Diritto e Fisco | Articoli

Quando il corteggiamento è stalking?

10 Aprile 2016
Quando il corteggiamento è stalking?

Corteggiatore troppo insistente: scatta il reato di atti persecutori se la sua insistenza genera uno stato di ansia nella vittima.

 

Chi è stato corteggiato fino allo sfinimento da un ammiratore sa come ci si sente quando si diventa oggetto del desiderio di un’altra persona, almeno quando il comportamento di quest’ultima assume i caratteri di una vera e propria mania o di una patologia psicologica. Ma fin dove il corteggiamento rientra nel lecito e quando, invece, è vietato dalla legge perché considerabile un atto persecutorio? In altre parole, quando il comportamento dell’ammiratore può considerarsi stalking? A chiarirlo è una sentenza della Cassazione di qualche giorno fa [1].

Secondo la Corte rientra negli atti persecutori [2] quell’ossessivo corteggiamento protrattosi per più tempo (magari per mesi), divenendo via via sempre più aggressivo e minaccioso (anche a seguito di denunce e querele presentate dalla parte offesa), tanto da provocare nella vittima un perdurante e grave stato d’ansia o di timore per la propria incolumità. Ad esempio, è il caso in cui la vittima inizi a modificare il proprio percorso quotidiano, evitando determinate strade o persone; o quando la persona “corteggiata” inizi ad aver paura di ogni estraneo, o ancora cerchi di non stare mai da sola o arrivi a sospendere il proprio account Facebook. È una cartina di tornasole il fatto che la vittima abbia ricorrenti incubi notturni o stati di insonnia. Insomma, tutte le volte in cui la parte offesa arriva – per via delle “attenzioni” ossessive dell’ammiratore – a modificare le proprie abitudini di vita scatta lo stalking.

Le aggravanti

Il fatto che l’ammiratore sia un ex partner o il marito non costituisce una giustificazione. Anzi! il codice penale infatti impone un aumento della pena se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa.

Ulteriore aumento della pena è previsto se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici.

La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità (quella prevista dalla famosa “legge 104”).


note

[1] Cass. sent. n. 13940/2016.

[2] Art. 612 bis cod. pen.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube