HOME Articoli

Lo sai che? Avvocati: prepensionamento e agevolazioni per i giovani

Lo sai che? Pubblicato il 22 aprile 2016

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 22 aprile 2016

Flessibilità in uscita: pensione già dal 65° anno di età con penalizzazione del 5% all’anno.

“Ponti d’oro” agli avvocati che si cancellano dall’albo per andare in pensione: è possibile usufruire di una flessibilità in uscita che dovrebbe incentivare l’addio alla professione con una sorta di prepensionamento. Rispettando infatti il criterio dell’anzianità contributiva da maturare (che, a regime, sarà di 35 anni nel 2021), l’avvocato può accedere prima alla pensione a partire dal 65° anno di età e con una penalizzazione dello 0,41% per ogni mese di anticipo (il 5% su base annua).

Lo ha chiarito ieri il Presidente di Cassa Forense nel corso di un’audizione alla Commissione bicamerale di controllo sull’attività degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale. Insomma, un’uscita verso la pensione più elastica non solo per i lavoratori dipendenti, ma anche per i professionisti delle aule giudiziarie.

Inoltre, se il professionista iscritto può vantare “almeno 40 anni di anzianità contributiva, l’anticipazione, sempre risalendo, al massimo, al 65° anno di età, non comporterà” alcuna riduzione dell’importo del futuro assegno.

Per gli avvocati invece che hanno meno di 35 anni, sono previste una serie di agevolazioni:

– per favorire l’iscrizione alla Cassa Forense essi hanno diritto a una riduzione del 50% del contributo soggettivo minimo per i primi sei anni di iscrizione (l’ammontare è di 1.407,50 euro per il 2016);

– inoltre se l’avvocato ha un reddito inferiore ai 10.300 euro, per i primi otto anni di iscrizione il contributo soggettivo minimo viene ulteriormente ridotto alla metà (dando così diritto a sei mesi di anzianità contributiva); invece la seconda metà del versamento dovuto viene resa facoltativa: potrà cioè essere pagata entro gli otto anni dall’entrata negli elenchi della Cassa e se l’avvocato deciderà di saldare la quota avrà i residui sei mesi di anzianità contributiva [1];

– il contributo integrativo minimo non deve esser versato per i primi cinque anni di iscrizione. Il pagamento ammonta al 50% per i successivi quattro anni (nell’anno in corso la cifra è di 355 euro).

note

Autore immagine: 123rf com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI