Diritto e Fisco | Articoli

Perché Facebook chiede la carta d’identità?

25 Luglio 2016 | Autore:
Perché Facebook chiede la carta d’identità?

Per motivi di sicurezza, Facebook chiede agli utenti la carta di identità, anche per smascherare i falsi profili: come avviene la richiesta e come comportarsi quando la si riceve?

 

Facebook chiede la carta d’identità: perché?

Già da diverso tempo Facebook, per evitare la presenza di falsi profili o scambi di persona, ha chiesto ad alcuni utenti di verificare il loro account con carta d’identità.

Purtroppo, il fenomeno dei fakes (il nome inglese di profilo falso) è in costante crescita e i dati parlano chiaro: su un miliardo e trecento milioni di utenti la probabilità di imbattersi in un fake è altissima.

I motivi per cui essi vengono creati sono i più vari, ad esempio per operazioni di marketing o per tenere sotto controllo una persona, fino ad arrivare a molestarla e a sostituirsi ad essa. Un vero e proprio stalking digitale, praticamente, che può portare a pene pesanti, anche detentive (si veda https://www.laleggepertutti.it/126146_facebook-profili-falsi-conseguenze-e-rimedi).

Proprio nell’ottica di contrastare questo preoccupante fenomeno, i gestori del social network più famoso al mondo hanno deciso di bloccare molti degli account degli iscritti, per verificarne l’autenticità.

Facebook chiede la carta d’identità: come avviene?

In pratica, nel momento in cui viene inoltrata la richiesta e fino a quando non si fornisce il documento, il profilo scompare come fosse stato cancellato: se si effettua l’accesso inserendo le proprie credenziali (il nome utente e la password, per intenderci) il sito ci dirà che la pagina è inesistente. Ma non bisogna preoccuparsi: si tratta di una sospensione temporanea.

Facebook chiede la carta d’identità: con che criterio?

Il criterio usato da Facebook  per verificare il profilo sospetto e i motivi per cui arriva a chiedere il documento d’identità non sono casuali.

Si considerano, per prima cosa, eventuali segnalazioni effettuate da altri utenti:  Facebook, infatti, prevede un servizio di segnalazione delle attività abusive e dei comportamenti offensivi che consente di indicare ai responsabili del sito gli utenti che non hanno una condotta corretta e utilizzano il proprio account per attività lesive nei confronti di altri utenti. Basta collegarsi alla pagina del profilo scorretto e cliccare sulla voce “Segnala/blocca questa persona” che si trova in fondo a sinistra.

Un altro indice considerato ai fini della richiesta del documento di identità è il nome famoso o comune della persona e il numero di amicizie che questa ha.

Inoltre, un altro fattore che induce a effettuare la verifica è il fatto che l’utente in questione si colleghi sempre da città diverse.

Facebook chiede la carta d’identità: quale documento inviare?

Nel momento in cui i gestori del social inviano la richiesta, è bene – per quanto possa risultare fastidioso o poco rispettoso della nostra riservatezza – provvedere all’invio.

Facebook mette a disposizione tre modi per verificare l’autenticità dell’utente: qualunque si scelga è sempre bene oscurare tutte le informazioni personali non necessarie per la verifica dell’identità (ad esempio, numero della carta di credito, numero di previdenza sociale), stando certi – comunque – che al completamento della verifica, le informazioni del documento verranno eliminate.

La prima opzione consiste nell’inviare il documento di identità ufficiale, che riporti il nome e data di nascita o il nome e una foto. Ad esempio, passaporto, scheda elettorale, patente di guida, certificato di nascita, certificato di matrimonio, assicurazione personale o del veicolo, permesso di soggiorno.

In alternativa, si potranno presentare due documenti non ufficiali: l’importante è che il nome riportato in entrambi coincida. Uno dei documenti deve contenere una foto o la data di nascita corrispondente al contenuto del profilo; in questo modo, è possibile verificare che vi sia coincidenza tra il titolare dell’account e quello dei documenti presentati.

A titolo di esempio, si può scegliere tra posta, assegno, tessera trasporti pubblici, una bolletta, carta di credito, tesserino scolastico, tessera della biblioteca, busta paga, pagella scolastica, analisi mediche, estratto conto, tesserino sanitario, talloncino dell’abbonamento a una rivista.

Altro metodo per confermare l’identità consiste nel fornire un altro documento di identità con informazioni corrispondenti a quelle del tuo profilo Facebook. Occorrono, però, tre documenti di identità: due diversi tipi di documenti di identità tra quelli elencati nella seconda opzione che riportino il nome autentico e un altro documento con la data di nascita o una foto corrispondente al contenuto del tuo profilo Facebook.

Facebook chiede la carta d’identità: come caricarlo?

Caricare la copia del documento è semplice:

  1. prendi il tuo documento di identità e copri le informazioni riservate (ad esempio, il numero di patente o passaporto);
  2. scannerizza o scatta una foto del tuo documento di identità da una distanza ravvicinata, assicurandoti che il nome, la data di nascita e la foto siano chiaramente visibili;
  3. salva l’immagine sul computer;
  4. torna al modulo di contatto, clicca su “Carica” e seleziona il file che contiene il documento di identità.

 

 

Facebook chiede la carta d’identità: come evitare?

Qualsiasi sia il motivo, il modo per evitare che accada di dover fornire informazioni sulla propria identità è usando nome e cognome vero e verificando il proprio profilo tramite numero di cellulare: per farlo, basta cliccare sulla freccetta in alto a destra della pagina, poi su “Impostazioni”, poi su “Per Cellulare” nel menù a sinistra della pagina, e poi “Aggiungi un numero di cellulare”. Tramite sms si riceverà gratuitamente un codice con il quale dovremo confermare il numero inserito, che rimarrà, comunque, privato (cioè non visibile a tutti).

Facebook chiede la carta d’identità: cosa succede se non la si invia?

Se, ricevuta la richiesta, non si invia nulla, non è escluso che Facebook sblocchi il profilo che torna utilizzabile.

Per evitare che ci venga nuovamente fatta la richiesta, una volta rientrati in possesso del profilo, conviene cambiare la password e aggiungere la verifica del numero cellulare.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

16 Commenti

  1. e’ un mondo
    in cui presto saremo tutti schedati, prese le impronte, microcippati e preso pure il nostro DNA

    1. Ho visto che si può usare pseudonimi e così ho fatto. Non ho usato nomi altrui né commesso atti illeciti e tantomeno cercato guadagni o altre cose simili. Unico intento non essere controllabile ad esempio dal datore di lavoro, da persone che non desidero coinvolgere ecc.
      Mi risulta che possono essere bloccati i profili di chi commette qualcosa di illegale, di chi si spaccia per qualcun altro o ruba identità…la maggior parte della persone che conosco usa nickname visto l’uso spesso farfallesco dei social. Niente foto, su questo non transigo! Prendo atto che dovrei inviare documenti personali comprensivi di foto perché qualcuno mi ha segnalato per non so quale ragione o per ragioni simili. Non esiste proprio! Perfino la legge deve ipotizzare un reato per chiederlo e dovrei mandarli a loro?? Scherzeremo mica!

  2. salve, ho letto che la Data Protection Authority tedesca ha dichiarato illegale la “real name policy” di Facebook per violazione del diritto alla privacy degli iscritti e quello di usare uno pseudonimo. Visto che il nostro Codice della privacy si fonda sulla direttiva europea, e visto che il Garante suggerisce di creare “pseudonimi differenti in ciascuna rete cui partecipi”, come mai Facebook continua a chiedere il documento di identità agli iscritti? Grazie per l’attenzione! Donato

  3. Ottima domanda,anche io nel mio profilo usavo uno pseudonimo/nick name,da me inventato,perche mi piaceva,segnalato probabilmente,e mr fb mi ha messo il blocco,obbligandomi a confermare nome e cognome con tanto di documento di identità,ora nn posso piu cambiare nome. A che pro nn lo capisco :/

  4. ma mandate a cacare sto facebook , siete dei drogati di social , loro fanno i milioni e voi fate i coglioni a prendervi collera

  5. Ma perché pubblicate informazioni non esatte se non del tutto errate? Non è vero che Facebook elimina le informazioni del documento, chi lo verifica, e dove c’è scritto? Sulla pagina informativa di Facebook si legge: “Dopo che ci avrai inviato una copia del tuo documento di identità, questa sarà crittografata e memorizzata in modo sicuro. Il tuo documento d’identità non sarà visibile a nessuno su Facebook.”
    Dunque, non dice che il documento viene eliminato, ma viene custodito nei loro archivi.
    Inoltre, sempre dalle info che fornisce, si legge: “Per migliorare i nostri sistemi per il rilevamento di documenti di identità falsi e contenuti offensivi correlati, potremmo chiederti l’autorizzazione a usare una copia crittografata del tuo documento di identità per un anno. Il tuo documento di identità non sarà usato per questo motivo se non indicato nel momento in cui lo hai inviato a Facebook.”.
    Nel momento in cui si invia il documneto NON mi è stata chiesta nessuna autorizzazione ad usare una copia crittografata del documento di identità per un anno. Nient’altro viene indicato nel momento in ciu si invia il documento a Facebook.

    Poi si legge ancora: “Se non vuoi che Facebook usi il tuo documento d’identità per migliorare i sistemi automatizzati per il rilevamento di documenti di identità falsi, puoi modificare le impostazioni relative alla conferma dell’identità. Se disattivi questa opzione, la copia del tuo documento di identità verrà eliminata entro 30 giorni dall’invio o quando hai disattivato questa opzione.”

    Peccato che non si trova dove modificare le impostazioni relative alla conferma dell’identità per disattivare questa opzione.

    Dunque il comportamento di Facebook non mi pare affatto corretto.

    In fine specifica che: “Nota: se ci invii una copia del tuo documento di identità durante la procedura di autorizzazione per pubblicare inserzioni relative a contenuti di natura politica o temi di interesse nazionale, il tuo documento di identità verrà automaticamente eliminato entro 30 giorni. La copia del tuo documento di identità verrà usata solo per confermare la tua identità. Non sarà utilizzata per migliorare i nostri sistemi automatizzati.”

    LALEGGEPERTUTTI, dovresti essere più attento quando fornisci informazioni.

  6. E’ successo anche con l’account di mia sorella.Creto e confermato ma dopo pochi giorni bloccato per MOVIMENTI SOPSPETTI (Ho visto che ad ogni logon TIM cambia PIN e localita’ dell’IP) .Inviati documenti in regola ma dopo giorni nessuna risposta !!!

  7. Negli anni 90, prima che grosse corporation conquistassero internet per fare soldi coi dati degli utenti, non vi era alcun tipo di verifica dell’identità ed internet era un posto migliore, in cui la gente si aiutava a vicenda e condivideva le proprie conoscenze. Nessuno utilizzava il proprio nome vero, era da IDIOTA farlo perché la prima cosa che si imparava su internet è di non fidarsi degli sconosciuti e di non credere a tutto ciò che leggi.
    Adesso usiamo internet per scambiarci meme, buongiornissimi e foto di gattini e abbiamo un’azienda STATUNITENSE che cataloga sistematicamente ogni tipo di DOCUMENTO DI IDENTITA’ (o peggio, privato, contenente dati sensibili – notiamo che tra i documenti suggeriti ci sono anche referti medici) in nome della “sicurezza”.
    Ricordiamoci sempre che Facebook, Google, Whatsapp & co sono equivalenti a SOCIETA’ PER AZIONI e pertanto il loro unico obiettivo è l’incremento del proprio utile, non sono servizi di pubblica utilità (e.g. poste, telefono – servizi che sottostanno a regolamentazioni statali) che esistono per fornirci un qualche servizio essenziale. Come tali devono quindi sottostare a tutte le leggi in merito (fornireste la vostra carta d’identità al fruttivendolo che vi vende le pesche al mercato? Con quale diritto il mio documento deve essere memorizzato in un server in uno stato extra-EU che nemmeno rispetta il GDPR?) e non devono mai essere erte al livello di qualsiasi tipo di autorità.

    1. Giusto appoggio in pieno. La domandona è fino a che punto Facebook ci può venire a chiedere un documento ufficiale come quello della carta d’identità? Essendo tale Facebook fino a prova contraria non ha nulla di ufficiale. Non facendo parte di nessun tipo di corpo sia esso ps gdf cc ecc… Lo staff stesso non viene a presentarsi a noi con nome e cognome. Quindi in qualità di privacy non è che sforano un pò?
      Loro si difendono dicendoti che hanno un loro regolamento interno. In pratica accedendo al loro server entri in casa loro. Ed è da qui che si permettono di decidere chi entra e chi no. In questo il garante della privacy non credo che abbia chissà quale potere. E’ come se qualcuno entra in casa mia a comandare. Penso che ha nessuno di noi faccia piacere una cosa del genere… Fatto sta che loro ti chiedono un documento ufficiale quando già stai all’interno della loro piattaforma. Quindi qui, quale autorità se non tramite un mandato può dire fate bene o fate male?

      1. Io, guardacaso, ho una mia policy interna di non fornire la mia carta di identitá a soconosciuti. Quindi niente facebook.

  8. B sera, mi hanno bloccato fb per 7 giorni, dicono che non posso pubblicare perchè un mio post viola gli standard, catalogato come organizzazione pericolosa, ma so matti… come si permettono, poi non ho modo di sapere di quale post di parli, e mi trovo la richiesta della verifica dell’account , mi inviano il codice sul cell, tutto ok, poi il messaggio di richiesta documenti, poi il messaggio di ringraziamento per aver ricevuto il medesimo, con il messaggio di problemi di personale visto il covid, e per la valutazione ci vuole più tempo. Non possiamo darti accesso a questo account o aiutarti con la tua richiesta fino a quando non riceveremo un documento di identità accettato che corrisponda alle informazioni elencate nell’account. Ulteriori informazioni sui tipi di ID che accettiamo nel Centro assistenza:
    Ciao Hans Leonida,
    Il tuo account Facebook è stato disabilitato. Il motivo è che il tuo account, o le relative attività, non rispettano i nostri Standard della community.

    Se pensi che abbiamo disabilitato il tuo account per errore, possiamo aiutarti a richiedere un controllo. Dovrai completare questi passaggi entro 30 giorni per evitare che il tuo account venga disabilitato in modo permanente.
    Allora ricapitolando, che debbo fare?

  9. Il mio account Facebook è stato bloccato due settimane fa per un’attività insolita che io non ho riscontrato. Ho caricato più volte la mia carta d’identità, ma ancora nessuna risposta. Devo aspettare o posso considerare il mio Facebook perso dopo 13 anni?
    Please help!

    1. Se dopo aver inserito e-mail e password, compare il messaggio “Account disabilitato”, il tuo profilo è bloccato dal sito. Se invece nell’effettuare l’accesso non visualizzi il messaggio che indica che l’account è stato disabilitato, allora potrebbe trattarsi di un altro problema di accesso. In genere, l’account Facebook viene disabilitato a seguito della pubblicazione di contenuti che non rispettano le condizioni del social network; nel caso di uso di un nome falso; in caso di furto d’identità., in presenza di azioni che non rispettano gli standard della community; nell’ipotesi di contatti con altre persone a scopo di molestia, pubblicità, promozione o altri comportamenti non consentiti. Se il tuo account è stato disabilitato per errore, puoi compilare l’apposito modulo messo a disposizione dal social per richiedere un controllo.

  10. voglio cancellare un profilo vecchio mai usato ma mi chiede un documento x entrare in quanto era con un nome di fantasia come posso fare per rimuoverlo senza inviare i miei documenti

  11. È una vergogna, è il fallimento della privacy. Ma sciocchi noi che continuiamo a regalare i nostri dati al signor Zuckerberg. La cosa giusta sarebbe smettere di utilizzare i suoi social e anche whatsapp (le alternative valide ci sono, vedi ad esempio telegram) e cambiare le proprie (cattive) abitudini.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube