Diritto e Fisco | Articoli

Avvocati: prepensionamento e agevolazioni per i giovani

22 Aprile 2016
Avvocati: prepensionamento e agevolazioni per i giovani

Flessibilità in uscita: pensione già dal 65° anno di età con penalizzazione del 5% all’anno.

“Ponti d’oro” agli avvocati che si cancellano dall’albo per andare in pensione: è possibile usufruire di una flessibilità in uscita che dovrebbe incentivare l’addio alla professione con una sorta di prepensionamento. Rispettando infatti il criterio dell’anzianità contributiva da maturare (che, a regime, sarà di 35 anni nel 2021), l’avvocato può accedere prima alla pensione a partire dal 65° anno di età e con una penalizzazione dello 0,41% per ogni mese di anticipo (il 5% su base annua).

Lo ha chiarito ieri il Presidente di Cassa Forense nel corso di un’audizione alla Commissione bicamerale di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. Insomma, un’uscita verso la pensione più elastica non solo per i lavoratori dipendenti, ma anche per i professionisti delle aule giudiziarie.

Inoltre, se il professionista iscritto può vantare “almeno 40 anni di anzianità contributiva, l’anticipazione, sempre risalendo, al massimo, al 65° anno di età, non comporterà” alcuna riduzione dell’importo del futuro assegno.

Per gli avvocati invece che hanno meno di 35 anni, sono previste una serie di agevolazioni:

– per favorire l’iscrizione alla Cassa Forense essi hanno diritto a una riduzione del 50% del contributo soggettivo minimo per i primi sei anni di iscrizione (l’ammontare è di 1.407,50 euro per il 2016);

– inoltre se l’avvocato ha un reddito inferiore ai 10.300 euro, per i primi otto anni di iscrizione il contributo soggettivo minimo viene ulteriormente ridotto alla metà (dando così diritto a sei mesi di anzianità contributiva); invece la seconda metà del versamento dovuto viene resa facoltativa: potrà cioè essere pagata entro gli otto anni dall’entrata negli elenchi della Cassa e se l’avvocato deciderà di saldare la quota avrà i residui sei mesi di anzianità contributiva [1];

– il contributo integrativo minimo non deve esser versato per i primi cinque anni di iscrizione. Il pagamento ammonta al 50% per i successivi quattro anni (nell’anno in corso la cifra è di 355 euro).


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube