imu: lo sconto del comodato gratuito

6 Marzo 2016 | Autore:
Imu: lo sconto del comodato gratuito

Le condizioni per accedere al bonus fiscale in caso di comodato dell’immobile a genitori o figli: le rigide regole previste dalla legge.

Dal 1° gennaio 2016 sono previste  agevolazioni IMU e TASI nel caso un cui l’immobile sia ceduto in comodato gratuito a genitori o figli. Ma le condizioni di accesso sono tali per cui i possibili beneficiari si possono considerare dei veri e propri miracolati. Vediamo perché.

Il comodato gratuito, scritto o verbale, è un contratto con il quale il proprietario concede in uso un immobile al conduttore, senza percezione di canoni di locazione né di altre remunerazioni. Quando detto contratto è stipulato fra genitori e figli, parenti in linea retta di primo grado, specifica la norma, sull’immobile concesso in uso il comodante può ottenere l’abbattimento del 50% della base imponibile ai fini del calcolo dell’IMU e della TASI dovute.

Fin qui tutto pare abbastanza semplice.

Ma la legge [1] precisa a quali condizioni, oggettive e soggettive, l’immobile in comodato può dare diritto alle agevolazioni.

Le condizioni soggettive sono:

– il comodante deve possedere un solo immobile (abitativo e non di lusso) sull’intero territorio nazionale;

– il comodante deve risiedere anagraficamente nonché dimorare abitualmente nello stesso comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato;

– il comodante può possedere anche un solo altro immobile ad uso abitativo e non di lusso, in Italia, ma questo deve essere sito nello stesso comune dove è posto l’altro immobile concesso in comodato;

– il comodante deve utilizzare detto altro immobile come propria abitazione principale;

– il comodatario deve essere parente di primo grado in linea retta del comodante (ascendente o discendente – genitori/figli);

– il comodatario deve utilizzare l’immobile ottenuto in comodato come propria abitazione principale e deve esservi residente e dimorarvi abitualmente.

Le condizioni oggettive sono:

– l’immobile deve essere ad uso abitativo (categoria catastale A con esclusione di A/1, A/8 e A/9 – immobili di lusso);

– il contratto di comodato deve essere registrato presso gli Uffici dell’Agenzia delle Entrate;

– il soggetto richiedente l’agevolazione attesta il possesso dei requisiti con una apposita dichiarazione prevista per legge [2];

-l’agevolazione è concessa solo proporzionalmente per mese (si considera mese la frazione superiore a 15 giorni);

– il comodatario deve prendere la residenza nell’immobile concesso in comodato.

Come si può vedere le condizioni per l’accesso alla agevolazione della riduzione della base imponibile IMU/TASI al 50% non sono di facile conseguimento.

Facendo qualche calcolo, considerato che il contratto di comodato gratuito ha un costo di registrazione minimo di euro 232 (200 per imposta di registro e 32 per marche da bollo), occorrerà verificare che detto importo sia superiore al vantaggio della riduzione dell’IMU e della TASI dovute.

Inoltre, considerando che se il comodato è stipulato, come spesso capita nei confronti dei parenti in linea retta, a tempo indeterminato, occorrerà in futuro risolverlo qualora non più utilizzato, versando gli stessi importi di cui sopra al fisco.

Oltre a detti costi comodante e comodatario devono anche prevedere i costi professionali della redazione del comodato, qualora non intendano provvedervi da soli.

Infine si ricorda che il comodante è comunque tenuto al pagamento dell’IMU e della TASI, seppur su base imponibile ridotta al 50% , sull’immobile concesso in comodato, mentre il comodatario, che utilizza l’immobile come abitazione principale ne è esentato.


note

[1] L. n. 208 del 28.12.2015 – art. 1 co. 10 lett. b)

[2] D.L. n. 23 del 2011 – art. 9 co. 6.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube