Diritto e Fisco | Articoli

Lavoratore non avvisato… datore condannato

17 Maggio 2012 | Autore:
Lavoratore non avvisato… datore condannato

Responsabile il datore di lavoro per l’infortunio subito dal dipendente in caso di assente o insufficiente informazione e formazione sulle mansioni assegnate.

Il datore di lavoro è responsabile per l’infortunio del dipendente che egli aveva assegnato a mansioni imprecisate, diverse da quelle abituali, se prima non gli ha fornito informazioni dettagliate sulle predette mansioni e sui rischi connessi [1].

Il datore di lavoro ha un obbligo informativo e formativo. Egli infatti, prima di destinare il dipendente a determinate mansioni, deve innanzitutto specificarne il contenuto in modo da individuare il profilo professionale del lavoratore.

Inoltre, l’imprenditore deve garantire al lavoratore un’adeguata e sufficiente formazione in materia di sicurezza e salute, con particolare riferimento al posto di lavoro e alle mansioni da svolgere, in maniera tale da renderlo edotto sui rischi inerenti ai lavori a cui è addetto (si pensi ai rischi connessi all’utilizzo di macchinari).

Il mancato rispetto di tali obblighi fa sì che, nel caso di infortunio determinato da comportamento imprudente dello stesso lavoratore, a risponderne, proprio per via della predetta mancanza di formazione e informazione adeguata, sia il datore di lavoro medesimo. Egli sarà responsabile per lesioni colpose, senza possibilità di opporre che l’infortunio era imprevedibile [2].

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 11112/2012.

[2] La prevedibilità dell’infortunio discende proprio dall’assenza di formazione adeguata del dipendente; in poche parole, il datore poteva prevedere che il lavoratore inesperto e non informato si sarebbe potuto infortunare e avrebbe dovuto fare il possibile per evitare che ciò accadesse.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube