Politica | Articoli

I viaggi del Papa li pagano i cittadini italiani

18 Maggio 2012 | Autore:
I viaggi del Papa li pagano i cittadini italiani

Chi paga i viaggi del Papa? Lo Stato Italiano e non il Vaticano.

Che a pagare i viaggi del Sommo Pontefice sia lo Stato italiano e, quindi, per esso, i cittadini, emergerebbe da una interrogazione parlamentare rivolta [1] al Ministro dell’Economia e delle Finanze e al Ministro degli Esteri.


Lo scorso 13 maggio, il Papa si è recato in visita pastorale ad Arezzo. Secondo l’interrogazione, le spese relative al viaggio e al soggiorno, all’incirca 500.000 euro, sono state sostenute per la maggior parte dal Governo e dagli enti locali, non invece dal Vaticano. Più nello specifico: la Regione Toscana avrebbe stanziato 120.000 euro, il Comune di Arezzo 90.000. Il contributo della Provincia e delle diocesi coinvolte, invece, non è stato esattamente quantificato. A ciò si aggiunga che gli spostamenti del Pontefice e del suo entourage [2] avvengono sempre sui velivoli dell’aeronautica militare e sembra che anche il Governo abbia coperto parte dei costi della visita papale.

Per tutte queste ragioni, ai Ministri succitati è stato domandato:

– se il Governo abbia contribuito economicamente alle spese, con quali e quanti fondi e a che titolo;

– quanti soldi sono stati stanziati in passato per gli spostamenti del Pontefice e su quale voce di bilancio incidono;

quanto costano all’anno i voli dell’aeronautica militare di cui beneficia il Papa e se lo stesso trattamento viene riservato a tutti i capi di Stato in visita nel nostro Paese;

– quanto spende annualmente il Governo per i servizi di sicurezza dovuti alla presenza del Pontefice in Italia.

 


note

[1] Dai Senatori Donatella Poretti e Marco Perduca.

[2] Il segretario personale, il prefetto della Casa Pontifica, il reggente, l’assistente, la scorta composta da agenti della Gendarmeria e della Guardia Svizzera, i cerimonieri, i fotografi e giornalisti dell’Osservatore Romano, gli operatori della TV e Radio Vaticana, il cameriere e il medico personale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Aggiungiamo le agevolazioni e le esenzioni dal pagamento delle tasse quali IMU, l’acqua, l’IRES e contribuzioni di vario genere da parte dello Stato italiano ed otteniamo il paradiso fiscale del Vaticano. Il tutto, in nome di un organizzazione che si dichiara no-profit e che non permette alla magistratura italiana di poter supervisionare la contabilità vaticana ed i suoi movimenti finanziari tramite la Curia e lo IOR. Se il Vaticano non accetta i doveri a cui ogni cittadino è sottoposto dalla Costituzione e dalle leggi italiane, non deve neanche ottenere le agevolazioni suindicate. Il pagamento delle tasse è volto a mantenere e migliorare i servizi preposti, quindi contribuire è un obbligo di tutti, anche per gli Stati indipendenti che vengono ospitati sul suolo italiano e di cui usufruiscono.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube