Addio Giudice di pace: arriva il Giudice Onorario di Pace

2 Maggio 2016
Addio Giudice di pace: arriva il Giudice Onorario di Pace

Da GdP a GOP: ai giudici onorari tutta la competenza su condominio, pignoramenti mobiliari; ampliati anche i reati nell’ambito del penale; aumenta la competenza da 5mila a 30mila euro e 50mila per i sinistri stradali.

Non si chiameranno più GdP (Giudici di Pace) ma GOP (Giudici Onorari di Pace): parte dal nome l’epocale riforma della magistratura onoraria, oggetto della legge delega [1] che entrerà in vigore sabato 14 maggio e che dà mandato al Governo di cambiare il volto a quelli che, un tempo, dovevano essere i giudizi di “valore ridotto”. Non sarà più così: ai nuovi GdO, infatti, saranno affidate, in materia civile, tutte le controversie in materia di condominio senza limiti di valore, i procedimenti di espropriazione mobiliare presso il debitore, le espropriazioni di cose in possesso di terzi (con l’obbligo però di seguire le direttive di un giudice togato) e i procedimenti meno complessi in materia di successioni e comunione. Non solo. Per tutte le altre cause, il limite di valore passa da 5mila a 30mila euro e per i sinistri stradali da 20 a 50mila euro. Le sentenze secondo equità potranno essere emesse in tutte le cause di valore fino a 2.500 euro.

In materia penale, aumentano le figure di reato di competenza del giudice onorario: minaccia (salvo il caso di aggravanti); furto perseguibile a querela; abbandono di animali e contravvenzioni riguardanti animali o specie vegetali protette; commercio e vendita di fitofarmaci; rifiuto di fornire le generalità alle forze dell’ordine.

Il testo della delega è stato appena pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed è disponibile in allegato cliccando qui.

L’incarico

Quanto alla durata degli incarichi è fissata in 4 anni, rinnovabili una sola volta. Per diventare GOP sarà sufficiente la laurea in legge e non più anche il titolo di avvocato. Nei primi due anni i gop sono impiegati nell’ufficio del processo e nel corso dell’incarico hanno l’obbligo della formazione professionale. Dopo due anni i giudici onorari possono diventare componenti dei collegi giudicanti civili e penali, ma solo in casi eccezionali e contingenti, ad esempio di fronte a scoperture dell’organico.

È escluso dall’incarico chi è in pensione. L’età è compresa fra ventisette e sessant’anni. Chi avrà ricoperto l’incarico per otto anni otterrà titolo preferenziale nei concorsi pubblici.

Un unico ufficio

La magistratura onoraria, inoltre, sarà unificata: cade la distinzione tra giudici di pace e giudici onorari di tribunale e ci sarà un’unica figura, il giudice onorario di pace (gop), inserito in un solo ufficio giudiziario; i magistrati requirenti onorari confluiscono invece nelle procure della Repubblica in un’articolazione apposita: l’ufficio dei vice procuratori onorari.

L’ufficio del gop perde l’attuale autonomia funzionale e organizzativa: sarà infatti il presidente del tribunale a coordinarlo, provvedendo alla gestione del personale di magistratura e a quello amministrativo; verranno predisposte tabelle di organizzazione e le cause saranno assegnate ai gop sulla base dei criteri stabiliti.

In casi tassativi in cui il giudice onorario di pace, che abbia svolto i primi due anni dell’incarico, può essere applicato per la trattazione di procedimenti civili e penali di competenza del tribunale ordinario; in ogni caso il giudice onorario di pace non potrà essere applicato per la trattazione dei procedimenti, ovvero per l’esercizio delle funzioni relative a procedimenti cautelari e possessori in materia civile, le controversie di lavoro e previdenza e in campo penale le funzioni di gip e gup e per qualsiasi procedimento che non consenta la citazione diretta.


note

[1] Legge n. 57/2016.

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. ed ora in base a quali parametri liquideranno questi nuovi giudici onorari di pace? in base a quali tabelle si riferiranno nelle cause da 5000 a 3000 euro?

Rispondi a andrea pallotti Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube