HOME Articoli

Lo sai che? Incidente stradale: quando la colpa è del cane

Lo sai che? Pubblicato il 25 maggio 2012

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 25 maggio 2012

Incidente stradale per evitare i cani: non sempre è responsabile il gestore della strada.

La società Autostrade Italiane non è responsabile per gli incidenti causati dai cani randagi che si trovino a circolare, accidentalmente, sui tratti stradali.

Una donna, per evitare due randagi comparsi all’improvviso sull’autostrada, era finita contro il guard-rail.

Tuttavia, la Cassazione [1] ha ritenuto che non vi sia responsabilità da parte della società di gestione delle autostrade quando la presenza dei randagi sia dovuta al caso fortuito. Nel caso di specie, infatti, la recinzione della sede stradale era integra e la ricorrente non aveva dato prova di una omessa manutenzione.

La presenza degli animali doveva ricondursi, dunque, al caso fortuito (come poteva essere stato, per esempio, l’abbandono dell’animale, da parte del proprietario, nell’adiacente area di servizio).

Secondo i giudici, infatti, non può esigersi un onere di vigilanza, 24 ore su 24, dell’intero territorio autostradale da parte dell’ANAS.

L’abbandono dei cani infatti è un evento imprevedibile e inevitabile, in quanto repentino.

Diversa sorte avrebbe avuto il giudizio, e quindi la conseguente condanna, se si fosse dimostrato che la presenza dei randagi era dovuta a una cattiva manutenzione della recinzione da parte della società autostradale. In tale caso, quest’ultima sarebbe stata responsabile del danno derivatone.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 7037/2012.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI