Avvocati: redditi in picchiata

11 Marzo 2016
Avvocati: redditi in picchiata

Il report di Cassa forense: per gli under 30 meno di 10 mila euro l’anno dichiarati.

Per un avvocato che non ha superato 45 anni, il reddito medio è di 30mila euro all’anno. Per quelli, invece, fino a 30 anni il volume scende vertiginosamente: 10mila euro. Sono questi i dati diffusi da Cassa Forense.

Nel 2014, il 26,6% degli avvocati (circa 57mila) ha dichiarato non più di 10.600 euro. Addirittura, ben 70 mila avvocati hanno un volume d’affari medio ai fini Iva di 8 mila euro.

ETÀ
REDDITO DICHIARATO
Under 30
Meno di 10.000 euro
Tra 30-34 anni
14.000 euro
Tra 34-40 anni
20.000 euro
Tra 40-45 anni
30.000 euro

Il calo prosegue dal 2007: l’8,1% degli avvocati dichiara un reddito pari a zero euro;  il 26,6% dichiara non più di 10.600 euro, con una media pari a 5.105 euro. Il 20% degli avvocati dichiarata tra 10.600 e i 19.857 euro e il 25,5% dichiara tra i 19.857 e il 48.300 euro.

La regione dove i redditi sono più bassi è la Calabria (16.657 euro), seguita dal Molise (17.922 euro) e dalla Basilicata (19.725 euro). I redditi più alti, invece, tralasciando Trento e Bolzano, sono in Lombardia (66.397), seguita dal Trentino Alto Adige (61.099 euro).

Quanto al volume d’affari dichiarato ai fini Iva, invece, al Nord la media è pari a 87.918 euro, al Centro 64.608 euro euro e al Sud e Isole a 30.599 euro. Il calo maggiore del reddito, invece, ha interessato più di tutti il Friuli Venezia Giulia (-6,1%), seguito dalla Liguria e dalla Sardegna (-5,7%). Le uniche regioni che hanno avuto un calo percentuale inferiore all’1% sono state la Lombardia (-0,2%), la Calabria (-0,3%) e la Valle d’Aosta (-0,9%).
Il maggior numero di avvocati, in Italia, è concentrato in Calabria (che, peraltro, vanta anche i redditi minori) con 6,6 legali ogni mille persone, seguita dalla Campania (5,8) e dal Lazio (5,6).

In media, in Italia ci sono 3,9 avvocati ogni 1.000 abitanti.


note

I dati sono indicati sul giornale ItaliaOggi del 11.03.2016


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube