Diritto e Fisco | Articoli

Cosa accade se il cid non è compilato correttamente?

8 aprile 2016 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 8 aprile 2016



Quali sono le conseguenze in termini di risarcibilità del danno nel caso di errore nella compilazione del CID.

Il CID, Convenzione di Indennizzo Diretto, è il modello che in caso di incidente viene compilato e firmato congiuntamente dai conducenti dei veicoli coinvolti; in esso viene riportata la dinamica dell’incidente ed eventualmente le responsabilità dei conducenti nella causazione del sinistro. Il CID è valido soltanto nel caso in cui i veicoli coinvolti non siano più di due e nel solo caso di danno a cose e non di danno alle persone. La compilazione di tale modello rende più agevole la procedura di risarcimento da parte dell’assicurazione che procede a liquidare il danno al proprio assicurato.

Ma cosa accade se vi è stato un errore nella compilazione di tale modello?

In teoria i soggetti coinvolti potrebbero incontrarsi per rettificare le notizie errate e compilare un nuovo modello, ma questa procedura non è possibile se è stata già inviata la richiesta di risarcimento danni all’assicurazione.

Molto spesso le compagnie assicurative in caso di errori nella compilazione del CID si rifiutano di procedere al risarcimento ritenendo che l’incidente sia falso o che comunque non si sia verificato secondo le modalità indicate dai conducenti.

Ma prima di affrontare tale questione è opportuno ricordare qual è il valore delle dichiarazioni rese nel CID. Secondo la giurisprudenza le dichiarazioni non hanno il valore di prova assoluta nemmeno contro la parte che le ha rese e sottoscritte. Sta a significare che, se a seguito di incidente, avete descritto la dinamica e dichiarato la vostra responsabilità nella causazione dello stesso, tale tesi non deve essere presa come verità assoluta né dal giudice né dall’assicurazione. Infatti il giudice valuterà le dichiarazioni rese nel modello tenuto conto dello svolgimento del giudizio [1]. L’assicurazione, da parte sua, sarà libera di dimostrare che i fatti si sono svolti diversamente rispetto a come descritto nel CID, anche contrariamente a quanto affermato dal suo assicurato. Se però nell’arco del processo non viene dimostrato che i fatti si sono svolti in modo diverso e che le responsabilità sono differenti, il CID assume il valore di piena prova ai fini della decisione del giudice. Una recente sentenza del Giudice di Pace di San Donà di Piave ha stabilito che non vale come prova per contestare il CID la dichiarazione resa molti mesi dopo dal conducente di uno degli autoveicoli e tesa a sconfessare a suo favore quanto dichiarato nel CID; se nel processo non è stato provato il contrario tale nuova dichiarazione non avrà alcun valore ed il modello di constatazione amichevole assumerà valore di piena prova [2].

L’errore nel CID può pregiudicare il diritto al risarcimento del danno?

Non è raro che i conducenti commettano degli errori nella compilazione del modello di constatazione amichevole di incidente, vuoi per lo stato di agitazione naturale dopo un evento simile, vuoi per la fretta. Se avete sbagliato a scrivere il nome della strada, la data dell’incidente o altri dati, non dovete preoccuparvi, perché la giurisprudenza è a vostro favore. Infatti la Corte di Cassazione ha stabilito che, nel caso di errore nella compilazione del modello di constatazione amichevole di incidente, l’assicurazione sarà comunque tenuta al risarcimento del danno, salvo che venga dimostrato in giudizio che il contenuto del CID non rappresenta come sono andati i fatti, cioè che la dinamica descritta non è quella o che i danni non sono compatibili per come è avvenuto il sinistro [3]. Di conseguenza non è il semplice errore nella compilazione del modello che potrà precludere il vostro legittimo diritto al risarcimento dei danni subiti.

note

[1] Cass. sent. n. 11368/2014; Cass. sent. n. 26693/2013.

[2] GdP San Donà di Piave, sent. n. 42/2016.

[3] Cass. sent. n. 11368/2014.

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Buongiorno io ho avuto un incidente ho firmato il cd ma sia il disegno e dinamica non corrispondono a quanto s ritto è fimato. Avendo testimoni e foto. Vogliono darmi il torto

  2. Buongiorno. In data 17/3/2018 purtroppo ho avuto un sinistro. Ho dovuto fermarmi dietro ad un veicolo fermo. Dopo essermi fermato il veicolo ha iniziato la retromarcia per parcheggiare e naturalmente ha colpito la mia auto. Dopo il sinistro l’altro conducente ha spostato la sua auto. Di comune accordo abbiamo compilato il CID.
    Nelle note sotto ho indicato che il mio veicolo era fermo e l’altro veicolo stava facendo manovra di retromarcia. Per l’altro conducente è stato scritto che stava facendo manovra e stessa cosa è stata segnata delle caselline centrali. Purtroppo per me preso dal nervosimo e controvoglia ho segnato la casellina in cui si recita che ho tamponato. La controparte non ha voluto rivedere il CID. a questo punto sono costretto ad accettare il 50 – 50. Io ho parecchi danni lui no.
    Purtroppo non ho nessun testimone pertanto andare per vie legali mi sembra un rischio troppo elevato.
    Certo è che dovrebbe esserci un sistema per poter modificare il CID soprattutto quando ci sono queste incongruenze e chi subisce è nell’agitazione più totale
    Cordiali saluti.
    Luca

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI