Diritto e Fisco | Articoli

Incidente stradale: quando la colpa è del cane

25 Maggio 2012
Incidente stradale: quando la colpa è del cane

Incidente stradale per evitare i cani: non sempre è responsabile il gestore della strada.

La società Autostrade Italiane non è responsabile per gli incidenti causati dai cani randagi che si trovino a circolare, accidentalmente, sui tratti stradali.

Una donna, per evitare due randagi comparsi all’improvviso sull’autostrada, era finita contro il guard-rail.

Tuttavia, la Cassazione [1] ha ritenuto che non vi sia responsabilità da parte della società di gestione delle autostrade quando la presenza dei randagi sia dovuta al caso fortuito. Nel caso di specie, infatti, la recinzione della sede stradale era integra e la ricorrente non aveva dato prova di una omessa manutenzione.

La presenza degli animali doveva ricondursi, dunque, al caso fortuito (come poteva essere stato, per esempio, l’abbandono dell’animale, da parte del proprietario, nell’adiacente area di servizio).

Secondo i giudici, infatti, non può esigersi un onere di vigilanza, 24 ore su 24, dell’intero territorio autostradale da parte dell’ANAS.

L’abbandono dei cani infatti è un evento imprevedibile e inevitabile, in quanto repentino.

Diversa sorte avrebbe avuto il giudizio, e quindi la conseguente condanna, se si fosse dimostrato che la presenza dei randagi era dovuta a una cattiva manutenzione della recinzione da parte della società autostradale. In tale caso, quest’ultima sarebbe stata responsabile del danno derivatone.

 

 


note

[1] Cass. sent. n. 7037/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube