Diritto e Fisco | Articoli

Non è indegno l’erede che fa pressioni sul defunto

11 Maggio 2016
Non è indegno l’erede che fa pressioni sul defunto

Successioni e testamenti: non è fuori dall’eredità il parente che cerca di convincere il testatore, facendogli pressioni, ma senza intaccare la sua libertà di decisione.

Chi cerca di fare pressioni su un soggetto al fine di convincerlo a disporre, nel testamento, in suo favore non può essere considerato indegno, neanche se tali pressioni si concretizzano in sollecitazioni continue. L’importante è che la volontà del testatore sia rimasta inalterata e non deviata da comportamenti fraudolenti del terzo. Lo ha detto la Corte di Appello di Lecce in una recente sentenza [1].

Tentare di convincere colui che sta per fare testamento, affinché questi lasci i propri beni a una determinata persona piuttosto che a un’altra, non è un comportamento illecito. Lo potrà essere, forse, da un punto di vista morale, ma non giuridico.

Affinché, infatti, una persona sia dichiarata indegna a succedere c’è bisogno di ben altri e più gravi comportamenti come, ad esempio, l’aver commesso reati particolarmente gravi nei confronti del testatore o dei suoi parenti più stretti; l’aver indotto con dolo o violenza il testatore a fare, revocare o mutare il testamento; l’aver soppresso, celato o alterato il testamento (valido).

L’attività di chi abbia esercitato pressioni sul defunto è, in astratto, paragonabile a quella di chi abbia “indotto, con dolo o violenza, il testatore a fare, revocare o mutare il testamento”. Come però è facile comprendere dalla lettura della stessa norma [2], la legge dichiara “indegno” a succedere solo chi esercita “violenza” o comportamenti fraudolenti (il dolo) sul testatore. Le semplici pressioni, per quanto ossessive, che però non abbiano alterato la volontà dell’interessato e il suo libero convincimento, non sono rilevanti.

Come del resto è stato confermato, in passato, anche dalla Cassazione [3], perché il giudice possa dichiarare una persona “indegna a succedere”, non basta la semplice influenza esercitata sul testatore tramite sollecitazioni, consigli, blandizie e promesse, ma è necessario il concorso di mezzi fraudolenti idonei a ingannarlo e indurlo a disporre in modo differente da come avrebbe, altrimenti, deciso se non fosse stato deviato.

Una tale prova, però, non è facile da darsi: è necessario, infatti, sapere in quali frasi, atti o comportamenti si siano concretati i pretesi mezzi fraudolenti al momento della redazione del testamento olografo. Solo dalla conoscenza di questi stessi è possibile effettuare una valutazione e apprezzamento circa la loro idoneità a coartare la volontà del testatore.


note

[1] C. App. Lecce sent. n. 207/2015.

[2] Art. 463 cod. civ.

[3] Cass. sent. n. 5209/1986 e n. 26258/2008.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube