Diritto e Fisco | Articoli

“Falso d’autore” punito. Disturbi dissociativi della Cassazione

14 Maggio 2012 | Autore:
“Falso d’autore” punito. Disturbi dissociativi della Cassazione

In meno di un anno due pronunce sul copyright totalmente opposte: le sezioni della Cassazione, a volte, soffrono di disturbi dissociativi della personalità.

Non molti mesi fa, la Suprema Corte aveva dichiarato [1] che la contraffazione di un marchio non è reato quando, nel riprodurre su un prodotto il logo di una ditta concorrente, venga chiaramente specificato, sulla confezione, che il pezzo non è originale. Era il caso di una azienda che vendeva copricerchioni per auto non originali, con impresso il logo della casa madre, ma al solo fine di non guastare l’estetica complessiva del veicolo. La logica della sentenza era condivisibile: l’avvertimento sulla confezione del pezzo era tale da non indurre in errore il consumatore e quindi da evitare qualsiasi confusione nel mercato.

Oggi invece la stessa Cassazione sembra aver cambiato idea, emettendo una pronuncia [3] di senso diametralmente opposto. In questo caso, il prodotto contraffatto era un profumo, sulla cui etichetta era ben scritto “falso d’autore”. Secondo i giudici, tale specificazione non evita di trarre in inganno la nonna presbite o la fidanzata miope! Inoltre, la scia di una buona imitazione potrebbe essere confusa con l’alone di un marchio famoso pubblicizzato.

Così, nel caso di specie, è stato punito [3] il commerciante al dettaglio nonostante avesse acquistato, in buona fede, la merce da un agente e avesse poi, dopo il sequestro della merce medesima, intentato causa al suo fornitore.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 47081/2011.

[2] Cass. sent. n. 15080 del 19.04.2012.

[3] Per il reato di “Commercio di prodotti con segni falsi”, ex art. 474 c.p.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube