Diritto e Fisco | Articoli

Una telefonata allunga la vita, ma accorcia il posto di lavoro

3 Maggio 2012


Una telefonata allunga la vita, ma accorcia il posto di lavoro

> Diritto e Fisco Pubblicato il 3 Maggio 2012



Legittimo il licenziamento del lavoratore che usa il telefono dell’ufficio per lunghe telefonate private.

Il dipendente che effettua chiamate private dall’ufficio rischia di perdere il posto di lavoro.

Con una recente sentenza [1], infatti, la Corte di Cassazione ha dichiarato legittimo il licenziamento inflitto a un addetto alla sorveglianza di un presidio ospedaliero di Lecce.

Il sorvegliante aveva effettuato, nell’arco di tre giornate, numerose chiamate private (ciascuna della durata di circa un’ora) dalla propria postazione di servizio.

Nel caso concreto, a fare la differenza è stato proprio il delicato ruolo di responsabilità rivestito dal dipendente. In quanto preposto alla sorveglianza, egli era tenuto a evitare l’intrusione di soggetti pericolosi all’interno di una struttura. Tale mansione richiede infatti attenzione costante.

Questo potrebbe significare, di converso, che il lavoratore addetto allo svolgimento di compiti differenti, che si dovesse macchiare di analoga inadempienza, potrebbe non subire la stessa sanzione.

di GIORGIA MARIA CALABRO’

note

[1] Cass. sent. n. 5371/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI