Marchi e brevetti: l’Uami ora si chiama Euipo

24 Marzo 2016
Marchi e brevetti: l’Uami ora si chiama Euipo

Alicante, nasce l’Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno.

Se dovrai depositare un marchio o un brevetto comunitario, con copertura quindi in tutta l’Unione Europea (28 Stati Membri), non dovrai più rivolgerti all’Uami (l’Ufficio per l’armonizzazione nel mercato interno) ma all’Euipo (l’Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale. In verità a cambiare è solo il nome: la sede (Alicante, Spagna) e le funzioni (conservare il registro con tutte le registrazioni, decidere eventuali contestazioni, ecc.) restano le stesse.

La modifica è operativa da ieri ed è conseguenza dell’entrata in vigore di un recente regolamento Ue approvato dal Parlamento e dal Consiglio [1].

Le novità sotto l’aspetto terminologico non finiscono qui: quello che un tempo si chiamava marco comunitario, da oggi si chiama marchio dell’Unione Europea (Mue). Invece, venendo alla sostanza, viene prevista una riduzione delle tasse da pagare all’ufficio.

L’ex Uami, attualmente Euipo gestisce le richieste di registrazione di marchi dell’Unione europea e dei disegni e modelli comunitari (Dmc), due diritti di proprietà intellettuale che offrono protezione nei 28 stati membri dell’Unione europea. Tanto per intenderci, si tratta di quelle trafile necessarie per poter inserire, accanto al proprio logo, la R con il cerchietto ®, il che garantisce la tutela da eventuali contraffazioni, copie o assonanze che possano indurre il consumatore in errore circa la provenienza del prodotto.

La registrazione del marchio o del brevetto comunitario si pone come alternativa a quella nazionale, che tuttavia, oltre a coprire un territorio molto più limitato (solo l’Italia), ha anche dei tempi paradossalmente molto più lunghi.


note

[1] Regolamento Ue n. 2015/2424.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Il brevetto comunitario non esiste. È in via di definizione il brevetto unitario europeo che andrà in vigore presumibilmente nel 2017 e sarà gestito dall’Ufficio Europeo Brevetti (European Patent Office) che ha sede principale a Monaco di Baviera.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube