Diritto e Fisco | Articoli

Investimento: pedone responsabile se attraversa all’improvviso

9 Maggio 2016
Investimento: pedone responsabile se attraversa all’improvviso

Incidenti stradali e investimento del viandante che attraversa senza guardare, mettendosi davanti all’automobile.

Il pedone può essere ritenuto responsabile esclusivo dell’incidente che ne ha provocato l’investimento solo se si pone improvvisamente e imprevedibilmente dinanzi alla traiettoria dell’automobile. È quanto chiarito dalla Cassazione con una recente sentenza [1].

Il pedone ha sempre ragione? Non è un’affermazione corretta. Certo è che, rispetto a chi va a piedi, il conducente deve prestare maggiore attenzione proprio per via della pericolosità del mezzo che egli utilizza (l’automobile). Quindi, per evitare di essere chiamato responsabile per qualsiasi danno procurato a terzi, deve dimostrare di aver rispettato non solo il codice della strada, ma anche quelle regole di prudenza non scritte che chiedono la massima attenzione, specie nei centri abitati. Se il conducente riesce a dar prova di ciò non dovrà temere alcuna azione di responsabilità. Infatti, il pedone è responsabile per il proprio investimento tutte le volte in cui abbia attraversato improvvisamente la strada, ponendosi sulla stessa traiettoria dell’auto.

Questo significa che, in caso di investimento, il “primo” onere della prova lo ha l’automobilista il quale si presume responsabile, salvo dimostri il contrario. Per evitare la responsabilità, quindi, egli deve dimostrare che il pedone abbia tenuto una condotta anomala, violando le regole del codice della strada e parandosi imprevedibilmente dinanzi alla traiettoria di marcia dell’auto. Se non offre tali prove, il conducente deve risarcire il danno.

Il pedone ha torto se non attraversa sulle strisce? Anche questa affermazione non è corretta. Il fatto che il pedone non si trovi sulle strisce pedonali non autorizza l’automobilista ad andargli addosso o a non lasciarlo passare, mettendo a repentaglio la sua vita. Tuttavia tale fatto può influire sulla valutazione dell’imprevedibilità del comportamento del pedone: se, infatti, è prevedibile un attraversamento sulle strisce, lo è meno in un punto della strada ove non ci sono. Quindi, è più facile per l’automobilista dimostrare l’inevitabilità dell’urto, nonostante il rispetto, da parte di questi, di tutte le regole di prudenza.

Chi deve dare la precedenza? Sia che ci siano le strisce, sia che non ci siano, l’automobilista deve sempre dare la precedenza al pedone.

La Cassazione ha precisato che, in assenza di strisce sulla strada, è necessario che il pedone attenda il passaggio di tutte le auto che sopraggiungono sulla strada prima di iniziare l’attraversamento. Ma questo non vuol dire che, se non lo fa, può ben essere investito: come spiega la Corte, in caso di attraversamento fuori dalle strisce, la semplice violazione, da parte del pedone, dell’obbligo di concedere la precedenza ai veicoli in transito, non basta a far scattare la sua responsabilità ed escludere quella dell’automobilista. Il conducente non è responsabile, infatti, solo quando il pedone attraversa velocemente la strada o la carreggiata senza accorgersi del quasi contemporaneo sopraggiungere di altri mezzi.

Se c’era un mezzo che ostruisce la vista? Spesso capita che l’attraversamento del pedone non sia evitabile perché la sua presenza sia ostruita alla vista da un’altra auto in mezzo alla strada (si pensi all’autobus che sta facendo scendere i trasportati). Questa però non è una scusa per l’automobilista, il cui compito è sempre quello di avere una visuale quanto più ampia e chiara possibile, diversamente dovendo procedere con estrema cautela.


note

[1] Cass. sent. n. 9242/2016.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. “Chi deve dare la precedenza? Sia che ci siano le strisce, sia che non ci siano, l’automobilista deve sempre dare la precedenza al pedone.”
    Ma anche no, anzi proprio il contrario…
    Art. 190 Codice della Strada, comma 5: “I pedoni che si accingono ad attraversare la carreggiata in zona sprovvista di attraversamenti pedonali devono dare la precedenza ai conducenti. ”
    Che poi anche chi ha il diritto di precedenza debba prestare attenzione in situazioni a rischio (semafori, incroci, ecc.) vale sia con i pedoni sia con i veicoli, ma da qui a dire che “il pedone ha sempre la precedenza” ce ne corre…

  2. Non credo di aver compreso l’ultima frase… E’ compito dell’automobilista avere una visuale il più ampia e chiara possibile? In che senso? E’ ovvio che in presenza di autobus me li aspetto eccome i pedoni che escono da davanti al bus, ma se sto procedendo su una strada con mezzi in doppia fila anche ingombranti come camioncini, e da lì dietro sbuca all’improvviso un pedone che si butta in mezzo alla strada, rigorosamente non sulle strisce (quanti me ne capitano così) e senza guardare, visto che molti sono pure al cellulare… Come dovrei prevederli geni del genere, con la vista a raggi X? L’ultimo mi è capitato l’altro giorno: classico corridore della domenica, che usa la strada come fosse la sua personale pista da corsa, sbuca all’improvviso (correndo come una furia) da dietro un camioncino parcheggiato all’incrocio e (ignorando i marciapiedi da ambo i lati) si butta a tutto sprint contromano in mezzo alla strada a senso unico che avevo quasi finito di percorrere, facendomi prendere un colpo. Io freno spaventata e la signoria illustrissima mi urla soavemente “cosa ***** ti corri vai piano!”. A me, che andavo a 30 h e stavo già rallentando perché stavo arrivando all’incrocio, e proprio per questo sono riuscita a frenare in tempo. Ah, e lui ovviamente in tutto ciò ha rallentato giusto per rimbrottarmi, per poi filare via a razzo. Questo per dire che sarebbe bello se la legge prevedesse ogni tanto la responsabilità per i pedoni, senza scaricare la sola responsabilità (quasi) esclusivamente sul conducente, pure nei casi in cui è praticamente impossibile prevedere un impatto.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube