HOME Articoli

Lo sai che? Il sordomuto non può commettere il reato di ingiuria

Lo sai che? Pubblicato il 11 maggio 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 11 maggio 2012

Il sordomuto, per le sue condizioni fisiche, non può commettere reato di ingiuria e forse neppure reato di minaccia.

Un sordomuto non può commettere il reato di ingiuria [1] nel caso commetta l’azione con suoni gutturali di difficile interpretazione.

Lo ha stabilito la Cassazione [2] in una recente pronuncia in cui si afferma che la condizione del sordomuto è incompatibile con la commissione di un simile reato e che i suoni gutturali non possono essere interpretati come espressioni ingiuriose.

La vicenda nasce dalla querela di una donna che si è sentita insultata (per via dei suoni, percepiti come offensivi) e altresì minacciata da un uomo sordomuto di stazza imponente (dagli atti si evince essere un “omone” di ben 116 kg).

Anche rispetto alla configurabilità del reato di minaccia [3], la Corte ha sottolineato l’incapacità della sola corporatura massiccia ad avere portata intimidatoria tale da integrare il reato in questione.

di BIAGIO FRANCESCO RIZZO

note

[1] Art. 594 c.p. “Chiunque offende l’onore o il decoro di una persona presente è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa fino ad euro 516”.

[2] Cass. Sent. 18 aprile 2012 n. 15026.

[3] Art. 612 c.p. ”Chiunque minaccia ad altri un ingiusto danno è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a euro 51,00”.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI