Diritto e Fisco | Articoli

Disoccupati over 50, pensione anticipata e reddito di cittadinanza

15 Agosto 2016 | Autore:
Disoccupati over 50, pensione anticipata e reddito di cittadinanza

Allo studio nuovi provvedimenti per il sostegno dei disoccupati ultracinquantenni: Ape, estensione del Salvacondotto, reddito minimo e ricollocazione.

Dall’anticipo della pensione, agli ammortizzatori sociali, alla ricollocazione: sono numerosi i provvedimenti attualmente allo studio per arginare i problemi economici ed il numero dei disoccupati over50, in costante crescita col permanere della crisi del mercato del lavoro. Lo ha reso noto il Ministro del Lavoro Poletti, con un comunicato video diffuso in data odierna.

Tra le misure a favore degli ultracinquantenni, oltre alla pensione anticipata, la priorità è riconosciuta alla ricollocazione dei lavoratori: è lasciato, però, spazio anche al cosiddetto reddito di cittadinanza, o reddito di inclusione, per i soggetti maggiormente svantaggiati. Vediamo tutti i provvedimenti che dovrebbero essere varati entro l’anno.

Ape

Tra i provvedimenti più interessanti abbiamo innanzitutto l’Ape, cioè l’anticipo pensionistico. Grazie all’Ape sarà possibile ricevere la pensione 3 anni prima del compimento dell’età per il trattamento di vecchiaia (attualmente il requisito è pari a 66 anni e 7 mesi per gli uomini e per le lavoratrici pubbliche, a 66 anni e 1 mese per le lavoratrici autonome e a 65 anni e 7 mesi per le dipendenti del settore privato).

La pensione di vecchiaia anticipata potrà essere ottenuta grazie a un prestito bancario, con rate ventennali: l’assegno risulterà dunque penalizzato dalla restituzione delle rate. Per i disoccupati over 50 è però allo studio un modo di attenuare la penalizzazione della pensione, riducendo al minimo il taglio dell’assegno grazie a una copertura pubblica: lo Stato, in particolare, potrebbe abbassare le rate sia prevedendo delle detrazioni, che pagando le rate del prestito con dei contributi.

Estensione del Salvacondotto

Sempre in campo previdenziale, è allo studio anche un’estensione del Salvacondotto: questo istituto consente, ai nati sino al 1 dicembre 1952, di pensionarsi a 64 anni di età (64 anni e 7 mesi nel 2016, per effetto degli incrementi della speranza di vita). Bisogna però possedere:

20 anni di contributi al 31 dicembre 2012, se donne;

35 anni di contributi al 31 dicembre 2012, se uomini.

Inoltre, non rientrano nell’agevolazione i dipendenti pubblici e coloro che non risultano occupati alla data del 28 dicembre 2011.

Si vuole dunque ampliare il numero dei beneficiari del Salvacondotto, estendendolo almeno ai disoccupati alla data del 28 dicembre 2011, ingiustamente penalizzati da una circolare dell’Inps che, interpretando restrittivamente la Legge Fornero, preclude loro l’agevolazione.

Entrambe le misure previdenziali sono molto interessanti, ma, da sole, non sono certamente sufficienti a garantire un reddito a tutti i disoccupati over 50, molti dei quali sono lontani sia dal requisito di età per la pensione di vecchiaia, sia dal versamento degli anni di contributi necessari. Si deve dunque intervenire prevedendo per questi soggetti un reinserimento agevolato nel mondo del lavoro e dei concreti interventi a sostegno del reddito.

Naspi, Asdi, ricollocazione

Importanti cambiamenti sono previsti anche nel sistema degli ammortizzatori sociali: dopo la Naspi e l’Asdi (rispettivamente la nuova indennità ed il nuovo assegno di disoccupazione, quest’ultimo previsto in via prioritaria per gli over 55), sarà presto operativo un nuovo beneficio, l’assegno di ricollocazione. L’assegno, erogato sotto forma di voucher, non costituirà un vero e proprio sostegno del reddito, ma un mezzo di finanziamento del programma di ricollocazione dei lavoratori. In pratica, il voucher di ricollocazione servirà per pagare i centri per le impiego o le agenzie per il lavoro che si occuperanno di reinserire il disoccupato nel mercato del lavoro, formandolo e trovandogli un impiego.

Da un sistema di sostegni meramente assistenziali, dunque, si passa a un sistema basato sul coinvolgimento del lavoratore, che non deve essere costretto a chiedere un’elemosina, ma deve essere messo in grado di prestare la propria attività e di essere parte attiva nel mercato dell’impiego.

Reddito minimo di cittadinanza

La previsione di un reddito minimo di cittadinanza, accantonata nei mesi scorsi, è tornata all’ordine del giorno nell’esame del DDL Povertà (il disegno di legge finalizzato al contrasto della povertà): si parla, in particolare, di un sostegno per i soggetti maggiormente svantaggiati, che sarebbe erogato sotto forma di social card. Data l’esiguità delle risorse a disposizione, più che di un reddito minimo si tratterebbe di una piccola integrazione, che sarebbe però affiancata, per essere più efficace, da un potenziamento delle ulteriori prestazioni di assistenza erogate dai Comuni, come mense e trasporti gratuiti, contributi per l’affitto, etc.

Certamente non sarà possibile reperire una soluzione efficace e definitiva per l’intera categoria dei disoccupati over 50, dato il grandissimo numero dei soggetti svantaggiati e l’insufficienza dei mezzi disponibili: sono comunque da considerare positivamente la presa di coscienza da parte del Governo della gravità del problema e la volontà di mettere in atto non solo interventi assistenziali, ma misure che facciano tornare questi soggetti parte attiva del mercato del lavoro.


46 Commenti

  1. Leggendo le misure di sostegno previste per gli ultracinquantenni (se ne parla da oltre vent’anni senza mai aver fatto nulla).
    Hanno tirato fuori una serie di sigle ridicole tipo “ASPI, NASPI, SIA” quest’ultima ricorda la parte finale della preghiera.
    Adesso è saltato fuori il “voucher”, se non sbaglio è una specie di carta ricaricabile anche nei tabacchini (tipo ricarica telefonica), per non parlare della “Social Card”.
    Tutto ciò a me sembra un’umiliazione per le persone.
    A mio avviso si potrebbe cercare di arginare questa grave piaga semplicemente istituendo un reddito minimo garantito, come esiste in tutti i paesi seri d’Europa, condizionato all’accettazione di un posto di lavoro e alla frequentazione di un corso di riqualificazione professionale.
    Non credo alla balla che non ci siano le risorse per farlo perché per gli 80 euro al mese a milioni di lavoratori (che almeno il lavoro ce l’hanno) le risorse sono miracolosamente comparse.

  2. Mia moglie 7-11-1953- che ha solo 7 o otto anni di contributi, perduto il lavoro,INGIUSTAMENTE, senza disoccupazione, invalida al 75% con un ASSEGNO DI CIRCA 278.00 EURO. AVRA’ DIRITTO ALLA PENSIONE SOCIALE?

    1. HAI RAGIONE MA NON E’ GIUSTO, PRIMA O POI QUALCOSA USCIRA’: BASTA CHE FINISCA LA PARENTOPOLI,LE CASTE, I MASSONI, I CORROTTI E I CORRUTTORI,I BARONI, I FIGLI DI….I COMPARI E COMPARIELLI, I MAFIOSI(CON I COLLETTI E SENZA). LA SAI L’ULTIMA? IL PAPA PASSEGGIANDO CON IL SUO ASSISTENTE NEI GIARDINI DEL VATICANO GLI CONFIDA DI VOLER FARE UN DOCUMENTO DI “SCOMUNICA” PER I CORROTTI ED I CORRUTTORI. IL DIRETTORE DEL GIORNALE VICINO AL VATICANO AVEVA SENTITO LA DICHIARAZIONE DEL PAPA E VOLEVA DARE GRAN RISALTO ALLA NOTIZIA, MA LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE LE CONSIGLIAVA ALTRO TITOLO, OVVERO:
      “CERCASI PRETI ANCHE PRIMA ESPERIENZA”. VEDI NON BISOGNA DEMORDERE C’E’ SEMPRE UNA SPERANZA DI TROVARE LAVORO.
      CARO EMANUELE NON DARE QUESTI CONSIGLI E PREPARA L’ ABITO TALARE

    2. sono nelle stesse condizioni stessa eta’ti rispondo per quel che so …a 65 anni e sette mesi ..tramite CAFF puo’ richiedere l’ assegno sociale che non e’ pensione …che puo’ arrivare a 430 euro circa ….. la pensione dipende quando lor signori ( governo ) decidera’ sulla’ eta’ pensionabile …non sanno che stanno giocando sulla vita delle persone …per cui forse andrà a 66 anni e sette mesi….o 67 e sette mesi ….vi faccio i miei migliori auguri …ecco quello che so fino adesso ,,,,,se poi decideranno di aprire al reddito di inclusione ….il REI,s allora ci accorderanno un piccolo sovrappiù’ alle 276 euro della invalidità’ civile …per andare a vergognarsi meno …e a concederci di chiedere continuamente …di avere un minimo di considerazione …per che non ha Santi in paradiso …e che la vita non ha regalato nulla
      ciao

    3. si a 66 anni e mi sembra , 7 mesi sono stata oggi a l’ INPS di se non cambiano le cose , 480, 00 e la pensione di vecchiaia a 70 anni …e chi ha diritto alle pensioni d’ oro a 30 anni

  3. Salve a chi bisogna rivolgersi per ottenere tutto quello che ho letto sono un uomo di 58 anni dissocupato dal 1 dicembre 2016 grazie

    1. purtroppo non c’e nessuno che ascolta …mi dispiace …questa e’ una scatola cinese ….fanno delle leggi incomplete …le emettono …dopo che le hanno varate , …ops le correggono e sinceri dicono che una dimenticanza non hanno incluso come si doveva (esempio ) gli invalidi …per cui avviene la correzione ……dopo che i comuni hanno respinto le domande perché non corrispondenti …e nessuno sa della nuova correzione e aggiornamento ..cosi’ anche se viene aggiunto “” stanziati altri 30. o 40 o …..nessuno lo saprà mai i comuni li hanno gia rifiutati quelle domande non aderenti…….. e cosi’ van via le opportunità di gente che davvero sta male e non sa come fare a vivere spero che anche questa gente un giorno capisca come c si fa ad essere mortificati da un proprio simile …..i giochi un giorno finiranno anche per loro

      1. Hai perfettamente ragione, e credo che quel giorno si stia avvicinando in fretta! beati gli ultimi!

      2. I giochi finiranno quando un’altro governo eletto democraticamente prenderà il loro posto, cambieranno queste leggi e questo menefreghismo verso tutti gli over.

        1. ma ci credi veramente? anch’io lo spero, ma vedo che non si muove nulla, che governi tizio o caio i problemi veri rimangono sempre irrisolti

    1. HO QUASI IL TUO STESSO PROBLEMA, NON HO SOLUZIONI, MA INDICAZIONI: CAMBIAMO NAZIONE, FINO AD ORA NON CI SONO RIUSCITO.SE HAI QUALCHE IDEA O LAVORO ALL’ESTERO FAMMELO SAPERE, PARTIREMO INSIEME.

      1. HAI RAGIONE MA NON E’ GIUSTO, PRIMA O POI QUALCOSA USCIRA’: BASTA CHE FINISCA LA PARENTOPOLI,LE CASTE, I MASSONI, I CORROTTI E I CORRUTTORI,I BARONI, I FIGLI DI….I COMPARI E COMPARIELLI, I MAFIOSI(CON I COLLETTI E SENZA). LA SAI L’ULTIMA? IL PAPA PASSEGGIANDO CON IL SUO ASSISTENTE NEI GIARDINI DEL VATICANO GLI CONFIDA DI VOLER FARE UN DOCUMENTO DI “SCOMUNICA” PER I CORROTTI ED I CORRUTTORI. IL DIRETTORE DEL GIORNALE VICINO AL VATICANO AVEVA SENTITO LA DICHIARAZIONE DEL PAPA E VOLEVA DARE GRAN RISALTO ALLA NOTIZIA, MA LA DEONTOLOGIA PROFESSIONALE LE CONSIGLIAVA ALTRO TITOLO, OVVERO:
        “CERCASI PRETI ANCHE PRIMA ESPERIENZA”. VEDI NON BISOGNA DEMORDERE C’E’ SEMPRE UNA SPERANZA DI TROVARE LAVORO.
        CARO EMANUELE NON DARE QUESTI CONSIGLI E PREPARA L’ ABITO TALARE

  4. Sono perfettamente d’accordo con il primo commento di Massimo Giancola. Io sono un pensionato 70 enne, ma ho un fratello quasi 65 enne disoccupato, dopo aver lavorato per piu di 30 anni come camionista, di cui una diecina di anni in nero.
    Sono mesi che studio al compiuter, tutti i provvedimenti governativi in favore dei più sfortunati della nostra società, ossia, di chi resta senza lavoro dopo una certa età. Cosa ho scoperto, ho scoperto che: se perdi il lavoro, hai diritto alla disoccupazione Naspi, max adesso 1,5 anni, dopo la Naspi, hai diritto alla ASDI, per 6 mesi, ma solo se il disoccupato dimostri un ISEE non superiore a 5000 euro quando ancora lavorava. Quindi per avere diritto all’ASDI dovevi essre un pezzente prima della disoccupazione. Dopo l’ASDI c’è un aiuto ancora di 40 euro al mese per continuare a chiedere la carità, e poi c’è il miraggio finale del VOUCHER irraggiungibile. Concludendo si può dire, che solo la disoccupazione dopo un licenziamento è qualcosa di sicuro, il resto è una corsa ad ostacoli inutile senza speranza. L’unica soluzione, è il reddito di cittadinanza proposto da Grillo, affinchè nessuno resti inietro.
    Persico Mollica Ferdinando

  5. L’unica cosa che dico è che viviamo in uno stato di merda!!!!

  6. Cari miei questa e l’Italia paese mal governato da pseudi politici che pensano solo alla poltrona io gli darei una sedia ma in testa
    E poi si meravigliano che i pensionati si rifugiono in altri paesi una volta declassati ma ora paradisi in confronto al nostro paese portato alla deriva
    Ci vorrebbe un nuovo masaniello

  7. Salve, ho 49 anni e son da 3 anni che non lavoro, sono un ex libero professionista (geometra) che ha dovuto chiudere l’attività causa troppe tasse, quali sono i miei diritti?

  8. ho u impresa edile con categoria og1-2 posso rispondere alle gare di appalto a euro:700000 mi serve un geometra cper rispondere alle gare pubbliche che verrà pagato a percentuale ,ti interessa?

  9. POSSIBILE CHE UNA PERSONA NON DEVE PIU LAVORARE A 52 ANNI CON FAMIGLIA IL GOVERNO DICE MA NON MANTIENE MANDATE AL QUEL PAESE LA FORNERO DATE LAVORO E NON SFRUTTATE LA GENTE LE TASSE CHI LE DEVE PAGARE AIUTATE ALMENO AL LAVORO HO FAMIGLIA E HO BISOGNO SALUTI

  10. 56 anni senza contributi solo 10 anni. senza pensione ,cke fine faremo noi 50 60,x il governo non ci aiuta,

  11. SIA , 80EURO BONUS, ASDI, ETC ETC sono un over 59 ho lavorato sino che mi hanno consentito dal 1986 al 2088 con 22 di contributi poi la ditta privata e’ fallita trascinandomi nell’incubo di disoccupazione.
    da quel giorno ho provato a fare di tutto e’ di piu’ ma sempre con contratti barlocchi tipo part time ed invece lavoraro 12 o 13 ore al giorno(o quello o cazzi) , oppure in nero perche’ quello c’era.
    lo stato mi ha premiato con un anno di disoccupazione dopo di che arrangiati e vaffanculo ci pensi tu se hai famiglia come hai fatto prima. pero’ le bollette li manda , pero’ vuole garantito il diritto allo studio per i figli, pero’ pero’ e tanti pero’, io se tornassi indietro me ne sarei andato in danimarca , svizzera , germania, etc etc ma mai in italia dove lo spaccato di vita risulta evidente. troppi poveri e troppi ricchi .

  12. Finanziamenti aperti per tutti inclusi gli immigrati quelli veramente esclusi sono gli uomini dai 35 anni in su chiaramente per chi ha circa 50 anni é una tragedia.
    E il governo pensa ad altro…

  13. Signori questo governo a noi non ci pensa mi sembra più che chiaro e quindi Vi Prego alle prossime elezioni pensateci bene …

  14. cari miei oggi sono stata al comune per chiedere se vi era una traccia dii questo reddito di inclusione ,ebbene non c’e’ nessuna informazione ne’ sulla procedura ne’ un’ informazione anticipata e’ vero che sara’ comunicato il mese di dicembre ma sicuro nei comuni c’e’ il silenzio assoluto ….il famoso Rei fratello grande del Sia ….per ora non c’è
    traccia mah !!!

  15. Tranquilla pochi giorni prima dell’elezione si concretizzerà tutto … Il tutto condito da bonus per tutti.

    1. grazie per la simpatia Sandro ma credo che chiunque vada su avra” delle belle sorprese tra la boldrini e boeri … che hanno cosi’ pubblicizzato gli immigrati e ora non si presta neppure attenzione al popolo Italiano….saranno solo buchi finanziari da riparare ….. e a chi tocchera’ fare il riparatore di turno ?????….e che fine fara’il popolo ??? e che fara???? portato allo stremo …ci daranno delle brioche …come la Regina Maria Antonietta ………

  16. 56 anni licenziato per giusta causa, (da una cooperativa sociale) adesso naturalmente di un nuovo lavoro non se ne parla, ore e ore al pc alla caccia di una speranza, quasi 100 cv inviati. Per due anni usufruiro’ della naspi, e dopo?

  17. Perché prendersela con l’Italia,lo stato ecc… Ci sono persone fisiche che comandano e noi non dobbiamo più votarli é semplice cambiamo cambiamo cambiamo.

  18. Bella schifezza!!!! i pezzi di merda vanno in pensione anche con 48 anni di età, percependo una pensione di circa 5.000,00€ al mese!!!! Non parliamo poi dell’ INPS, altro ente guidato da cioccolatino Boeri (PD) che fa gli interessi dei parlamentari del suo partito!!!!!! non certo per i semplici pensionati a cui dopo anni gli vengono richiesti i soldi indietro, perchè l’ INPS ha sbagliato!!!! In Italia esistono molte lobby intoccabili!!!!!! Sarebbe ora di finirla!!!! hanno e continuano a rompere le @@, non se ne può più!!!!! Purtroppo devo dirlo!!!! noi Italiani siamo dei pecoroni!!!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA