Diritto e Fisco | Articoli

Verso il processo tributario telematico

18 Maggio 2012 | Autore:
Verso il processo tributario telematico

Introdotta la PEC per le comunicazioni nel processo tributario: il primo passo verso la digitalizzazione.

A partire dal 15 maggio [1], gli uffici delle Commissioni tributarie possono inviare le comunicazioni in formato elettronico alle parti processuali, tramite il sistema di Posta Elettronica Certificata (PEC) [2].

La comunicazione deve avvenire tramite l’invio di un messaggio contenente in allegato il relativo documento informatico. Essa si intende eseguita:

– per l’ufficio della Commissione tributaria, al momento dell’invio del messaggio al proprio gestore di PEC, provato dalla ricevuta di accettazione [3].

– per il destinatario, al momento della ricezione del documento informatico nella propria casella di PEC, di cui il mittente avrà conferma con la ricevuta di avvenuta consegna [4].

L’indirizzo di PEC al quale viene inviata la comunicazione è quello dichiarato dalle parti nel ricorso o nel primo atto difensivo. Per gli enti impositori l’indirizzo è quello istituito ai sensi del Codice dell’amministrazione digitale ed è consultabile anche sul sito dell’Indice delle Pubbliche amministrazioni (Indice PA) [5].

Gli indirizzi PEC utilizzati dalle Commissioni tributarie sono pubblicati sul portale internet del Dipartimento delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze (www.finanze.gov.it).

L’introduzione della PEC nel processo tributario, per ora prevista solo per le comunicazioni a  carico degli uffici di segreteria delle Commissioni tributarie, costituisce un primo passo verso la digitalizzazione del processo, finalizzata a semplificare le procedure amministrative nonché a contenerne i costi.

 

 


note

[1] Novità introdotta con D.M. 26 aprile 2012 (pubblicato in Gazzetta Ufficiale 3 maggio 2012, n. 102) recante “Regole tecniche per l’utilizzo, nell’ambito del processo tributario, della Posta Elettronica Certificata (PEC), per le comunicazioni di cui all’articolo 16, comma 1-bis, del decreto legislativo n. 546 del 31 dicembre 1992”.

[2] Il sistema di PEC è un sistema di comunicazione in grado di attestare l’invio e l’avvenuta consegna di un messaggio di posta elettronica e di fornire ricevute opponibili ai terzi.

[3] La ricevuta di accettazione è rilasciata al mittente dal proprio gestore di PEC e costituisce la prova dell’avvenuta spedizione di un messaggio di posta elettronica certificata .

[4] La ricevuta di avvenuta consegna fornisce al mittente prova che il suo messaggio di posta elettronica certificata è effettivamente pervenuto all’indirizzo elettronico dichiarato dal destinatario e certifica il momento della consegna tramite un testo leggibile dal mittente.

[5] Art. 47 del Codice dell’amministrazione digitale (D.lgs. n.82/2005).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube