Diritto e Fisco | Articoli

Vigili del fuoco: gli interventi a pagamento

22 Aprile 2016 | Autore:
Vigili del fuoco: gli interventi a pagamento

Le prestazioni rese dai vigili del fuoco per interventi privi d’urgenza e che non riguardano il soccorso a persone o animali sono a pagamento.

Sapevi che i vigili del fuoco, in alcuni casi, si pagano? A stabilirlo è una vecchia legge del 1965 [1]. Più in particolare: i servizi di soccorso tecnico, quando non vi sia pericolo imminente di danno a persone ed a cose, e le visite ed i servizi di vigilanza, ai fini della prevenzione incendi, resi dal corpo nazionale dei vigili del fuoco, nonchè le prestazioni del centro studi ed esperienze su richiesta di enti e di privati, sono effettuati a pagamento, in conformità delle disposizioni di legge [2].

A ribadirlo è anche il Consiglio di Stato, secondo cui il corpo dei vigili del fuoco svolge gratuitamente e a favore della collettività i propri servizi di soccorso pubblico, prevenzione ed estinzione di incendi e altre attività a esso assegnate da leggi o regolamenti, tranne i servizi a pagamento per soccorso non urgente e taluni di prevenzione degli incendi [3]

La normativa, in verità, non viene applicata uniformemente in tutta Italia, in quanto la gestione degli interventi a pagamento varia da presidio a presidio.

Quali sono gli interventi a pagamento

Possono essere effettuate, a richiesta di enti e di privati, le seguenti prestazioni [4]:

  • esecuzione di studi, ricerche e controlli, presso il Centro studi ed esperienze;
  • servizi di vigilanza a stabilimenti, laboratori, natanti, depositi, magazzini e simili;
  • soccorsi tecnici comprendenti: soccorsi stradali, recupero di automezzi e di natanti; impiego di autogru e di mezzi di sollevamento di pompe e di eiettori per lo svuotamento di pozzi e cisterne, vasche, ecc…; servizi di demolizione; servizi di sgombero dopo lo spegnimento di incendi, o in seguito a crolli od altri sinistri, quando sia cessato l’intervento di emergenza, nonchè altri servizi tecnici non urgenti, sempre che si tratti di servizi che rientrano nei compiti del corpo nazionale dei vigili del fuoco e che possono essere effettuati solo con l’impiego di mezzi in dotazione. Facciamo un esempio pratico di servizio tecnico non urgente: chiamare il 115 per l’apertura della porta di casa quando non c0è una situazione di pericolo per l’incolumità di persone o animali è uno di quei casi in cui può essere chiesto il pagamento dell’intervento.

La valutazione, ad ogni modo, deve essere sempre fatta caso per caso. 

Quanto costa l’intervento dei vigili del fuoco

Le tariffe sono orarie, aggiornate al 2012 [5], e dipendono dalla durata dell’intervento, dai mezzi necessari, dal numero e dalla tipologia delle figure professionali impiegate. Quando si richiede un intervento che rientra nelle categorie a pagamento, la centrale operativa che riceve la chiamata deve informare di questo il cittadino, indicando le modalità d’intervento e i relativi costi. L’impiego di una autovettura ha il costo di 7 euro l’ora, quello di una autopompa va dalle 55 alle 80 euro (in base alla grandezza del serbatoio); per quanto concerne il costo del personale, si parte da 23 euro l’ora, per salire a 33 euro l’ora per chi ricopre ruoli direttivi e 50 euro l’ora per gli operatori tecnici.

Perché ci sono interventi a pagamento dei vigili del fuoco?

Il corpo dei pompieri italiani non se la passa bene: l’organico è ridotto, l’età media alta e i mezzi e le risorse sono scarsi. Gioco forza, quindi, ci si deve dedicare alle attività primarie e alle emergenze. Prevedere prestazioni a pagamento ha lo scopo di indurre il cittadino a valutare meglio le reali necessità di un intervento e ad evitare eventuali abusi di richieste non urgenti.


note

[1] L. n. 966 del 24.07.1965.

[2] Art. 1, l. 966 del 24.07.1965.

[3] Cons. Stato, sent. n. 4539 del 13.07.2010.

[4] Art. 3, l. 966 del 24.07.1965.

[5] Con decreto del Min. Interno del 12.03.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. abito in condominio e tutte le volte che viene un temporale il mio garages si allaga, fino a questo momento mi sono fatto aiutare a liberarlo, io ho quasi 80 anni la prossima volta che succede chiamerò i pompieri volevo solo sapere in questo caso chi deve pagare, il condomio? oppure io personalmente. Grazie

  2. Vorrei sapere x i calcinacci esterni che cadono x mettete in sicurezza x le persone che passano o le macchine posteggiate x un paio d’ore di lavoro massimo prima e secondo piano ci sono dei costi a Taranto? Grazie.

    1. Normalmente i VVF mettono in sicurezza per quanto possibile nell’immediatezza i balconi, e avvisano l’ufficio tecnico comunale che provvederà al transennamento. In questo caso l’intervento è gratuito.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube