| Articoli

La mia denuncia è stata archiviata: cosa posso fare?

22 marzo 2016 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 22 marzo 2016



Quando il PM decide di archiviare una denuncia o una querela, chi l’ha presentata generalmente può fare opposizione, ma questo non accade sempre. A volte la persona offesa non è avvisata dell’archiviazione e non ha diritto di opporsi alla decisione del PM.

Chi presenta una denuncia o una querela desidera che le indagini siano svolte con cura e che il colpevole sia processato e punito per il torto commesso. Spesso però accade che il PM chieda l’archiviazione e non sempre la vittima che ha presentato la denuncia viene informata. Ecco quando e come ci si può opporre all’archiviazione.

La richiesta di essere avvisati dell’archiviazione

Il primo consiglio utile per chi presenta una denuncia o una querela contro una persona è quella di chiedere espressamente di essere avvisati nel caso in cui il PM chieda l’archiviazione, scrivendolo nella denuncia scritta o chiedendo all’ufficiale di Polizia di inserire la dicitura nel verbale di denuncia orale.

In questo caso il PM sarà obbligato ad avvisare il denunciante della richiesta di archiviazione e nel caso in cui non lo faccia, la persona offesa può presentare ricorso in Cassazione [1].

Le uniche eccezioni a questa regola si hanno quando il PM chiede l’archiviazione per particolare tenuità del fatto [2] e quando si tratta di reati commessi con violenza alla persona (es. omicidio, lesioni personali, violenza sessuale ecc.): in questi casi è obbligatorio informare la persona offesa anche se non ha fatto la richiesta espressa di essere avvisata.

 

I diversi casi di archiviazione

Il PM può chiedere l’archiviazione delle indagini per questi motivi:

– infondatezza della notizia di reato: quando si ritiene che i fatti raccontati nella denuncia non sono davvero avvenuti, non sono stati commessi dalla persona accusata nella querela, oppure non costituiscono un reato;

– manca una condizione di procedibilità: spesso la richiesta è motivata così quando si tratta di reati procedibili solo a querela di parte e la vittima non abbia presentato la querela, o l’abbia presentata in ritardo, o la querela sia stata presentata da chi non ne aveva diritto;

– il reato è estinto: i casi più comuni si hanno quando il reato è già prescritto o è deceduto l’indagato;

– per particolare tenuità del fatto;

–  perché il colpevole è rimasto ignoto [3].

In tutti questi casi il PM non può archiviare da solo le indagini, ma deve chiedere l’archiviazione al GIP.

La persona offesa che riceve l’avviso della richiesta di archiviazione ha la possibilità di presentare opposizione entro dieci giorni dall’avviso. Il termine è di venti giorni nel caso di reati commessi con violenza sulla persona.

La persona offesa deve necessariamente indicare quali nuove indagini ritiene utile che siano svolte e quali nuove prove possano essere raccolte, altrimenti l’opposizione è inammissibile.

Se la persona offesa non fa opposizione, il GIP può:

– archiviare senza fissare udienza;

– fissare udienza e, dopo avere sentito tutte le parti interessate, archiviare, o chiedere al PM lo svolgimento di nuove indagini, o infine imporre al PM il rinvio a giudizio dell’indagato [4].

Nel caso in cui la persona offesa abbia fatto opposizione, il GIP è obbligato a fissare udienza [5].

L’archiviazione dei fatti che non costituiscono notizie di reato

Può capitare che il PM ritenga che i fatti esposti nella denuncia non abbiano evidentemente alcun rilievo penale (es. il commerciante che contesta al cliente di non avere pagato la merce) e quindi decida l’archiviazione nel registro chiamato “mod. 45” riservato ai fatti che non costituiscono notizie di reato.

In questi casi l’archiviazione è decisa dal PM, senza il controllo del Giudice, la vittima non viene avvisata, né può presentare opposizione o ricorso in Cassazione.

La riapertura delle indagini dopo l’archiviazione

Può capitare che dopo l’archiviazione la vittima scopra nuove prove che non erano conosciute prima o possa indicare nuove piste di indagine in grado di scoprire nuovi elementi di prova. In questo caso la persona offesa può chiedere al PM la riapertura delle indagini, che deve essere sempre autorizzata dal GIP [6].

note

[1] Art. 408 cod. proc. pen.

[2] Art. 411 cod. proc. pen.

[3] Art. 415 cod. proc. pen.

[4] Art. 409 cod. proc. pen.

[5] Art. 410 cod. proc. pen.

[6] Art. 414 cod. proc. pen.

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

21 Commenti

  1. Certamente, come spieghiamo alla fine dell’articolo: Può capitare che dopo l’archiviazione la vittima scopra nuove prove che non erano conosciute prima o possa indicare nuove piste di indagine in grado di scoprire nuovi elementi di prova. In questo caso la persona offesa può chiedere al PM la riapertura delle indagini, che deve essere sempre autorizzata dal GIP.

    1. Salve avvocato…volevo porle una domanda, ma nel caso in cui la denuncia viena archivita o la persona denunciata viene assolta la sua fedina penale com’è?

      1. Ovviamente il casellario rimane pulito, a meno di archiviazione o proscioglimento per particolare tenuità del fatto.

  2. Mi è stata archiviata una denuncia,dove parlava di reati come mancanza di titoli,documentata dall’università stessa per frode alla stato e lavoro a nero.
    Si dice che non c’erano prove….
    Povera italia….

  3. cIRCA QUATTRO ANNI FA ORMAI HO AVUTO UNA DISCUSSIPONE CON IL PADRONE DI CASA PERCHè LUI NON VOLEVA FARMI IL CONTRATTO, ALLORA HA PENSATO BENE DI ACCOMPAGNARE UNA PERSONA STRANIERA CHE LUI CONOSCEVA BENE, E MI HA SFONDATO LA PORTA AGGREDENDOMI.
    MENTRE MI ERO RECATO AL PONTO SOCCORSO CON TUTTA LA FAMIGLIA(TERRORIZZATA) LUI(IL MANDANTE) HA APPROFFITTATO DI UN FORO NELLA PORTA E HA DATO FUOCO ALLA CASA. E’ MAI POSSIBILE CHE UN FATTO DEL GENERE E’ STATO ARCHIVIATO?

    1. GENTILE STEFANO,SPIACENTE PER IL CASO CAPITATOLE;TRATTASI DI DISUMANA INCIVILTA’,POICHE’ DI SOLITO,PUR SE NOI CITTADINI ONESTI E’ VITTIME DI “INGIUSTIZIE” CI LAGNIAMO LA MAGGIOR PARTE DEI “AUTODEFINITOSI GIUDICI”,ESSENDO REALMENTE INCOMPETENTI,HO ARCHIVIANO I CASI SERI HO ADDIRITTUARA EMETTONO SENTENZEE AL COMPLETO ROVESCO CONDANNAND LE “VITTIME” A PAGARE PURE LE SPESE DI GIUSTIZIA NONOSTATE LE TRUFFE,ECC.,ECC.,SUBITE.
      SVARIATE “TANGIBILI” PROVE PERSONALI,PER SVARIATI CASI PIETOSI E’ SPREGFEVOLI, TUTTI RELATIVI AL C.P. EPPURE TUTTE “ARCHIVIATE”,PER CUI I COLPEVOLI HANNO CONTINUATO A TRAMARE IN COMBUTTA E’ METTERE IN ATTO ALTRE ANOMALIE,ILLEGALITA’ ECC.,ECC..
      E’ VERAMENTE VERGOGNOSO SVENTOLARE AI “QUATTRO VENTI” IL COMPLETO CONTRARIO DELLA BRAVA E’ ONESTA GENTE

  4. Gentile Avvocato ,
    omissione atti d’ufficio ,
    falsa testimonianza
    falso ideologico …
    con anche richiesta di venire informati in caso di archiviazione
    supportati da documentazione :possono essere inizialmente rubricati nel modello 45 anche dove compaiono i nomi dei trasgressori e i documenti da verificare ?

  5. O fatto una cuerela x truffa a un rivenditore di auto x riparare i sedili auto prezzo 500 euro poi x magia sono diventati 1100 e una truffa?

  6. Salve, una domanda: a seguito di esposto-denuncia-querela e con richiesta di essere avvisato in caso di archiviazione, può capitare che sia archiviato senza che io sappia nulla? Ovvero se i fatti non hanno rilevanza penale come dice l’articolo ma io ho fatto richiesta di essere avvisato, vengo avvisato oppure no?
    E se chiamo la procura per sapere se è stato archiviato o meno riesco a saperlo o no?
    Grazie

  7. Buon giorno
    Le scrivo per chiedere consiglio riguardo un fatto accaduto al negozio Mango di porta nuova a Torino
    Come cliente, una mattina dimentico sul bancone una bustina con circa 110/120€ dopo aver pagato la merce acquistata
    Ho dovuto fare denuncia e solo allora , dalle riprese delle telecamere, si vede una commessa allungare la mano e prendersi i miei soldi
    Dopo essere indagata per questo reato lei restituisce la metà ovvero 60€
    Ora è arrivata la notifica che il pm vorrebbe chiedere l’archiviazione
    Come mi devo comportare ?
    Se scrivo le motivazioni per cui ritengo si continui ad indagare e se il giudice l’accetta, le spese saranno a carico mio
    ?
    La ringrazio molto
    Cordiali saluti

  8. qual’è il tempo massimo affinchè il GIP decida se archiviare o no una denuncia
    Le spiego a novembre 2016 mi oppongo ad una richiesta di archiviazione, viene fissata udienza a settembre 2017.
    il GIP chiede ancora qualche giorno per decidere
    ad oggi sono ancora in attesa di risposta
    gradirei che qualcuno mi desse delle delucidazioni in merito

  9. cortesemente vorrei sapere, essendomi stata notifica come parte offesa richiesta di archiviazione del P.M., l’opposizione si puo basare sul fatto che il PM non ha fatto indagini se non sentire l’indagato e recepire sua dichiarazione ?
    Grazie

  10. buongiorno,
    vorrei porre una domanda su archiviazione del reato penale. entro quanto tempo viene archiviata se la pratica sta dal GIP.
    nel mio caso e stato deciso ottobre che sara archiviato. fino ora non ho nessuna notizia d’arichiviazione. a chi devo rivolgere per saperlo?

    grazie mille per l’aiuto.

  11. hO PRESENTATO QUERELA CONTRO L’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI CAGLIARI PER MANCATA CONCESSIONE ACCESSO AGLI ATTI SU ARCHIVIAZIONE ESPOSTO CONTRO LEGALE DI FIDUCIA. LA PM HA ARCHIVIATO SENZA ALCUNA COMUNICAZIONE NONOSTANTE FOSSE BEN EVIDENZIATO NELLA QUERELA CHE ” IN CASO DI ARCHIVIAZIONE INFORMARE L’AVV.ANTONIO TOLA -VIA MARIANO QUARTO-ORISTANO” Cosa posso fare per far riaprire le indagini? Ho intenzione di presentare esposto al CSM maame serve l’atto richiesto per poter far causa al legale che ci ha tradito. La ringrazio per quanto potrà comunicarmi.

      1. Ringrazio Anonimo del parere espresso su mia richiesta.
        Cio ch vorrei sapere è a quali spese sarei esposto e se da semplice cirradini posso inoltrere ricorso. credo sia necessaria la presenza di un legale accreditato proprio in cassazione.
        Cordialità
        Salvatore Angelo firinu

  12. salve. in 2 querele una a distanza dall”altra di un anno io e dei miei colleghi siamo stati accusati dal nostro ex datore di lavoro di furto aggravato in concorso. naturalmente siamo tutti scagionati in tutte le querele fatte dal datore di lavoro. ma sopratutto nella seconda querela vi fu a carico nostro l”archiviazione. si oppose alla archiviazione il datore di lavoro perchè anche se non vi erano elementi per dire che non vi fu il furto ma comunque siamo entrati in suolo privato e danneggiato gli armadietti dove secondo lui vi era della attrezzatura. insomma decidiamo fare una denuncia per calunnia. dopo 1 anno il PM archivia perchè non vi e il dolo. dagli atti si nota che non vi e alcuna fase investigativa. quello che mi chiedo io perchè non anno investigato? come si fa a dire che non ce dolo se non si fanno le dovute indagini? e obbligo del PM investigare? chiediamo la prosecuzione delle indagini……………….ad oggi non si sa niente!

  13. ho presentato 17 denuncie stalking, violenza privata, danneggiamento ecc. ecc, il bravo PM ha chiesto l’archiviazione ! motivi ? perche’ trattasi di reati FAMILIARI ! perche’ si cerca di convincere sempre le persone a presentare infinnite querele , quando dall’altra parte i giudici non applicano le leggi ? non solo queste archiviazioni non fanno altro che rendere piu’ forti gli indagati ! fate qualcosa per impedire ai giudice di non chiedere mai archiviazioni su casi del genere. Grazie

    1. Buongiorno Lucia, anche mio marito ed io siamo vittime di atti persecutori da parte di familiari e anche noi abbiamo ricevuto comunicazione di archiviazione delle ultime denunce perché “trattasi di conflitti familiari” e, ancora più grave detto da parte di un pm, perché trattasi di “continuazione” degli stessi reati!!! Noi siamo amareggiati e delusi a causa della (mala)giustizia italiana che, non solo non difende le vittime, ma rende più forti i criminali. Noi ci siamo rivolti alla Procuratrice capo e il nostro avvocato sta presentando opposizione all’archiviazione.

  14. Se un pm chiede archiviazione dicendo che il reato di stalking va denunciato entro 3 mesi (“seppur di pochi giorni risulta tardiva”), quando in realtà il termine è di 6 mesi, inoltre essendo coinvolta una bambina si dovrebbe procedere d’ufficio e quindi non esiste un termine per la presentazione della denuncia ed il gip accetta l’archiviazione, non avendo fatto opposizione (l’avvocato dice che probabilmente ha perso la notifica in quanto è avvenuta mentre stava trasferendo l’ufficio), a tutto questo come ci si può opporre? E’ questa una cosa che può legalmente avvenire? Può il pm, nel suo lavoro, prendere decisioni che siano in contrasto con quanto prescritto dalla legge? In tribunale c’e’ scritto “La legge è uguale per tutti”, ma se avviene quanto sopra, dovrebbe essere subordinata alla frase “Purchè tu riesca ad arrivarci in Tribunale”.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI