Diritto e Fisco | Articoli

Accertamento fiscale: difese e documenti vanno prodotti subito

23 Marzo 2016
Accertamento fiscale: difese e documenti vanno prodotti subito

Nella causa contro l’Agenzia Entrate non si possono produrre dati e notizie che non siano stati già esibiti in sede di contraddittorio amministrativo.

In caso di accertamento fiscale, meglio esibire tutti i documenti a supporto delle proprie difese quando l’Agenzia delle Entrate li chiede in fase amministrativa, poiché, qualora si dovesse andare in causa, il contribuente non potrebbe più produrre dati e notizie che non abbia fornito prima o che abbia fornito in ritardo. Si salva in corner solo chi riesce a giustificare tale omissione per via di una causa a lui non imputabile e oggettivamente impeditiva: in tal caso, però, è necessario presentare detta documentazione sin dal ricorso introduttivo.

Lo ha chiarito la Cassazione con una sentenza di qualche ora fa [1].

La sezione tributaria ha dunque fornito un’interessante chiave interpretativa dell’articolo 32 del d.p.r. 600/1972. Sul punto gli Ermellini hanno infatti affermato che l’invito da parte dell’Agenzia delle Entrate [2] a fornire dati, notizie e chiarimenti, serve per assicurare – in rispondenza ai canoni di lealtà, correttezza e collaborazione propri degli obblighi di solidarietà della materia tributaria – un dialogo preventivo tra fisco e contribuente per favorire la definizione delle reciproche posizioni, in modo da evitare l’instaurazione di un contenzioso giudiziario. Pertanto è legittima la sanzione nei casi di mancata risposta o di risposta fornita in ritardo da parte del contribuente; detta sanzione, come detto, si sostanzia nel divieto – in caso di impugnazione dell’accertamento fiscale – di allegare dati e documenti non forniti nella sede precontenziosa. Tale inutilizzabilità può peraltro essere rilevata dal giudice d’ufficio in ogni stato e grado di giudizio.

Il contribuente può ottenere una deroga all’inutilizzabilità solo se dimostra di essere stato nell’impossibilità oggettiva, da lui non dipendente, di produrre prima tali documenti.


note

[1] Cass. sent. n. 5734 del 23.03.2016.

[2] Art. 32, co. 4, d.P.R. n. 600/1973.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube