Diritto e Fisco | Editoriale

United States of iTunes

16 Ottobre 2011 | Autore:
United States of iTunes

Prezzo dei brani su iTunes finalmente uguale in tutta Europa.

iTunes si aggiorna automaticamente, con cadenza mensile. Ma il sistema delle tariffe resta quello di 60 anni fa, quando ancora non c’era il mercato unico europeo.

Chi ha l’abitudine di viaggiare col portatile o con l’iPhone, sa già che il prezzo di un brano mp3 acquistato attraverso la piattaforma di Apple, iTunes, può variare a seconda dello Stato europeo da cui viene effettuata la connessione. Una questione che, a prima vista, appare in contrasto con il principio del mercato unico.

Le ragioni risiedono nelle differenti royalty praticate dalle 24 organizzazioni del copyright degli Stati Membri dell’Unione Europea: tariffe che, di fatto, incidono sul prezzo al consumo.

Il problema è stato finalmente affrontato dal Commissario Europeo sulla Concorrenza, Neelie Kroes, il quale ha ritenuto che l’atteggiamento monopolistico praticato dalle sorelle della SIAE configuri una infrazione delle regole sull’antitrust.

Per il momento, il Commissario non ha adottato alcuna procedura di contestazione, né tantomeno ha inteso infliggere multe; ma ha formalmente invitato tutte le società di riscossione dei diritti d’autore ad adattare un comportamento compatibile con l’accessibilità universale di internet.

Contestualmente, la Commissione Europea ha fatto sapere di essere vicina alla firma di un accordo tra i detentori dei diritti musicali (alcune delle società hanno già prestato il loro consenso anticipato). A tal fine, l’Organo comunitario ha invitato l’industria discografica dei Paesi Membri a specificare, entro il 30 giugno, le proprie condizioni di licenza.

Anche Apple sembra d’accordo ad un iTunes Store europeo, dove i prezzi dei brani siano uguali in tutto il vecchio continente.

Insomma, un primo passo in avanti verso l’unificazione del mercato europeo dell’e-commerce.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube