Diritto e Fisco | Editoriale

Olimpiadi © Londra 2012: una nuova guerra sul copyright

28 Mag 2012 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 28 Mag 2012



Anche le Olimpiadi Londra 2012 coperte dal copyright: vietato l’uso del termine e dei simboli dell’evento.

In un anno in cui il copyright ha coperto profumilinguaggi di programmazionemutazioni genetiche, inni elettorali americani e persino il Papa , non potevano mancare anche le Olimpiadi.

Tutta l’iconografia ufficiale di “Londra 2012” sarà “strettamente riservata” e nessuna azienda, che non sia sponsor ufficiale dei giochi olimpici, potrà utilizzare la parola o i simboli dell’evento. Ad essere protetti non saranno ovviamente i cinque cerchi intersercati (che sono parte del logo del CIO, Comitato Internazionale Olimpionico e, secondo alcuni, già di titolarità di quest’ultimo e del CONI), ma l’intero emblema (o logo): un’immagine cioè stilizzata che normalmente combina i cinque cerchi con elementi che rappresentano la città o il paese organizzatore [1].

Per evitare infrazioni al copyright, il governo britannico ha emanato un’apposita legge, con un enforcement notevole sulle condanne penali. Il Comitato olimpionico, peraltro, ha già istituito i “logocop”, poliziotti autorizzati a intervenire in caso di violazione dei segni distintivi protetti, rimuovendo o coprendo qualsiasi marchio o etichetta non autorizzato.

Qualsiasi combinazione di immagini o parole che possano evocare la Grande Esibizione di questa estate sarà vietata e censurata. Alla Easy Jet, per esempio, è stato impedito di utilizzare una storica foto di Sally Gunnell con la bandiera britannica  sulle spalle, colpevole – secondo i logocop – di creare nei passeggeri la convinzione che la compagnia aerea sia uno degli sponsor ufficiali.

Anche gli atleti non sfuggiranno ai controlli: non potranno parlare di quello che mangiano, pubblicare immagini scattate all’interno degli impianti o del villaggio olimpico, pubblicare messaggi sui social network che facciano riferimento alle competizioni o agli altri partecipanti.

Saranno interdette anche le foto non autorizzate, che non siano per uso personale.

Insomma, anche la manifestazione che doveva rappresentare la libertà e la pace tra i popoli rischia di essere l’ennesima occasione per dare battaglie a suon di carta filigranata.

 

 


note

[1] Diverso dall’emblema è poi il “Poster olimpico”, un’immagine più complessa del logo, disegnata normalmente da un artista della nazione organizzatrice e che rappresenta una singola edizione dei giochi.

Ogni edizione dei giochi olimpici ha avuto il suo poster e il suo logo. Nei primi tempi, il poster era l’immagine ufficiale che contraddistingueva l’Olimpiade, ma dal 1924 ha assunto via via più importanza l’emblema, per via della sua maggiore semplicità.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI