Diritto e Fisco | Articoli

Certificato di famiglia storico o originario: cos’è e chi lo rilascia

16 Maggio 2016
Certificato di famiglia storico o originario: cos’è e chi lo rilascia

Come fare per ottenere un certificato di famiglia originario nel caso, ad esempio, di morte di un soggetto, per dimostrare chi sono gli eredi.

Il certificato di Stato di famiglia può essere di due tipi: storico (o originario) e ordinario. In questa breve guida chiariremo le differenze, come fare per ottenerli e a quale autorità amministrativa bisogna rivolgersi per il rilascio.

Cos’è il certificato di Stato di famiglia?

Il certificato di Stato di famiglia ordinario contiene i dati delle persone risultanti a uno stesso indirizzo e nella medesima unità immobiliare. Elenca cioè tutti i componenti della famiglia e ne specifica le informazioni relative (nome, cognome, data e comune di nascita, comune e indirizzo di residenza).

Può essere richiesto per motivi di vario tipo come la necessità degli assegni familiari.

Come ottenere il certificato di Stato di famiglia ordinario?

Per ottenere lo Stato di famiglia è necessario alternativamente:

  • recarsi all’ufficio anagrafe del Comune di residenza;
  • richiederlo per posta elettronica certificata (PEC) inviata al proprio Comune di residenza all’indirizzo indicato sul sito dell’amministrazione.

L’autocertificazione dello stato di famiglia

In determinati casi, è possibile produrre lo stato di famiglia in autocertificazione. L’autocertificazione è un’attestazione che fa l’interessato stesso, sostituendosi all’amministrazione e, sotto la propria responsabilità, dichiarando da quanti membri è composta la propria famiglia, con le rispettive generalità.

Puoi scaricare un modello di autocertificazione di Stato di famiglia cliccando su questo link.

I casi in cui è consentita l’autocertificazione possono essere svariati (sarà sempre opportuno chiedere all’amministrazione o al soggetto privato che chieda tale attestazione se è sufficiente l’autocertificazione). I più importanti casi in cui è possibile produrre l’autocertificazione dello stato di famiglia sono i seguenti:

– per consegnarlo al datore di lavoro onde ottenere il versamento degli assegni famigliari. È diritto dell’azienda richiedere il certificato originale rilasciato dal Comune e non la semplice autocertificazione;

– per consegnarlo al datore di lavoro al momento dell’assunzione;

– per la compilazione del modello ISEE;

– per la documentazione da allegare alla richiesta di un mutuo;

– per ottenere benefici economici e/o fiscali verso la pubblica amministraizone.

Cos’è il certificato di famiglia originario o storico?

Il certificato di stato di famiglia originario (anche chiamato Certificato storico di Stato di famiglia) è un certificato “storico” in cui si attesta quale era la composizione del nucleo familiare originario, cioè la composizione di una famiglia prima che i figli si sposassero o, comunque, andassero a vivere fuori di casa.

Si differenzia quindi dal certificato di Stato di famiglia ordinario perché, rispetto ad esso, non fotografa una situazione corrente, ma una passata.

Il certificato di famiglia originario è necessario, ad esempio, quando si debba dimostrare chi sono gli eredi di un defunto; in questo modo, infatti, è possibile risalire a tutti i discendenti che, verosimilmente, concorreranno alla divisione dell’eredità.

Come ottenere il certificato di famiglia originario?

Per ottenere tale certificato occorre recarsi nel Comune dove ha vissuto la famiglia del deceduto nei primi anni della sua formazione, cioè nei primi anni successivi al matrimonio dei genitori. Soltanto quel Comune, infatti, è in grado di certificare la nascita di tutti i figli della coppia.

Se la famiglia di cui stiamo parlando avesse cambiato residenza nel periodo di tempo trascorso tra la nascita di un figlio e l’altro, sarà necessario recarsi in più Comuni.


note

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

7 Commenti

  1. Buongiorno
    Gentilmente, avrei bisogno di un certificato storico di mio nonno paterno , ( i figli che ha avuto ed i loro nomi e cognomi) che dati vi devo inviare per avere tali informazioni, ed se non conosco le date di nascita ne di mio nonno ne di mia nonna si può ottenere ugualmente?
    Sicuro di una vostra risposta vi ringrazio anticipatamente
    Distinti Saluti
    Ottavio Abbaco

    1. Il Comune richiede data e luogo di nascita del soggetto di cui si desidera acquisire il certificato originario di famiglia nonché la precisa indicazione dell’interesse che giustifichi l’accesso alla informazione.

      1. Buongiorno, io sono in una simile situazione, sto cercando informazioni su mio nonno. Al punto in cui sono della mia ricerca, ho capito che potrei richiedere un certificati si stato di famiglia storico con i dati di mia madre (data e luogo di nascita, il Comune preciso, l’anno in cui ricercare la composizione di famiglia). L’unica cosa su cui sono incastrata è la motivazione. Il Comune mi dice che devo specificare una ragine giuridica valida. Ho capito l’esempio dell’eredità, ma non è il mio caso. Quali altri motivi sono accettati? La ricerca genealogica è una ragione valida?

  2. Buongiorno, vorrei avere uno stato di famiglia storico del fratello del mio bisnonno ma, il comune di Asti mi dice che la ricerca genealogica non è, giuridicamente, un motivo valido per il rilascio. Che mi dite?

    1. Acc! ho la stessa domanda. Scusi se mi permetto di chiedere ma ha poi trovato una motivazione accettata dal Comune?
      Mi pare di aver capito che in genere un Comune ha la prerogativa di rifiutare la motivazione, ma non ho capito su che basi ed inoltre se dipende da Comune a Comune oppure è stabilito che la ricerca genealogica non è mai valida??

  3. Ciao, vorrei avere una situazione familiare storica del mio bisnonno? Ma non so dove sia nato e in che data! Sua figlia è nata a Lupia, Sandrigo VI nel 1868, ci sarebbe la possibilità di avere qualche documento da lui? Se sì, continueremo, grazie!

    1. Per richiedere il documento occorre conoscere i dati anagrafici (nome, cognome, data di nascita), lo Stato di nascita, la Provincia di residenza e il Comune di residenza dell’intestatario del certificato. Per sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro portale, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube