Diritto e Fisco | Articoli

Colf e badanti: anticipazione del Tfr. Fac-simile per la richiesta

16 Aprile 2016 | Autore:
Colf e badanti: anticipazione del Tfr. Fac-simile per la richiesta

Le colf e le badanti possono avere subito dal datore di lavoro una parte del tfr già maturato.

Come tutti i lavoratori, anche colf e badanti hanno diritto al TFR. In merito al trattamento di fine rapporto, il CCNL (contratto collettivo nazionale) per i collaboratori domestici, in vigore fino al 31 dicembre 2016, stabilisce che, in caso di cessazione del rapporto di lavoro, il lavoratore ha diritto a un trattamento di fine rapporto (T.F.R.) determinato [1] sulla base delle retribuzioni percepite nell’anno, comprensive del valore di vitto e alloggio: il totale è diviso per 13,5.

I datori di lavoro anticiperanno, a richiesta del lavoratore e per non più di una volta all’anno, il T.F.R. nella misura massima del 70% di quanto già maturato [2].

 

È bene formalizzare la richiesta per iscritto utilizzando il seguente modello:

Richiesta anticipo TFR

Al (indicare il nome del datore di lavoro)

 

 

Oggetto: richiesta anticipo TFR

 

Il sottoscritto —– nato a —– il —–, residente in ——, c.f. ———–, in forza di contratto di lavoro stipulato in data —–, avendone titolo, così come previsto dall’art. 1 l. 297 del 29.05.1982, visto l’art. 40 CCNL collaborazioni domestiche, per l’anno ——,

CHIEDE

l’anticipazione del tfr (trattamento di fine rapporto) nella misura di —– (rientrante nel limite del 70% annui, come per legge) maturato fino alla data odierna.

 

Luogo e data

 

Firma del dipendente

 

 

Per ricevuta e accettazione

 

   Firma del datore di lavoro

 

Luogo e data

Il lavoratore, per le somme ricevute a titolo di anticipazione del tfr, è tenuto a rilasciare quietanza al datore di lavoro. La quietanza può essere formulata in base allo modello di seguito indicato:

Io sottoscritto/a —————- , nato a ——– il ——–, c.f. ———, in forza di contratto di lavoro stipulato il —– dichiaro di ricevere la somma di € ——- a titolo di anticipazione sul trattamento di fine rapporto, così come previsto dalle norme di legge e dall’art. 40 del CCNL sulla disciplina del lavoro domestico. Nel ricevere il suddetto importo, rilascio quietanza liberatoria e riconosco che il predetto importo lordo verrà detratto a tutti gli effetti dalle mie spettanze di fine rapporto e sarà escluso dalla rivalutazione di legge.

 

Luogo e data

Firma

 


note

[1] A norma della l. n. 297 del 29.05.1982.

[2] Art. 40 CCNL di categoria, con decorrenza 1 luglio 2013 e scadenza 31 dicembre 2016.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Salve.Mi chiamo Gabriela. Vorei ,dopo tre anni di lavoro preso lo steso datore,la TFR,per aiutare la mia figlia che si deve sposare.La mia datore di lavoro si rifiuta.Cosa posso fare,non posso proprio avere anticipamente il tfr?!Spero di avere una vostra risposta. Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube