Diritto e Fisco | Articoli

Rai: se manca la ricezione del segnale

15 Giugno 2016
Rai: se manca la ricezione del segnale

Come sapere se in una determinata zona c’è una buona ricezione del segnale RAI? Bisogna pagare il canone anche se la Rai non si prende?

Esistono tutt’ora delle zone d’Italia dove il segnale della Rai non viene captato a dovere dall’antenna tradizionale analogica o da quella del digitale terrestre. Il che, se già avveniva con le tre reti principali (RaiUno, RaiDue e RaiTre), oggi si verifica ancora più spesso per via della moltiplicazione dei canali. Esiston infatti Rai4, Rai5, RaiMovie, RaiPremium, RaiGulp, RaiYoyo, RaiStoria, RaiNews24, RaiSport1, RaiSport2, Euronews e tutta la gamma delle stazioni radio (da RaiRadio1 a RaiDatio9Opera).

Per stabilire se in una determinata zona c’è una buona ricezione del segnale Rai è bene collegarsi con il sito internet Rai Way, alla sezione “ricezione TV e radio”. Da qui è possibile conoscere, a seconda della zona dove si abita, le stazioni su cui é possibile ricevere i programmi RAI sul territorio nazionale.

Per segnalare disservizi sulla trasmissione di programmi si può contattare il Call Center Rai Way chiamando il numero verde 800.111.555, attivo dalle ore 8.00 alle ore 23.00, inviare una e-mail all’indirizzo: raiway@rai.it oppure inviando una segnalazione tramite l’apposita sezione del sito internet.

Quanto al pagamento del canone Rai esso è dovuto anche se il segnale della televisione pubblica non è buono. Difatti, l’imposta ha come presupposto la detenzione di un apparecchio televisivo, a prescindere dall’uso che se ne faccia (ad esempio, il pagamento è dovuto anche se la tv viene utilizzata solo come schermo per la consolle dei videogames o come monitor del computer o, ancora, per collegarvi solo il lettore dvd). Il cosiddetto “canone Rai” (definizione del tutto impropria) va quindi pagato anche per quelle televisioni che non ricevono il segnale della Rai, ma solo quello delle reti private.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube